Google+

Governo alle canne: approfitta di un errore formale della legge sulle droghe per depenalizzarle tutte

aprile 27, 2014 Alfredo Mantovano

Dopo la sentenza della Consulta che ha imposto la distinzione (errata) tra droghe “leggere” e “pesanti”, ecco la conversione in legge di un decreto che non tiene conto né dei dati scientifici né di quelli sociali

È in via di conversione in legge un decreto del governo sulla droga. Un decreto necessario perché in febbraio la Corte costituzionale ha dichiarato, non per ragioni di merito ma per un vizio formale, l’illegittimità della legge Fini-Giovanardi nella parte che equipara droghe “pesanti” e “leggere”; e però, invece che sanare la forma, il governo ne ha approfittato per reintrodurre la distinzione leggere/pesanti, riducendo le pene per la cannabis e i suoi derivati.

Contro ogni evidenza scientifica: nelle audizioni alla Camera, esperti e rappresentanti di comunità di recupero hanno ricordato che la percentuale di principio attivo (il thc) della cannabis supera oggi di venti volte quella che si trovava una quindicina di anni fa, con effetti tutt’altro che “leggeri”. E contro la vulgata secondo la quale la riforma del 2006 avrebbe riempito le carceri di tossicodipendenti, i dati attestano che dal 2007 gli ingressi in carcere per violazione della legge sulla droga sono diminuiti, i tossicodipendenti provenienti dalla detenzione e affidati al servizio sociale sono cresciuti, i decessi per droga si sono dimezzati, e vi è pure un decremento del consumo.

Si tratta di motivi validi per demolire quella legge, non difesa neanche dai partiti che a suo tempo l’hanno voluta, e anzi per andare oltre nella deriva post-sessantottina, al culmine della quale c’è pure il ripristino – avvenuto in sede di conversione – della non punibilità se si detiene stupefacente “per uso personale”: chi verrà sorpreso con un chilo di “roba”, a patto che non sia confezionato in dosi, potrà affermare che serve per sé. È una depenalizzazione in piena regola, e riguarda tutte le droghe!

Consoliamoci: se la crisi continuerà a farsi sentire, ci si potrà fare senza fastidi una bella spinellata. Qualcuno dubita ancora del lavoro di questo governo, in senso proprio “stupefacente”?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Antonio says:

    più degrado per tutti!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi