Google+

Grace si è baciata allo specchio e poi si è sposata. Con se stessa

ottobre 14, 2014 Emanuele Boffi

Dopo sei anni da single (in cui ha «costruito un magnifico rapporto con me stessa»), una trentenne inglese si è sposata, organizzando una cerimonia con tanto di anelli, invitati e bacio

sinodo-famiglia-matrimonio-tempi-copertinaQuando abbiamo mandato in stampa una delle ultime copertine di Tempi raffigurante una ragazza davanti a uno specchio e il titolo “Mi piaccio, mi sposo” non avremmo mai potuto immaginare che, come si dice in questi casi, la realtà avrebbe superato la fantasia.

IL BACIO ALLO SPECCHIO. Grace Gelder, fotografa e videomaker inglese, ha scritto un articolo sul Guardian per raccontare il suo “matrimonio con se stessa”. «Ho un forte ricordo – ha detto – di quando avevo 18 anni e studiavo arte e spettacolo all’università. All’epoca ascoltavo spesso la canzone Isobel di Bjork, che cantava “My name’s Isobel, married to myself”. Ho pensato che fosse folle, ma poi ho capito che si trattava di fare un patto con se stessi e poi realizzarlo con la mia condotta di vita».
Così, dopo sei anni da single (in cui ha «costruito un magnifico rapporto con me stessa»), la giovane trentenne si è chiesta la mano su una panchina di Parliament Hill e ha deciso di sposarsi a marzo, organizzando una cerimonia con tanto di anelli, invitati e bacio (narcisisticamento allo specchio). «Prendendomi in sposa – ha spiegato – ho voluto celebrare questa avventurosa scoperta di me stessa e inaugurare una nuova fase della mia vita. Sono molto a mio agio con le mie motivazioni. E poi i miei genitori non mi hanno mai ostacolato. Alla cerimonia si sono presentate cinquanta persone, molte più di quante ne aspettassi».

SE CI AUTO-BASTIAMO. Ovviamente il matrimonio di Grace non ha alcun valore legale e, altrettanto ovviamente, siamo nel campo delle pagliacciate di una semi-pseudo-artista. Ma ciò che sconcerta oggi, perché non dovrebbe diventare “normale” domani? Gli stessi genitori di Grace, che pure non hanno partecipato alla cerimonia, le hanno però dato il loro appoggio: se questo ti fa felice, fallo.
Se ciò che conta è “stare bene con se stessi”, se le relazioni impegnative sono solo “fatica”, se l’amore non è “donarsi” ma “bastarsi”, che bisogno abbiamo degli altri? Perché dovremmo sacrificarci per costruire qualcosa («una vita», si diceva una volta) con qualcun altro? La grottesca performance di Grace è a suo modo emblema dell’egotismo della nostra società occidentale. Inconsapevole di un senso delle cose, spaventata da ciò che le sta intorno, finisce col rifugiarsi in se stessa, non accorgendosi che è proprio questa la sua rovina (Narciso finì affogato nell’acqua in cui si specchiava). L’autoerotismo occidentale è una nevrosi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

31 Commenti

  1. Simone scrive:

    “Il 90% di ciò che chiamiamo nuove idee sono semplicemente vecchi errori. Uno dei principali compiti della Chiesa Cattolica è far si che la gente non commetta questi vecchi errori, in cui è facile ricadere, ripetutamente, se le persone vengono abbandonate, sole, al proprio destino. […] La Chiesa si prende la responsabilità di mettere in guardia il suo popolo su queste realtà, e sta proprio qui l’importanza del suo ruolo. Dogmaticamente essa difende l’umanità dai suoi peggiori nemici, quei mostri antichi, divoratori orribili che sono i vecchi errori.” Perché sono cattolico, Chesterton

    Negli anni 70 veniva detto che il matrimonio era una istituzione vecchia, passata, oramai non più attuale e veniva indicata la Chiesa come nemico per la liberazione da questo fardello. La Chiesa ha continuato a difendere questa istituzione sapendo che era per l’uomo e che era per il suo bene.
    Oggi tutti vogliono il matrimonio, anche chi non è fatto per il matrimonio, anche chi vuole, in fondo, solo sporcarlo, sputtanarlo, distruggerlo come istituzione. La Chiesa, sapendo che è per l’uomo, per il compimento della coppia fatta da un uomo ed una donna, continua a difenderlo contro tutto e tutti.
    Almeno spero. Spero che tenga duro.

    • Lena scrive:

      Ma che errore ci sarebbe nello sposarsi con sé stessi? E’ ovvio che si tratta solo di un gesto simbolico, per indicare la definitività di una scelta di vita da single.

      • Toni scrive:

        L’impostazione vale anche se:
        Ma che errore ci sarebbe nello sposarsi con un gatto? E’ ovvio che si tratta solo di un gesto simbolico, per indicare la definitività di una scelta nell’amare i felini.
        ( discorso analogo, con cane, panda, canguro ecc.)

        Ma che errore ci sarebbe nello sposarsi con un robot? E’ ovvio che si tratta solo di un gesto simbolico, per indicare la definitività di una scelta nell’amare la robotica. (mi ricordo che del Tecnocrate non diceva questo…ma quasi).

        Gesti simbolici ? … Perché se sono presi sul serio e li farà felici?
        Se si sposano due maschi (o femmine) ogni cosa è possibile.

      • beppe scrive:

        LENA, il fatto che di fronte a qualsiasi follia o stronzata o furbata qualcuno di voi riesca a dire la fatidica frase ” ma che male c’è ” è il segno della debolezza mentale dei nostri tempi. e la conferma che ascoltare le canzoni di bjorg fa diventare scemi.

    • mike scrive:

      la prima riga la incornicerei. vero. sul resto pure d’accordo. solo una considerazione. ho fatto caso che su famiglia cristiana nell’angolo delle lettere scritte dai lettori c’è anche quanto scritto da tale matilde di aprilia sui single. dice una cosa sacrosanta, che l’interesse per la chiesa per essi non esiste. non esistono iniziative per loro. speriamo che al sinodo ci pensino. è assurdo difendere il matrimonio se solo in italia ci sono 8 milioni di single (il dato portato dalla matilde non è nuovo ma è bene ricordarselo) cioè persone che al momento attuale non hanno prospettiva di matrimonio. non servono prediche, catechesi, o dover per forza entrare in qualche gruppo di preghiera che per carità chi vuole faccia pure, è che serve tener conto che parte della popolazione tende a restare sola, poi gli anni passano, e poi ci saranno i costi sociali di tutto ciò. la chiesa che fa? nulla. poi magari su FC in apertura dicono, giustamente certo, che una società senza legami è sfilacciata. ma se ci sono 8 milioni di single e nessuno dà loro una mano la società si sfliaccia si. poi magari si discute del dover fare figli, di difendere la famiglia tradizionale, l’istituto del matrimonio. si ma all’origine di ciò ci sono per forza uomini e donne che si incontrano e decidono di restare insieme.
      non mi spiego l’atteggiamento della chiesa. volendo dire qualcosa, o spera che molti di questi single si consacrino o non so forse anche la chiesa checchè ne dica è favorevole alla diminuzione demografica.
      di certo i single sono la categoria su cui scende un grande velo. si ha spesso l’impressione che dei single non freghi un fico secco a nessuno, chiesa inclusa.

      • beppe scrive:

        mike, una volta gli oratori funzionavano da eccellenti agenzie matrimoniali. adesso forse leggono i libri di enzo bianchi e non amoreggiano più.

  2. Toni scrive:

    Mi pare che Pascal lo diceva : “quando si perde il vero Bene tutto diventa bene.” (grosso modo)

    Ci sarà pure chi si sposerà con una bambola gonfiabile. E perché non dargli l’appoggio se questo lo farà felice.

    • Lena scrive:

      Prima di poter dire di averlo perso bisognerebbe sapere che cosa sia, e soprattutto se esista un “vero bene” al singolare…

      • Toni scrive:

        Io lo so perché lo sperimento…. per capirlo bisogna stare lontano dallo specchio….ed anche dalle bambole gonfiabili.

  3. Kan63 scrive:

    Ehi! ma se non ha valore legale non si potrà trascriverlo sui registri dell’anagrafe in Italia…o forse sì?
    Bisognerà chiedere una consulenza a i sindaci Italiani, in particolare direi…il sindaco di Roma Marino, subisco sempre il fascino di uno che quando parla io non capisco niente, ho l’impressione sempre di essere davanti a qualcuno che ne sa molto più di me….

  4. Paolo scrive:

    Ok che è una pagliacciata la storia del matrimonio con se stessa e anche un po’ inquietante, ma definirla una semi-pseudo-artista mi sembra un giudizio gratuito e non basato sui fatti, inoltre il suo lavoro non ha niente a che vedere con quello che ha fatto. Pasolini era omosessuale, ma non credo che nessuno lo definisca pseudoartista per questo, o sbaglio?

    • Pascal scrive:

      Infatti la definizione giusta è “pedofilo” e adescatore di ragazzi in difficoltà.

      • Kan63 scrive:

        Pasolini poteva avere molti difetti ma probabilmente é stato uno dei più grandi personaggi del pensiero Italiano del dopoguerra (se qualcuno si prendesse la briga di leggere gli Scritti Corsari capirebbe meglio).
        Derubricarlo ai suoi difetti non rende giustizia alla grandezza dell’artista.
        Personalmente penso che proprio questa sia una delle lezioni che sta uscendo dal Sinodo, la Chiesa sta ricordando al suo popolo (il realtà la Chiesa non l’aveva mai dimenticato) che il valore della persona va aldilà dei suoi “peccati” che restano tali ma che non devono mai essere usati come una specie di condanna definitiva che allontani il singolo dalla speranza di salvezza.
        Esempi come Pasolini o Testori sono in questo caso illuminanti.

        • beppe scrive:

          caro KAN63 mi sembra che qualcuno confonda pasolini e testori con luxuria e il gay pride. possiamo ammettere che verso gli omosessuali si è spesso usato un linguaggio offensivo ( salvo poi sfruttarli in privato ) ma in questo nessuno – e soprattutto certo mondo dello spettacolo che adesso fa tanto la verginella – è esente da colpe. ma cerchiamo anche di smascherare chi se ne fa una bandiera ideologica e magari un lasciapassare – da martire dell’omofobia.

  5. Valentina scrive:

    Secondo me ciò che ha fatto questa ragazza inglese è una stupidaggine e basta. Non vale la pena di costruirci sopra un articolo. Auguri alla “sposa” (bah).

    • Mappo scrive:

      Valentina, ovvio che quando una notizia disturba la vostra visione dogmatica e fondamentalistica della vita la si debba ridurre ad una non notizia. Questa poveretta sta semplicemente mettendo in pratica quello che tu e le varie Filomene e Shiva predicate su questo forum indefessamente notte e giorno…..

  6. Filippo81 scrive:

    Un buon psichiatra per grace e gli invitati…..poracci !

  7. Brunella scrive:

    Pur non potendo negare la follia di questa stramba storia, vorrei pensare che Grace – più che un’egoista, egocentrica artistoide non disposta impegnarsi con nessuno al di fuori di se stessa – sia piuttosto una donna triste per non aver trovato fino ad oggi una persona disponibile a rischiare l’avventura di una vita insieme a lei.
    Preferirei pensare che l’avere messo in piedi questo piccolo show rappresenti l’affermazione vuota e, al fondo, disperata dell’impossibilità di un rapporto stabile e fecondo con un uomo.
    Forse – prima di prenderla a icona di una cultura autodeterminante sicuramente presente e ahimè dilagante – occorrerebbe vagliare cosa sta veramente dietro alla sua storia.
    Sarò di manica larga, ma ad una donna il beneficio del dubbio lo darei (molto meno ad un uomo, visto che tanti sono sposati con loro stessi e non se ne rendono neanche conto..).

    • Lena scrive:

      Invece io credo che abbia organizzato questa festa-performance proprio per smentire l’idea del single (soprattutto donna) come persona triste, sfortunata e sola. Quindi di tutto ha bisogno tranne che di compassione. Questo non significa che non esistano persone single contro la loro volontà che vivono questa condizione come una privazione, ma di certo non organizzano feste per sposarsi con sé stessi.

    • Franz scrive:

      te pareva se i soliti poveri str..zi degli uomini non c’entravano

  8. Lena scrive:

    Solo che il Narciso moderno maturo, consapevole e disincantato, non corre più il rischio di affogare come quello ingenuo della mitologia greca.

  9. Toni scrive:

    Interessante cliccare sul collegamento dell’articolo con “the Guardian” per vedere le foto, gli invitati, e l’arcobaleno … il solito arcobaleno… la cava sempre quella è!

  10. giuliano scrive:

    ci penserei prima di dire che il matrimonio di Grace non ha alcun valore legale, potrebbe venire in Italia in un qualsiasi comune di sinistra, e magari anche in qualche comune di destra dopo l’outing di Berlusconi, per trovare sindaci che apriranno per lei, un valido registro di matrimonio

    • Toni scrive:

      Bisogna andare piano con questi suggerimenti, a qualche illuminato sindaco (di sinistra perché quella è la cava) può venire in mente di fare qualche figata di trascrizione.

  11. mariobon489 scrive:

    Sono illuminanti e molto più esaustivi di quanto non possa mai fare io, gli aticoli ed i commenti di Alessandro Gnocchi su “Riscossa Cristiana” che ogni internauta può facilmente trovare in rete. Io non scarterei del tutto l’ipotesi che si possa arrivare ad una scissione all’interno della Chiesa Cattolica, in quanto i resistenti a questo nuovo corso sono molto più numerosi di quanto venga ufficialmente ammesso.

  12. Nia scrive:

    Secondo me è solo una trovata per far parlate di sé e basta. Un po’ di egocentrismo infantile fuori etá. Non ci sprecherei nemmeno tante parole ogni tanto i capricci dei bambini vanno ignorati così la smettono. Dovremmo smetterla di sottolineare tutte le imbecillità che vediamo.

  13. gabriele scrive:

    auguri,e,figli maschi.

    • beppe scrive:

      caro gabriele, penso che l’espressione FUTTITI a tutte le latitudini rappresenti bene la tristezza e la sterilità della solitudine umana . che questo mondo nevrotico e psicotico si inventi ogni giorno qualcosa pur di vincere la tentazione della disperazione è comprensibile. ma che faccia di tutto per svilire e e misconoscere la bellezza del rapporto tra un uomo e una donna questo mi sembra assurdo ( se non diabolico).

  14. Sara scrive:

    speriamo ke quando Grace si accorgerà ke nessuno basta a sè stesso(a meno ke non ci sia una particolare vocazione) nella disperazione non si ammazzi…ricordiamola nella preghiera ,con l’aiuto di DIO tutto si può superare

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

È un dato di fatto: la mobilità a pedalata assistita è in costante crescita. A confermarlo sono i numeri: nel 2016 in Italia sono state acquistate 124.400 e-bike, prentemente mountain bike, con un incremento del 120% rispetto allo scorso anno. In sella alla bici elettrica il divertimento raddoppia, potendo contare sull’aiuto che il motore è […]

L'articolo EICMA 2017, le e-bike scendono in pista proviene da RED Live.

COSA: FLOW, la festa dello sport a Finale dura 10 giorni  DOVE E QUANDO: Finale Ligure, Savona, 22 settembre-1° ottobre Dal climbing alla mountain bike passando per il trail running, la speleologia e la barca a vela: si presenta gustoso il programma dell’8ª edizione del festival FLOW – Finale Ligure Outdoor Week. Dal 22 settembre al […]

L'articolo RED Weekend 22-24 settembre, idee per muoversi proviene da RED Live.

Non è una vettura qualsiasi. La nuova XC40, per Volvo, è la chiave della svolta. Il modello sulle cui spalle poggia la responsabilità di far compiere alla Casa svedese un vero e proprio balzo generazionale, aprendole le porte del segmento delle SUV compatte. Una vettura fondamentale nel processo di rilancio messo in atto dalla cinese […]

L'articolo Vista e toccata: Volvo XC40 proviene da RED Live.

Tutto è cominciato con il Mokka X, SUV compatto di grande successo con oltre 600.000 unità vendute; poi è stata la volta di Crossland X, crossover urbano più spazioso e versatile, che ha preparato il terreno alla novità Grandland X, SUV compatto da 4,48 metri che punta su linee muscolose e decise (condivide la piattaforma […]

L'articolo Nuovo Opel Grandland X proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana