Google+

Macellaio di Rennes costretto a chiudere: «Non potevo più cucinare salsicce». Al suo posto aprirà macelleria halal

luglio 1, 2013 Leone Grotti

Troppe pressioni da parte di estremisti islamici. In undici anni la vetrina della macelleria di Jerome è stata spaccata più di dodici volte e lui minacciato di morte: «Basta, me ne vado»

Troppe pressioni da parte di estremisti islamici. Ecco perché Jerome ha deciso di chiudere la sua macelleria aperta da 11 anni nel centro commerciale “Italie” a Blosne, quartiere di Rennes. «Troppe pressioni», dice il proprietario francese. Al suo posto aprirà una macelleria halal, cioè lecita per i musulmani.

CARNE DI MAIALE. In 11 anni la vetrina di Jerome è stata spaccata più di dodici volte e il proprietario ha subito anche minacce di morte: «Sono costretto ad andarmene», dichiara al Le Mensuel, «e tutto perché ho la sfortuna di vendere carne di maiale». Un giorno Jerome si è trovato questa scritta sul negozio a caratteri cubitali: «A morte i maiali, ti uccideremo». Anche quella volta, come le precedenti, «ho denunciato tutto al commissariato. Ma come sempre, i poliziotti si sono rifiutati di venire al negozio per controllare. Sono amareggiato».

NIENTE SALSICCE AL VENERDÌ. E le minacce non si sono fermate alle scritte: «Una sera di tre anni fa, 12 delinquenti sono entrati nel mio negozio. Mi hanno avvisato che se il giorno dopo, venerdì, avessi cucinato fuori dal negozio le galettes-saucisses [piatto tipico di Rennes a base di salsiccia, ndr], come tradizionalmente faccio da sempre, avrei fatto una brutta fine. Ho dovuto smettere di cucinarle al venerdì, giorno di preghiera dei musulmani, e cominciare a prepararle la domenica mattina, quando molti nel quartiere dormono ancora».

NIENTE ALCOL. I residenti hanno fatto una petizione a favore di Jerome e contro gli atti «razzisti» che si verificano nel quartiere ma non è cambiato niente. «Ora però basta pressioni, chiudo la baracca anche se gli affari stanno andando molto bene». Jerome non è l’unico che nel centro commerciale ha subito pressioni da estremisti islamici, come racconta Abdalah, musulmano proprietario di un alimentari: «Più di una volta sono arrivati diversi uomini a raccomandarmi di non vendere più alcol. Io ho cambiato le bottiglie in vetrina ma continuo a venderlo all’interno». Altri negozianti confermano: «Non abbiamo problemi di ordine pubblico, ma c’è un’intolleranza che non conoscevamo fino a qualche anno fa». Il quartiere ha una forte componente islamica e molti residenti temono che possa diventare una banlieue dominata dagli islamici.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Q.B. scrive:

    Parbleu! ma dov’era la macchina da guerra laica di monsieur le president ?
    Ah ma che sciocco, nessuno aveva denunciato la presenza di dei terribili genitori con felpa.
    Vuoi mettere la differenza che corre tra fare i bulli con ragazzi e famiglie oranti oppure prendersela con gli jihadisti dirimpettai. Hollande sarà anche un verme, però mica è stupido.

  2. Enrico scrive:

    E poi ci lamentiamo dell’Italia. Proponetela a loro la religione laica. Ah già, Holland è troppo preso dai “diritti” degli omo…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

Ci sono eventi che arrivano immediatamente ai fasti della cronaca e altri, non meno importanti, che vuoi per casualità, vuoi perché comunicati con meno forza, passano quasi sotto silenzio. Mentre il Salone di Shangai, tuttora in corso, celebra una miriade di modelli e versioni dedicati pressoché esclusivamente al mercato cinese, resta inspiegabilmente in secondo piano […]

L'articolo Jeep Yuntu: l’ora dell’ibrido plug-in proviene da RED Live.

LIVE I mega SUV americani restano un sogno per chi ama il genere: in Europa non ce ne sono molti ma oggi ci si può avvicinare grazie a Ford Edge. È l’ammiraglia dei SUV dell’ovale blu: con 4,81 metri di lunghezza (+ 30 centimetri rispetto alla Kuga) e la seduta a ben 70 centimetri da terra, domina il traffico. […]

L'articolo Prova Ford EDGE Sport 2.0 TdCi proviene da RED Live.

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana