Google+

Guardi dottore che non sono “io” l’immagine in quella lastra

novembre 3, 2014 Marina Corradi

Ogni volta che una radiografia mostra le mie ossa, sono presa da un senso d’inquietudine. Come sia che questo insieme di muscoli e nervi, materia dunque, sostenga ciò che è un uomo, mi risulta un assoluto mistero

radiografia«Vede, signora, questo è il calcagno, e questa è la calcificazione che la fa zoppicare». Nel monitor del pc del medico osservo la radiografia del mio piede sinistro. Tutte le volte che mi trovo davanti a una lastra che mostra le mie ossa, sono presa da questo stesso senso d’inquietudine. Dunque, mi dico con stupore, io sono fatta così, dentro. Le immagini dei polmoni, con il disegno netto delle costole e l’ombra del cuore, mi turbano. È una cosa difficile da dire, ma, insomma, ciò che la tecnica può fotografare di me è indubitabilmente oggettivo, e in quelle radiografie ci sono io. Eppure, avverto sempre come uno scarto. Vorrei dire al medico: guardi, dottore, che io non sono semplicemente ciò che lei può fotografare.

D’altronde, dove veramente sta ciò che io chiamo “io”? Nel cervello forse, nell’equilibrio segreto dei neuroni? Ma una Tac al cervello mostrerebbe solo carne e ossa e nervi: materia, roba. Nel cuore forse, allora? Ma, a guardarlo da vicino si palesa come una robusta, semplice pompa che ritmicamente spinge il sangue nelle arterie.

Come sia che questo insieme di muscoli e nervi, materia dunque, sostenga ciò che è un uomo, mi risulta un assoluto mistero. E prendo le mie radiografie e me le riguardo, sconcertata: sono io, quelle ombre e quelle viscere buie. Sono io, eppure, dottore, vorrei spiegarle: tutto ciò che lei fotografa e scansisce è reale, inoppugnabile. Eppure nulla compare in quelle immagini, nulla di ciò che sono io, davvero.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.