Google+

Formattiamo il Pdl: i giovani sono la «carta vincente per la politica futura»

giugno 11, 2012 Daniele Ciacci

Intervista ad Andrea di Sorte, esponente del gruppo “Formattiamo il Pdl” : «I politici sanno fare solo i politici. Per questo non abbandonano mai la loro carica. Invece i giovani sono più elastici, più globali, più freschi»

Tra difficoltà economiche e politica stantia, sono in tanti a chiedere pressantemente una rapida trasformazione. È un sentimento comune, che parte dalla società civile fino a intaccare, a volte, anche l’iperuranio burocratico dello Stato. E c’è chi mette insieme le voci diverse, le raccoglie e le coordina. Sono giovani con idee innovative, che ci mettono faccia e tempo per orientarsi in un’Italia sempre più simile alla “selva oscura” di Dante. Tra questi, il gruppo pidiellino di “Formattiamo il Pdl”. Tempi.it intervista Andrea di Sorte, esponente del gruppo, per capire quali siano le loro idee e le loro proposte.

Chi sono i “formattatori?
Siamo nati per “generazione spontanea” dal basso. È difficile trovare un minimo comune denominatore tra noi, a parte la gravitazione nell’area di centrodestra. Ci scambiamo idee via twitter e, più per incontri che per indirizzo politico, siamo tutti (o quasi) amministratori locali sui trent’anni, oppure blogger molto attivi sulla rete. Non abbiamo un’unica area di provenienza, ma siamo sparsi in tutto il paese.

Quali sono le ragioni che vi hanno spinto ad riunirvi?
L’obiettivo è cercare di innovare il nostro movimento politico secondo una prospettiva razionale. Il Pdl è ancorato a una logica novecentesca che non soddisfa più il nostro elettorato. La colpa non va attribuita al singolo. Da vent’anni ormai non c’è più ricambio politico, mentre la gente si aspetta di vedere facce nuove. Il partito, ormai, parla a se stesso, concentrato com’è solo sui tesseramenti e sui congressi. È invece venuto il tempo delle azioni concrete.

Tipo?
Le primarie, ad esempio. Non solo per scegliere il candidato premier, ma anche i parlamentari. Il vero freno a una mancata riforma elettorale non viene dal Pdl, ma dalla mancata iniziativa del polemico Pd. È necessario, invece, dare ai partiti una più ampia discrezione sulla scelta della classe dirigente. Noi proponiamo delle primarie al 70 per cento, e per il restante 30 un “listino tecnico”, con limite di mandato, che possa dare spazio a chi non è un politico “di mestiere” .

Perché?
Bisogna innovare. I politici rimangono ancorati alle loro poltrone non solo per i privilegi, ma perché non sanno fare altro se non politica. Un “tecnico”, invece, non ha bisogno di campare sulle spalle dello Stato ma, concluso il mandato, torna a fare il mestiere precedente. E, magari, è anche più credibile di un politico che si improvvisa “tecnico”.

Qual è il ruolo dei giovani in questo momento?
Noi non abbiamo mai fatto una “battaglia giovanile”, ma sicuramente c’è la necessità di trovare persone nuove. Il problema vero, lo ripetiamo, è che oggi per far politica bisogna avere un mestiere, una professione. E i giovani d’oggi sono sicuramente più elastici, più globali. Insomma: freschi, nuovi. Questa è la carta vincente della politica futura.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. There are actually plenty of particulars like that to take into consideration. That is a nice level to bring up. I provide the ideas above as general inspiration however clearly there are questions like the one you carry up the place crucial factor will likely be working in trustworthy good faith. I don?t know if greatest practices have emerged around things like that, however I am sure that your job is clearly recognized as a fair game. Both girls and boys feel the affect of just a second’s pleasure, for the remainder of their lives.

  2. Zaiya scrive:

    Reading posts like this make surfing such a pelsarue

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana