Google+

Emmy 2012, trionfano Modern Family e Homeland

settembre 24, 2012 Paola D'Antuono

Trionfo di star ed eleganza ieri sera a Los Angeles per la cerimonia di premiazione degli Emmy Awards, gli Oscar della televisione americana. A presentare la serata al Nokia Theatre il comico Jimmy Kimmel, affiancato dalle star che hanno premiato i loro colleghi, tra cui la splendida Zoey Deschanel, protagonista di New Girl, Ginnifer Goodwin, […]

Trionfo di star ed eleganza ieri sera a Los Angeles per la cerimonia di premiazione degli Emmy Awards, gli Oscar della televisione americana. A presentare la serata al Nokia Theatre il comico Jimmy Kimmel, affiancato dalle star che hanno premiato i loro colleghi, tra cui la splendida Zoey Deschanel, protagonista di New Girl, Ginnifer Goodwin, la Biancaneve di C’era una volta, Lucy Liu e Keifer Sutherland, indimenticato protagonista di 24 e ora alle prese con la serie Touch.

I VINCITORI. Nella categoria serie drammatica l’ha fatta da padrone Homeland, che ha portato a casa i premi come migliore serie, migliore attrice protagonista (Claire Danes) e miglior attore protagonista (Damian Lewis). Il mockumentary Modern Family, ha conquistato per la terza volta il premio come miglior serie comica  – ad annunciarlo un Michael J. Fox apparso in buona forma – e la produzione ha festeggiato anche per l’Emmy conquistato da Julie Bowen come migliore attrice non protagonista e per il collega Eric Stonestreet, premiato come miglior attore non protagonista in una serie comica. Il premio come miglior attore protagonista in una serie comica è andato invece a Jon Cryer per Due uomini e mezzo, serie tv arrivata alla sua decima stagione e che, nonostante l’allontanamento di Charlie Sheen, continua a tenere i fan incollati allo schermo (sarà anche merito della new entry Ashton Kutcher). Nessun premio per Mad Men, che per la prima volta dopo quattro anno non conquista l’Emmy come miglior serie drammatica e a bocca asciutta rimangono anche New Girl e The Good Wife.

IL RITORNO DI KEVIN COSTNER. Sul palco c’è anche una buona fetta della Hollywood che conta: Julianne Moore è stata premiata come migliore attrice protagonista in una miniserie grazie al ruolo di Sarah Palin in Game Change, film tv che ha vinto anche il premio come migliore miniserie. Si rivede sul palco anche Kevin Costner, che ha ritirato il premio per la migliore interpretazione maschile in un film per la tv, Hatfields & McCoys. Maggie Smith viene premiata come migliore attrice non protagonista per Downton Abbey, ma non è presente alla cerimonia. La veterana Jessica Lange, invece, è stata premiata per la sua interpretazione in American Horror History.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download