Google+

Giannino: Il nostro programma “immoderato” per arricchire l’agenda Monti

ottobre 2, 2012 Redazione

Il giornalista critica Casini e Fini che mettono in imbarazzo Monti spingendo per il suo reincarico. Delinea il perimetro dell’azione di Fermare il Declino ed elogia Metto Renzi

In un’intervista ad Andrea Garibaldi sul Corriere della Sera, Oscar Giannino spiega oggi che la collocazione politica del movimento Fermare il declino non è nell’area “moderata”. Non per altro, ma perché «la parola “moderati” non ha più significato – spiega il giornalista –. Anzi, noi proponiamo un programma “immoderato”: abbattere il debito con gli attivi patrimoniali pubblici, diminuire spesa e imposte su lavoro e impresa rispettivamente di 6 e 5 punti di Pil in 5 anni, riorientare il welfare verso giovani e donne, sciogliere e normare i conflitti d’interesse, macroregioni a Nord e Sud, criteri meritocratici nella pubblica amministrazione, liberalizzazioni e promozione della concorrenza».

MONTI BIS. Giannino è critico con Pier Ferdinando Casini e Gianfranco Fini che, nella prospettiva di un re-incarico al presidente del Consiglio, «hanno costretto Monti a fare un passo indietro. Il governo si regge su tre pilastri, se uno dei tre compie un passo del genere, il presidente del Consiglio deve proteggersi. Così Monti ha detto: lascerò il governo in altre mani…». Non vorrebbe Casini e Fini al suo fianco?, chiede il giornalista. «Non crediamo che Casini e Fini o altre personalità di spicco della Prima e della Seconda Repubblica possano essere artefici della nuova proposta politica necessaria in Italia in questo momento». Secondo Giannino c’è una grande fetta dell’elettorato indecisa («17-18 milioni di italiani, la metà degli elettori»), a cui la vecchia politica – Udc compresa – non sa più parlare.
Giannino riconosce che Monti ha saputo ridare all’Italia quella credibilità che si era persa con Berlusconi, ma il suo programma non è quello del premier, ma di «arricchire l’agenda Monti».

MONTEZEMOLO E RENZI. Dell’imprenditore, Giannino dice di apprezzare il fatto che «non rivendichi una leadership per sé, che si proponga per dare una mano». Confessa di guardare con interesse ai cattolici di Todi, a Emma Marcegaglia e a Matteo Renzi, che «è il miglior prodotto di autocritica e autoriforma interna che si sia visto. Se vincerà le primarie, se il regolamento glielo permetterà con una consultazione aperta come quella che designò Prodi, Renzi diventerà un interlocutore importante. Per evitare che l’Italia diventi il detonatore dell’euro».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Roberto scrive:

    Ho letto il programma di Renzi, e non mi sembra male. Vi sono alcune cose sensate che non ho letto da nessuna altra parte. Ho però un dubbio. Come amministratore come è stato? Cosa ha fatto di “sussidiario”?
    Per esempio, Formigoni avrebbe un esempio positivo nella gestione Lombarda (basta citare i numeri) Inoltre il fatto che sia inquisito è segno che tocca interessi consolidati. Ma Formigoni, attaccandosi inspiegabilmente al carro di Berlusconi ha sprecato un “case study” di buon governo.
    Per quanto riguarda la TAV non so se a Giannino piace. Su Chicago Blog ho letto (e condivido) che alle grandi opere occorrerebbe fare il “Tatcher test” ovvero comportarsi come la Tatcher: se qualche investitore privato è disposto a metterci del capitale allora si fa, altrimenti, se nessun investitore è disposto a rischiare allora vuol dire che non ha un ritorno, e chi la vuole è solo per spillare soldi all’erario. La TAV molti privati la vogliono, ma a patto di farla con i soldi degli altri (di chi ha perso la pensione, di chi non ha più l’assistenza sanitaria…)

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana