Google+

Giannino: Il nostro programma “immoderato” per arricchire l’agenda Monti

ottobre 2, 2012 Redazione

Il giornalista critica Casini e Fini che mettono in imbarazzo Monti spingendo per il suo reincarico. Delinea il perimetro dell’azione di Fermare il Declino ed elogia Metto Renzi

In un’intervista ad Andrea Garibaldi sul Corriere della Sera, Oscar Giannino spiega oggi che la collocazione politica del movimento Fermare il declino non è nell’area “moderata”. Non per altro, ma perché «la parola “moderati” non ha più significato – spiega il giornalista –. Anzi, noi proponiamo un programma “immoderato”: abbattere il debito con gli attivi patrimoniali pubblici, diminuire spesa e imposte su lavoro e impresa rispettivamente di 6 e 5 punti di Pil in 5 anni, riorientare il welfare verso giovani e donne, sciogliere e normare i conflitti d’interesse, macroregioni a Nord e Sud, criteri meritocratici nella pubblica amministrazione, liberalizzazioni e promozione della concorrenza».

MONTI BIS. Giannino è critico con Pier Ferdinando Casini e Gianfranco Fini che, nella prospettiva di un re-incarico al presidente del Consiglio, «hanno costretto Monti a fare un passo indietro. Il governo si regge su tre pilastri, se uno dei tre compie un passo del genere, il presidente del Consiglio deve proteggersi. Così Monti ha detto: lascerò il governo in altre mani…». Non vorrebbe Casini e Fini al suo fianco?, chiede il giornalista. «Non crediamo che Casini e Fini o altre personalità di spicco della Prima e della Seconda Repubblica possano essere artefici della nuova proposta politica necessaria in Italia in questo momento». Secondo Giannino c’è una grande fetta dell’elettorato indecisa («17-18 milioni di italiani, la metà degli elettori»), a cui la vecchia politica – Udc compresa – non sa più parlare.
Giannino riconosce che Monti ha saputo ridare all’Italia quella credibilità che si era persa con Berlusconi, ma il suo programma non è quello del premier, ma di «arricchire l’agenda Monti».

MONTEZEMOLO E RENZI. Dell’imprenditore, Giannino dice di apprezzare il fatto che «non rivendichi una leadership per sé, che si proponga per dare una mano». Confessa di guardare con interesse ai cattolici di Todi, a Emma Marcegaglia e a Matteo Renzi, che «è il miglior prodotto di autocritica e autoriforma interna che si sia visto. Se vincerà le primarie, se il regolamento glielo permetterà con una consultazione aperta come quella che designò Prodi, Renzi diventerà un interlocutore importante. Per evitare che l’Italia diventi il detonatore dell’euro».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Roberto says:

    Ho letto il programma di Renzi, e non mi sembra male. Vi sono alcune cose sensate che non ho letto da nessuna altra parte. Ho però un dubbio. Come amministratore come è stato? Cosa ha fatto di “sussidiario”?
    Per esempio, Formigoni avrebbe un esempio positivo nella gestione Lombarda (basta citare i numeri) Inoltre il fatto che sia inquisito è segno che tocca interessi consolidati. Ma Formigoni, attaccandosi inspiegabilmente al carro di Berlusconi ha sprecato un “case study” di buon governo.
    Per quanto riguarda la TAV non so se a Giannino piace. Su Chicago Blog ho letto (e condivido) che alle grandi opere occorrerebbe fare il “Tatcher test” ovvero comportarsi come la Tatcher: se qualche investitore privato è disposto a metterci del capitale allora si fa, altrimenti, se nessun investitore è disposto a rischiare allora vuol dire che non ha un ritorno, e chi la vuole è solo per spillare soldi all’erario. La TAV molti privati la vogliono, ma a patto di farla con i soldi degli altri (di chi ha perso la pensione, di chi non ha più l’assistenza sanitaria…)

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi