Google+

Fratelli Musulmani: «Non riconosceremo mai Israele, uno Stato criminale»

gennaio 2, 2012 Redazione

Rashad Bayoumy, leader dei Fratelli Musulmani, che si stanno aggiudicando il 50% dei seggi alle elezioni egiziane, aggiunge: «Sottoporremo a referendum il trattato di pace con Israele»

«È una precondizione per governare riconoscere Israele come Stato? Assolutamente no e noi non riconosceremo mai Israele perché è un nemico criminale, una forza di occupazione». Rashad Bayoumy, leader dei Fratelli Musulmani, che si sono aggiudicati in Egitto circa il 50 per cento dei seggi in due round su tre delle prime elezioni nel paese dalla caduta di Mubarak, non usa mezzi termini. Anzi, rincara la dose, assicurando che quando saliranno al governo, gli islamici metteranno in discussione il trattato di pace tra Egitto e Israele del 1979.


«Questo accordo è stato siglato lontano dagli occhi della gente e del Parlamento. Noi rispettiamo i trattati internazionali ma poiché non condividiamo quello con Israele, dobbiamo sottoporlo al giudizio del popolo e lasciare decidere a loro se danneggi gli interessi e la sovranità dell’Egitto oppure no», continua Bayoumy.

Secondo alcuni osservatori politici egiziani è difficile che i Fratelli Musulmani cambino davvero il trattato. Essendo alla ricerca del consenso internazionale e occidentale, soprattutto degli Stati Uniti – è il ragionamento – non si muoveranno nella direzione di stracciare un trattato così importante. Il referendum, però, potrebbe essere un modo per la formazione islamica di cancellare l’accordo facendo ricadere la responsabilità solo sulle spalle del popolo egiziano.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

È il primo pneumatico estivo con certificazione invernale. Grazie alla mescola ad alto contenuto di silice, alla scolpitura a V, ai tasselli smussati e alle lamelle 3D autobloccanti, promette aderenza sul bagnato, grip sulla neve e prestazioni sull’asciutto.

Una moto, tante moto. Un motore, tanti motori. La Ducati Multistrada diventa ancora più Multi grazie al nuovo bicilindrico Testastretta a fasatura variabile. Dolcissimo ai bassi, scatenato agli alti, ha tante anime che ben convivono con quelle della moto. Tanta elettronica a bordo già nella versione base, ma se provi la S…

Hai mai sognato di sfrecciare sull’asfalto di un circuito in sella ad una moto e piegare come il più bravo dei piloti? Adrenalina a mille, rombi di motori, gas a tutto spiano: da oggi questo sogno può diventare realtà grazie alla scuola di guida Ducati Riding Experience, che ha aperto le iscrizioni per l’edizione 2015 […]

Tre anni dopo la Multiuso 230, la moto più compatta, essenziale e anticonformista di Borile, ecco la versione 125 cc. Motore semplice e potenza limitata ma, grazie a telaio e altri raffinati componenti in alluminio, la moto pesa soltanto 78 kg. Costa 3.750 euro oltre immatricolazione. In arrivo anche una versione “R” della 230

Confortevole e appagante su asfalto, sebbene rinneghi il passato da 4x4 nuda e pura è tra le SUV più efficaci fuoristrada grazie al sistema 4WD derivato dalla crossover S-Cross. A dotazioni ricche si accompagnano finiture sensibilmente più curate che in passato.

Speciale Nuovo San Gerardo