Google+

«I maoisti indiani hanno rapito i due italiani per motivi politici»

marzo 20, 2012 Leone Grotti

Intervista a padre Ajay Singh, direttore dei servizi sociali dell’arcidiocesi dove Paolo Bosusco e Claudio Colangelo sono stati rapiti. «I guerriglieri vogliono essere forti nelle trattative con il governo. Chiedono che i tribali e i dalit abbiano più dignità. Ma non possono ottenerlo con le armi, la Chiesa invece aiuta ogni giorno».

«Le presunte foto di donne seminude e il turismo umano non c’entrano niente. I maoisti hanno rapito Paolo Bosusco e Claudio Colangelo solo per motivi politici». Padre Ajay Singh, direttore dei servizi sociali dell’arcidiocesi di Cuttack-Bhubaneswar, che copre il distretto di Kandhmal, in Orissa, Stato indiano dove i due italiani sono stati rapiti il 14 marzo, conosce bene la zona, i maoisti (o naxaliti), i conflitti tra le popolazioni tribali e il governo, le lotte per gli espropri delle terre. Tutti elementi indispensabili per capire perché un gruppo di guerriglieri “rossi”, in uno Stato di 40 milioni di abitanti, ha rapito due turisti che sarebbero esperti di viaggi e spedizioni in angoli remoti del mondo e rispettosi delle popolazioni locali. L’accusa rivolta dai guerriglieri agli italiani è di aver scattato foto a donne tribali seminude mentre si bagnavano in un fiume, ma questa è solo una versione per la stampa. La verità è un’altra, come racconta padre Singh a tempi.it.

C’è qualche aggiornamento sulla condizione dei due italiani?
Sono ancora nelle mani dei maoisti, che hanno nominato tre persone per negoziare. Il governo invece, al contrario di quanto hanno scritto alcuni, non ha ancora trovato i mediatori adatti.

Come stanno andando i negoziati?
L’unica cosa che so dei negoziati è che il governo non ha ancora trovato i suoi negoziatori.

Perché Bosusco e Colangelo sono stati rapiti? L’accusa è legata a “scatti rubati”.
I maoisti li hanno rapiti solo per motivi politici. Ora sono forti nelle loro trattative con il governo. Le foto non c’entrano niente.

Che cosa vogliono i maoisti?
I maoisti contano circa 20 mila effettivi, operano in diverse parti del paese e combattono per ottenere benefici per le persone più marginalizzate, come le popolazioni tribali o i dalit (gli intoccabili, i fuori casta, il livello più basso e discriminato della società nel sistema castale indiano, ndr).

Il governo come risponde alle loro richieste?
Cerca di fermarli con la violenza, spesso molto brutale. Loro si battono per ottenere vantaggi economici per le persone più deboli ma il governo non ascolta mai le persone più deboli e non cerca una soluzione pacifica ma la lotta.

Perché?
In India esiste il sistema delle caste, in Kandhmal ci sono tribali e dalit. La maggior parte delle persone che si trovano al governo sono della casta più elevata e quindi non considerano neanche i bisogni di queste persone.

I maoisti allora riscuotono successo tra la gente in Kandhmal?
No, la gente non è maoista, anzi. Crede nella democrazia e non appoggia i guerriglieri. Forse qualcuno simpatizza, ma sono davvero pochi. In generale, sostengono il governo.

Perché qualcuno appoggia i maoisti?
Perché il governo li ha abbandonati e li trascura da anni. La gente non è contenta del governo centrale perché c’è un enorme numero di tribali e di dalit che vengono disprezzati ed emarginati. E la gente magari pensa che i guerriglieri potrebbero aiutarli a cambiare questa situazione.

Qual è il problema principale degli abitanti?
Ci sono compagnie minerarie che vengono da fuori e occupano le terre dei tribali e dei dalit, che vengono espropriati delle loro case e cacciati. Per questo ci sono anche degli scontri, perché per questa gente la terra è la vita. Terra per loro significa identità, cultura, religione, economia, tutto è connesso alla terra.

Sembra quasi che i rapitori degli italiani siano dei benefattori.
No, loro vogliono davvero maggiore qualità della vita per i tribali, ma io non posso giustificarli o difenderli. Questa è la loro filosofia ma non hanno successo. Non si può combattere con le armi, anche se il fine può essere giusto. L’India è una democrazia, le armi non sono un mezzo adeguato.

Come si muovono la Caritas e la Chiesa per aiutare queste persone?
Noi lavoriamo perché possano assumere conoscenze e capacità, cerchiamo di aiutarli ad organizzarsi per vivere. Le persone che vivono in questi luoghi non sono educate e spesso non vogliono cambiare. Il nostro compito è lavorare per loro, aiutarli a raggiungere l’uguaglianza perché abbiano accesso all’educazione, alla sanità e al microfinanziamento. Così che possano raggiungere migliori condizioni di vita e dignità.

Vi occupate anche dei tribali?
Sì, noi lavoriamo molto tra i tribali perché la maggior parte di loro sono dalit.

Come si sta muovendo la Chiesa per la liberazione degli italiani?
Noi non abbiamo nessun tipo di contatti con i gruppi maoisti ma la Chiesa ha fatto un appello a tutte le persone per la loro liberazione, abbiamo anche rilasciato un comunicato stampa in cui chiediamo ai rapitori di lasciarli andare. Facciamo appelli e preghiamo per la loro liberazione.
twitter: @LeoneGrotti

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana