Google+

Dopo la Francia, anche la Spagna «legalizza di fatto la compravendita di bambini servendosi della donna»

dicembre 18, 2014 Leone Grotti

Il governo spagnolo modificherà la legge per permettere di iscrivere nei registri civili i bambini nati all’estero con l’utero in affitto

maternidad-ssubrogada.jpgIllegale, ma non troppo. Il governo spagnolo, guidato dal Partito popolare, ha annunciato attraverso il ministro della Giustizia che modificherà la legge per permettere di iscrivere nei registri civili i bambini nati all’estero con l’utero in affitto.

COME IN FRANCIA. La maternità surrogata in Spagna è illegale ma come dichiarato dal ministro Rafael Catalá, Madrid deve conformarsi alle decisioni della Corte europea per i diritti umani, che aveva in precedenza condannato la Francia per lo stesso motivo affermando che «vietare totalmente il riconoscimento di un legame di filiazione tra un padre e i suoi figli biologici è contrario alla convezione europea dei diritti dell’uomo». La Francia si è rifiutata di fare ricorso, accettando la condanna, mentre la Spagna, dove 800 coppie all’anno si recano all’estero per affittare un utero, ha affermato di essere vincolata dalla sentenza.

UTERO IN AFFITTO. La legalizzazione della maternità surrogata, se praticata fuori dalla Spagna, porterà inevitabilmente alla sua autorizzazione in patria. Altrimenti, infatti, si discriminerebbero coloro che non hanno i mezzi per pagarsi un viaggio all’estero in India, Ucraina o Stati Uniti, dove la pratica è legale. La legalizzazione valida solo per l’estero, inoltre, incita di fatto a violare una legge dello Stato.

«DONNA COME STRUMENTO». La portavoce del gruppo “Donna, madre e professionista”, Leonor Tamayo, si è unita al coro di proteste della società civile spagnola per l’annuncio del ministro della Giustizia: «È paradossale che venga di fatto legalizzata la compravendita di bambini servendosi della donna come strumento. L’iscrizione in Spagna dei bambini nati da utero in affitto è un’offesa alla dignità della persone perché consente la procreazione senza famiglia».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Nino scrive:

    Sarebbe interessante capire quale può essere la soluzione alternativa che non faccia pagare ai figli le “colpe” dei padri (e delle madri)

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana