Google+

Egitto. La nuova Costituzione abolisce tutte le restrizioni esistenti alla costruzione di chiese

ottobre 29, 2013 Leone Grotti

Fino ad oggi i cristiani dovevano ottenere un permesso speciale del presidente, ma un articolo votato nella nuova Costituzione elimina tutti i divieti

L’assemblea costituente egiziana, incaricata di emendare la Carta del 2012 scritta dai Fratelli Musulmani a colpi di maggioranza, ha approvato domenica scorsa un articolo che cancella le restrizioni esistenti alla costruzione di chiese sul suolo egiziano.

DIECI ANNI PER UNA CHIESA. I cristiani, che costituiscono circa il 10 per cento della popolazione egiziana, hanno bisogno secondo l’attuale Costituzione di un permesso speciale del presidente per costruire, ampliare o rinnovare una chiesa. Al contrario, non esiste alcuna legge che limiti la costruzione di moschee. In Egitto oggi ci vogliono anche più di dieci anni prima di ottenere il permesso di costruire una chiesa. Le domande ancora pendenti sono 149.

LIBERTÀ RELIGIOSA. È stato discusso anche il controverso articolo 47 che riguarda la libertà religiosa: i cristiani chiedono che questa libertà sia accordata a tutti i credenti egiziani, mentre Al Azhar, la massima autorità islamica sunnita del paese, vuole che questo diritto sia riconosciuto solo a musulmani sunniti, cristiani ed ebrei. Secondo l’attuale Costituzione, ad esempio, cristiani e musulmani non hanno uguali diritti, mentre sciiti e baha’i non sono affatto riconosciuti.

ASSEMBLEA COSTITUENTE. La commissione di 50 membri che sta emendando la Costituzione dovrebbe finire il suo lavoro a dicembre. Se nella vecchia assemblea costituente cristiani e laici erano stati costretti ad andarsene perché ignorati dalla maggioranza composta da Fratelli Musulmani e salafiti, nella commissione attuale sono rappresentate tutte le anime egiziane e ogni articolo, per essere votato, deve ottenere il 75 per cento dei consensi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. alex scrive:

    Una microscopica buona notizia nella desolazione generale

    • Antonio scrive:

      si,ma se si riprendessero tutta la loro feccia migrante che porta incredibile degrado,sporcizia, scrocco di risorse sociali, delinquenza, malattie ecc ecc sarebbe anche meglio. Ognuno a casa propria.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana