Google+

Francia: «Le scuole private non devono parlare di matrimonio». Sono tornati i giacobini

gennaio 8, 2013 Benedetta Frigerio

Il ministro dell’educazione, Vincent Peillon, chiede agli istituti cattolici di tacere. Quello degli Interni dà ai prefetti il potere di controllare i gruppi sospetti di “patologia religiosa”.

«I professori non possono insegnare certe materie liberamente», aveva dichiarato il 22 novembre scorso il ministro dell’educazione Vincent Peillon. Le discipline che toccano il tema delle Crociate, della Shoah, della storia delle religioni sono considerate “sensibili”. Antoine Tresgots, delegato nazionale dell’Unione dei sindacati autonomi e professore di storia e geografia, ha spiegato che «tutto ciò che tocca l’identità degli alunni può diventare un argomento scottante» e quindi da evitare. Perché, a suo parere, «certi argomenti richiedono un lavoro di oggettivazione, di presa di distanza», mentre altri non sarebbero nemmeno verificabili. «Pertanto frasi del tipo: “I musulmani credono che”, oppure “Gesù non è…” non possono centrare nulla con le mie lezioni».

LAICITA’? Questa la nuova laicità che il governo francese sta introducendo, passando dall’idea di “laicità negativa” (che si pretende neutra, ma che include solo la visione dello Stato rifiutando tutte le altre) a quella “d’opposizione”, in cui lo Stato rischia di eliminare anche i margini d’autonomia privata: ora anche la scuola cattolica potrebbe essere controllata dalla Repubblica.
A farlo presagire sono le ultime dichiarazioni di Peillon che, due giorni fa, una settimana prima della manifestazione in difesa del matrimonio tra uomo e donna, ha esortato gli istituti cattolici a non discutere in merito al matrimonio perché «c’è il rischio di cadere nell’omofobia». Ci vuole, ha continuato il ministro, «una grande vigilanza (…) Non mi sembra quindi opportuno trasferire il dibattito nelle scuole».
Alle parole di Peillon hanno fatto seguito quelle di alcuni intellettuali. Il filoso e parlamentare Christian Vanneste ha deplorato le dichiarazioni del ministro spiegando che se «il governo intende costringere gli uomini a essere liberi. I giacobini sono tornati». L’editorialista di Le Figaro, Paul-Henri Du Limbert, ha sottolineato che la «morale laica» in realtà è contro l’insegnamento cattolico e ha parlato di una nuova inquisizione contro di esso. «Per paralizzare l’avversario – si legge – Vincent Peillon utilizza un argomento che confina con il terrorismo intellettuale. Se comprendo bene, criticare “il matrimonio per tutti” (come lo ha definito il ministro, ndr), è considerata di fatto la via per alimentare l’omofobia. Certo, l’omofobia è un delitto. Ma da qui all’affermare che chi dibatte sul matrimonio omosessuale è un delinquente ce ne passa». Perciò, conclude Du Limbert, il ministro «invocando “il principio di neutralità”, a cui l’insegnamento cattolico dovrebbe piegarsi, non ha obbligato piuttosto a una sottomissione muta?».
Reazioni contrastanti sono apparse anche su Le Monde, anche se ormai da tempo nella scuola si fatica a parlare liberamente di qualsiasi tema che implichi un giudizio di valore. Non si può parlare di evoluzione, di contraccezione, di fecondazione. Perché, ha ricordato a Le figaro il presidente dell’associazione dei professori di biologia e geologia, «le questioni legate alla sessualità», ad esempio, «sono difficili da approcciare. Certi ragazzi potrebbero farsi una visione della donna che contrasta con quella della Repubblica francese».

LO STATO IN CASA. A preoccupare tanti cittadini che non vogliono che sia lo Stato a decidere per i propri figli è il fatto che la dichiarazione di Paillon non è una semplice esagerazione estemporanea. Alla fine di dicembre Manuel Valls, ministro degli Interni, ha fatto di più. Ha dato un nuovo potere ai prefetti che controlleranno quei gruppi che riterranno sospetti di «patologia religiosa». Musulmani, ebrei e cattolici compresi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. viccrep says:

    questi laici che sono di fatto dittatori vogliono imporre la loro povera e illiberale educazione, mi chiedo perché non si fanno una loro scuola come fanno i cattolici.
    Non sono capaci perché sarebbe così povera e così piena di odio per cui andrebbero solo i figli costretti

  2. giuseppe says:

    Vorrei ricordare a tutti e in particolare al Sig. Alberto Savio che nella Costituzione Italiana esiste un art. 33 che garantisce la libertà di insegnamento nelle scuole. Se nella Costituzione francese c’è un articolo di pari dicitura, sarebbe bene che i governanti francesi se lo ripassassero e lo mettessero in pratica. Se, invece, non c’è, allora sarebbe bene che, pari pari ve lo inserissero.

    • albo says:

      Vorrei ricordare a Giuseppe che L’Italia è (o dovrebbe essere uno Stato Laico) e Uno la scuola privata è libero di pagarsela da sè.

  3. marco says:

    Prima sarkozy e adesso holland, la democrazia in Francia e’ solo un ricordo, con tanti problemi concreti che ha il Paese reale, loro pensano sempre alle solite questioni per distogliere le persone dalla realta’.La subcultura laicista e’ l’oppio , anzi l’eroina dei popoli!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sapete che il 60% delle V7 III, al momento dell’acquisto, sono richieste con almeno un accessorio montato (con prenza per quelli di ispirazione Scrambler o Dark)? Di più: per la sola V7 esistono a catalogo 200 parti speciali – fra queste ci sono ben 8 selle – mentre, se consideriamo tutti i modelli Moto Guzzi, […]

L'articolo Prova Moto Guzzi V7 III Rough, Milano e Carbon proviene da RED Live.

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.