Google+

In Florida Romney conquista il 46% dei voti. Solo un’alleanza tra Gingrich e Santorum può batterlo

febbraio 1, 2012 Redazione

La Florida ha scelto Mitt Romney: l’ex governatore del Massachusetts ha preso il 46% dei voti, Newt Gingrich il 32% e Rick Santorum il 13,4%. Newt afferma che per le primarie repubblicane «ormai è una corsa a due», sperando in un endorsement di Rick. Ma Romney parla già da presidente: «Sta per finire l’era di Obama»

Mitt Romney s’è abbattuto come un ciclone sulla Florida strapazzando tutti i suoi avversari con uno squillante 46% e rilanciandosi come candidato da battere per la nomination. Dietro, con il 32%, Newt Gingrich, il grande sconfitto che però non molla e annuncia senza fare una piega che «ormai è una corsa a due, tra un conservatore doc e un moderato del Massachusetts». Dal Convention Center offlimits per i cronisti stranieri, l’ex Governatore dà il ben servito a Barack Obama: «Sono pronto a guidare il partito e gli Stati Uniti. Sta finendo la sua era. E sta cominciando un’era di prosperità: leadership vuol dire assunzione di responsabilità, non accampare sempre delle scuse». Entusiasmo anche in un Hotel di Orlando, dove l’ex speaker ha fatto capire che non molla la presa: «La partita è tutt’altro che conclusa».

E in linea teorica i numeri gli potrebbero anche dar ragione: se Mitt ha ottenuto il 46,4%, sommando il suo 31,9% e il 13,4% di Rick Santorum, in effetti emerge un partito ancora spaccato a metà. Per questo motivo, di fronte a tantissimi fan, sintetizza che dopo il voto del Sunshine State «è iniziata una lotta a due». «Il potere della gente alla fine sconfiggerà il potere dei soldi». Davanti a lui, i suoi agitavano grandi cartelli con su scritto: “46 to go”, cioè il numero degli Stati in cui si deve ancora votare per lo sfidante a Barack Obama. E proprio il presidente, parlando a un iniziativa elettorale a Washington, ha fatto capire che non cederà il passo tanto facilmente: «Sono assolutamente convinto che siamo sulla strada giusta per uscire dalla crisi. La mia determinazione è più forte ora di quanto non lo fosse nel 2008», ha concluso lanciando un messaggio chiaro agli affondi dei suoi avversari, in Florida: cacciarlo dalla Casa Bianca non sarà facile per nessuno.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana