Google+

Vende figli a coppie gay (truffandoli). La compravendita dei bambini in Francia è già iniziata

giugno 24, 2013 Leone Grotti

Aurore è stata pagata da una coppia omosessuale, ma, dopo il parto, ha rivenduto il figlio a un’altra coppia. È stata arrestata

In Francia la fecondazione assistita non è stata estesa alle coppie omosessuali per il momento e la maternità surrogata è ancora illegale, ma la compravendita dei bambini è già cominciata. Ha fatto scalpore in Francia la storia di Aurore, 34 anni, che si è fatta pagare da una coppia omosessuale per farsi inseminare e dare alla luce un bambino da consegnare dopo il parto ai due uomini e che poi ha finto la morte del nascituro per venderlo a un’altra coppia.

UN FIGLIO PER 15 MILA EURO. La donna, che vive a Vendôme, aveva contattato l’anno scorso una coppia omosessuale dopo aver letto un annuncio in cui i due offrivano 15 mila euro per una maternità surrogata. Aurore, madre di quattro figli, in difficoltà finanziare, ha accettato di “affittare” il suo utero: si è fatta inseminare da uno dei due uomini in cambio di 9 mila euro, gli altri 6 mila le sarebbero stati pagati dopo il parto. Ma le cose non sono andate come previsto. A fine marzo la giovane donna ha partorito e ha contattato i due uomini per informarli che il bambino non era sopravvissuto al parto. In realtà il piccolo era nato, ma la donna l’aveva già venduto a un’altra coppia.

BAMBINO OGGETTO. I due omosessuali, insospettiti, si sono rivolti alla polizia, che ha arrestato la donna. Settimana scorsa, il giudice di Orleans ha respinto la richiesta dell’avvocato di Aurore, che chiedeva che fosse rimessa in libertà in attesa del giudizio finale. Il bambino venduto è stato localizzato dalla polizia, che per ora l’ha lasciato alla famiglia che l’ha comprato. Secondo le prime indagini, Aurore avrebbe già venduto in questo modo altri due bambini. La sua storia ha fatto scalpore in Francia e ha confermato nelle loro previsioni gli oppositori al matrimonio gay: se si riconosce alla coppia il diritto di avere un figlio, aprendo all’utero in affitto, il bambino diventa un oggetto, che può essere comprato e venduto. In questo caso, il suo valore è stato fissato a 15 mila euro.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. beppe says:

    ma cattivoni, volete mettere limiti all’amore? l’importante è l’amore, tutti hanno diritto all’amore, all we need is love, love love love …….o no?

  2. Q.B. says:

    Quì devo dire che gay o etero non fa differenza: commerciare un bambino è un atto ributtante e chi se ne rende responsabile, materialmente o ideologicamente, è un farabutto.

    • Q.B. says:

      Ma poi leggo che il noto omosessuale Pierre Bergé, presidente dell’associazione per la lotta all’AIDS e proprietario di Têtu, rivista della comunità LGTB, afferma che “affittare il proprio utero per dare alla luce un bambino o prestare le proprie braccia per lavorare in fabbrica, che differenza c’è?” e allora intravvedo quale parte sia più interessata alla legalizzazione di questa bestialità.

      P.S.: a margine, come si permette questo signore a essere contemporaneamente presidente di un’associazione contro l’HIV e proprietario di una rivista per “ghei pien de sghei”? Non lo sa che le due cose non sono assolutamente in relazione tra loro ????

  3. bah says:

    …e dove sono tutti quei ghei pronti a svuotare gli orfanotrofi?

    • Franceschiello says:

      Ma quali orfanotrofi, quelli vogliono i bambini-chihuahua, non hanno mica tempo da perdere appresso ai problemi dei bambini provenienti da orfanotrofi!

  4. Mappo says:

    A margine della questione stupisce, per usare un eufemismo, che la polizia trovato il neonato, lo abbia lasciato alla coppia etero o gay che fosse che lo aveva comprato per seconda. Oramai nel regno di Hollandia anche la polizia si deve essere fumata il cervello.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.

Dettagli scuri e connettività Android Auto ed Apple CarPlay per la piccola del Leone un po' speciale

L'articolo Peugeot 208 Black Line, edizione limitata in salsa dark proviene da RED Live.