Google+

Guerra e pace in Centrafrica. Cosa va (e cosa no) negli accordi del Forum di Bangui

maggio 12, 2015 Redazione

La cautela è d’obbligo sulla fine della guerra in Centrafrica. Se molte fazioni (non tutte) hanno firmato il disarmo, non è chiaro come si comporteranno gli ex miliziani una volta integrati nell’esercito

Si è chiuso ieri il Forum nazionale di Bangui, che tutti sperano possa mettere la parola fine alla guerra che da oltre due anni si protrae nella Repubblica Centrafricana. Alla conferenza organizzata per riportare la pace in uno dei paesi più poveri del mondo hanno partecipato quasi 600 persone, membri delle principali fazioni in guerra, venuti dai quattro angoli del Centrafrica. Sono stati firmati accordi importanti, anche se non mancano i punti interrogativi.

DISARMO. Innanzitutto, è stato firmato un accordo sul programma di disarmo, smobilitazione e reinserimento (Ddr). Durante la sottoscrizione del documento, sabato, ci sono state urla e scenate da parte di molti membri degli anti-balaka e dei Seleka, che si scontrano in modo sanguinoso dal gennaio del 2014. Alla fine i miliziani sembrano aver ceduto e accettato l’accordo.

INSERITI NELL’ESERCITO. Il piano prevede che i singoli combattenti consegnino le armi di cui dispongono. In cambio, gli ex miliziani potranno entrare nell’esercito, nella polizia o in altri corpi statali. Oppure, potranno beneficiare di “programmi di sviluppo comunitario” nelle varie aree del paese. I mercenari stranieri provenienti soprattutto da Ciad e Sudan potranno fare ritorno nei loro paesi di origine, a patto che non abbiano commesso crimini di guerra.

ELEZIONI RINVIATE. L’altro punto importante dell’accordo è il rinvio delle elezioni, previste per luglio o agosto. Attualmente il paese non è assolutamente in grado di garantire uno svolgimento corretto del voto, perciò, almeno fino alla fine dell’anno, resterà al potere il governo provvisorio di Catherine Samba-Panza. Rappresentanti delle istituzioni centrafricane e dell’Onu hanno salutato positivamente gli accordi raggiunti a Bangui, ma restano delle ombre.

DIALOGO A METÀ. Alla conferenza non ha partecipato una delle tre principali fazioni dei Seleka, quella guidata dall’ex presidente Michel Djotodia, che nel marzo del 2013 ha realizzato un colpo di Stato ai danni di François Bozizé. Neanche gli uomini di quest’ultimo sono stati ammessi al dialogo. Il rischio, quindi, è che non vogliano accettarne i risultati.

ESERCITO A RISCHIO. Inoltre, come dichiarato dal missionario carmelitano padre Aurelio Gazzera a Radio Vaticana, «integrare i miliziani nell’esercito e in un esercito che è già molto debole da tutti i punti di vista – prima di tutto da quella della formazione e dal punto di vista etico e morale – per me è molto pericoloso e non è un grande vantaggio».

SERVE L’EDUCAZIONE. Quello che molti in Centrafrica ancora non hanno capito, continua il missionario, «è che affinché il Paese torni alla pace ci vuole un grosso cambiamento di mentalità, un grosso cambiamento di comportamento. Penso alla corruzione, ma anche a una amministrazione seria e alla debolezza del sistema scolastico».

«SOLO LA CHIESA». In tutto il paese saranno fondati comitati locali per la pace e la riconciliazione, insieme a una Commissione verità, giustizia e riconciliazione. La speranza è che possano servire a sanare ferite profondamente, che finora solo la Chiesa ha affrontato. «La Chiesa – conclude Gazzera – è stata veramente l’unico elemento fermo in questo disordine. Quasi tutte le parrocchie si sono aperte ad accogliere cristiani, musulmani, e tutti coloro che avevano bisogno. Speriamo non sia uno degli ennesimi accordi firmati e regolarmente non rispettati».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana