Google+

Esodo senza precedenti. L’80% dei cristiani ha lasciato l’Iraq negli ultimi 10 anni

maggio 15, 2013 Leone Grotti

Dalla caduta di Saddam Hussein nel 2003, a causa dei continui attentati islamisti, l’80% dei cristiani se n’è andato, passando dal 25% al 2% della popolazione

Dalla caduta di Saddam Hussein nel 2003, l’80% dei cristiani iracheni ha lasciato Paese. Lo ha detto all’agenzia Apic padre Paul Sati, religioso redentorista caldeo originario di Mosul, responsabile della comunità caldea di Anversa, in Belgio. Il religioso, ospite della sezione svizzera di Aiuto alla Chiesa che Soffre, ha parlato di un vero e proprio “inverno arabo” in Iraq.

ATTACCHI ISLAMISTI. Dalla fine del regime un migliaio di cristiani sono stati uccisi e una sessantina di chiese sono state attaccate dagli estremisti islamici: «Quelle che una volta era la culla della civiltà e del cristianesimo – ha spiegato – è oggi un luogo dove i cristiani sono minacciati, perseguitati o cacciati, e devono nascondersi». Il caso più eclatante è l’attacco del 31 dicembre 2010 alla cattedrale siro-cattolica di Baghdad, dove un commando di terroristi legati ad al-Qaeda sterminò 48 fedeli e due giovani preti, distruggendo la chiesa. Il 14 dicembre scorso, a due anni di distanza, la cattedrale di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso è stata restaurata e riconsacrata.

DAL 25% AL 2%. Secondo il religioso i cristiani non sono l’unico bersaglio degli islamisti, che attaccano anche altri musulmani o esponenti di altre minoranze religiose. A causa degli attacchi continui e dell’insicurezza in cui vivono i cristiani, in Iraq è avvenuto ed è tuttora in corso il più grande esodo di cristiani dall’Iraq che si sia mai visto. Circa tre milioni di cristiani hanno lasciato il paese negli ultimi cent’anni, la stragrande maggioranza nell’ultimo decennio. Nel periodo precedente alla Prima guerra mondiale, infatti, quando la regione era sotto il dominio ottomano, i cristiani rappresentavano circa un quarto della popolazione irachena. Oggi sono intorno al 2 per cento.

PATRIARCA SAKO. Come riferito a tempi.it dal nuovo patriarca caldeo Mar Louis Raphael I Sako «a volte l’Occidente facilita la fuga dei cristiani. Molti comprano un visto con migliaia e migliaia di dollari, vanno via ad abitare in terra straniera dimenticandosi della loro tradizione, della loro terra, perdendo gli amici, la famiglia e anche la fede. È molto brutto. La comunità internazionale invece di spendere soldi per fornire loro abitazioni all’estero, dovrebbe investirli qui per fare progetti educativi e migliorare la vita di chi vive nella miseria. Ci servono infrastrutture, alloggi, scuole. Noi non vogliamo andarcene dall’Iraq, non vogliamo restare in pochi per essere una presenza simbolica».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. francesco taddei says:

    concordo con francesco e paolo.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.