Google+

Fukushima, un anno dopo: telecamere e giornalisti entrano nella centrale nucleare

febbraio 22, 2012 Leone Grotti

Permesso a 30 giornalisti un tour dentro la centrale nucleare di Fukushima, che l’11 marzo 2011, in seguito a un terremoto e un maremoto, ha spaventato il mondo intero per il pericolo di fuoriuscite radioattive.

I giornalisti di 30 testate estere e giapponesi sono entrati nella centrale nucleare Daiichi di Fukushima. È il secondo tour, permesso dallo Stato, tra i reattori che l’11 marzo scorso sono stati al centro del disastro nucleare più grave dopo quello di Chernobyl, in seguito al terremoto e al maremoto che hanno colpito il Giappone, lasciando sul terreno 20 mila persone tra morti e dispersi.

Due mesi fa il governo nipponico ha dichiarato che i reattori sono stati portati a uno stato di spegnimento a freddo. A causa della fuoriuscita di vapori nucleari, l’anno scorso 80 mila persone che vivevano a una distanza di 20 chilometri dalla centrale sono state evacuate e alla zona non sono ancora stati tolti i sigilli. In seguito al disastro, quasi tutti i 54 reattori del Giappone sono stati spenti per effettuare controlli di sicurezza ma ora il governo vorrebbe riaprirne qualcuno per diminuire la spesa, che sta diventando eccessiva, per gli approvvigionamenti energetici del paese.


Per il tour concesso nella centrale di Fukushima, i giornalisti hanno dovuto indossare tute protettive contro le radiazioni, maschere anti-gas ed elmetti. Hanno visto tutto dai finestrini di un autobus, avendo il permesso di scendere una sola volta. Il direttore dell’impianto, che li accompagnava, in uno dei suoi discorsi si è scusato con chi ha dovuto abbandonare casa sua a causa delle radiazioni: «Siamo davvero dispiaciuti del grande inconveniente che abbiamo causato con l’incidente. Tra pochi giorni cadrà il primo anniversario dell’evento e quando ci ripenso, la parte peggiore era quando non riuscivamo ad evacuare i residenti locali». Alla fine del 2011 il governo ha detto che parte degli 80 mila residenti della “zona rossa” potranno tornare alle loro case entro breve.
twitter: @LeoneGrotti

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi