Google+

Donna muore in una clinica abortiva. Obama continua a finanziarla

luglio 27, 2012 Benedetta Frigerio

Negli Usa la Planned Parenthood riceve fondi federali. Anche dopo la morte di Tonya Reaves, avvenuta durante un intervento di aborto, Obama rinnova il suo appoggio finanziario.

Il movimento pro life americano è sempre più spesso ridicolizzato perché considerato ossessivo e fissato per le sue numerose denunce sulle sospette complicanze mortali causate a più donne dalla Planned Parenthood, il più grande provider di aborti degli Stati Uniti. Solo da una settimana a questa parte le voci si sono attenuate, quando venerdì scorso la 24enne Tonya Reaves è morta, in seguito a un aborto praticato al secondo trimestre di gravidanza nella Planned Parenthood dell’area di Chicago. A parlare è stata solo Carole Brite, amministratore delegato della Planned Parenthood dell’Illinois, che cercando di gettare acqua sul fuoco ha espresso condoglianze alla famiglia della ragazza per quello che sarebbe un episodio singolo, perché «la Planned Parenthood ha molto a cuore la salute e la sicurezza di ogni paziente».

Il sito internazionale lifenews.com, che ha riportato la notizia, aveva già pubblicato le foto di alcune ambulanze che spesso hanno trasportato donne dalle cliniche abortive agli ospedali. Nell’aprile 2011 è accaduto per ben due volte che una donna uscisse in barella dalla filiale del provider di Milwaukee per essere trasportata d’urgenza nel Pronto soccorso dell’ospedale Columbia St. Mary’s Hospital. L’episodio si è poi ripetuto sabato scorso, il giorno dopo la morte di Tanya Reaves.

A esporsi contro il colosso abortista è stato il repubblicano Cliff Stearns, richiedendo un’indagine parlamentare al Congresso per «sapere come la Planned Parenthood spende i nostri 500 milioni di dollari e per indagare sulle condizioni di sicurezza nelle cliniche». A rompere l’imbarazzo liberal invece ci ha pensato, a meno di una settimana dalla morte di Reaves, il presidente Obama in persona, che non ha mai fatto segreto del suo legame con il colosso abortista, noto sostenitore della sua candidatura alle elezioni presidenziali di novembre. Martedì, infatti, durante un comizio a Portland, il presidente democratico ha detto: «Romney vuole togliere i fondi federali destinati alla Planned Parenthood. Penso sia una pessima idea. Ho due figlie e voglio che abbiano il pieno controllo sulla loro salute». A parte la dubbia opportunità dell’intervento, sottolineata da Troy Newman, presidente dell’organizzazione pro life americana Operatio Rescue, che ha fatto notare che «Tanya Reaves quando è entrata nella clinica venerdì scorso ha completamente perso il controllo sulla sua salute», a far discutere sono i continui finanziamenti federali versati al mercato abortista.

Obama, infatti, ha scavalcato per tre volte consecutive in questo mese e per cinque volte in tutto la decisione dei governi di alcuni Stati di non usare i soldi dei contribuenti per finanziare la Planned Parenthood. Il North Carolina aveva stabilito di ritirare i 343 mila dollari di fondi pubblici destinati al provider abortista, ma Obama ha rimediato versando 426 mila dollari di contributi federali. Sempre a luglio il presidente, scavalcando il veto del governatore del New Jersey al finanziamento statale dell’aborto, ha versato ben 3 milioni di dollari alla Planned Parenthood. A marzo, invece, quando il parlamento del Texas aveva deciso di ridurre di due terzi il budget destinato all’aborto, l’amministrazione presidenziale ha risposto tagliando di 30 mila dollari i fondi per le esenzioni sanitarie destinati allo Stato. Già lo scorso anno, dopo che il parlamento locale aveva stabilito di non finanziare le cliniche, il governo ha tagliato di 4,3 miliardi il budget da destinare al sistema sanitario dell’Indiana. Nel settembre 2011 l’amministrazione presidenziale ha finanziato direttamente anche le filiali del New Hampshire, a cui lo Stato aveva deciso di non versare fondi. Lo stesso è accaduto sempre questo mese in Tennessee.

Così, nonostante i 329.445 aborti effettuati solo nel 2010
dalla Planned Parenthood e nonostante i molti i fondi tolti al sistema sanitario per via della crisi, i dirigenti del business abortivo continuano a percepire stipendi altissimi: il compenso medio si aggira attorno ai 160 mila dollari annui, con punte che superano addirittura i 250 mila. Come emerge dai dati resi pubblici dalla stessa Planned Parenthood.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. francesco taddei says:

    se la salute diventa merce…..parenthood e clinica santa rita.

  2. Alex Galvani says:

    Signora Frigerio,
    ci risiamo con le piccole bugie e i piccoli silenzi, eh?
    Stavolta tutto si puo’ fare, anche usare la morte (terribile) di una ragazza, a corpo ancora caldo e prima dell’esito di una indagine. In altri articoli su tempi.it, stamane leggevo qualcosa contro il linciaggio mediatico… ma vabbe’, le regole lei le applica solo agli amichetti che sono gia’ in galera, non a tutti.
    Mi fa ridere il suo tentativo infantile di trasformare Planned Parenthood nella fabbrica degli aborti. La piu’ grande organizzazione non-profit americana dedicata alla salute delle donne, che lei dipinge come il provider degli aborti. Pensi, Planned Parenthood svolge il 97% delle sue attivita’ in settori che non hanno niente a che vedere con la gravidanza. Cioe’ quello che lei definisce pateticamente “business abortivo” e’ il 3% del tutto. Il resto e’ prevenzione dei tumori, servizi sociali, sostegno psicologico, prevenzione della violenza, visite mediche gratuite, assistenza dopo uno stupro, aids, persino la salute degli uomini. NIENTE a che vedere con quello che lie ha definito “business abourtivo”.
    A proposito di “dirigenti del business abortivo” e dei loro “stipendi altissimi”, lo sa quanto prendono i medici impiegati negli ospedali a carattere confessionale negli Usa? Intorno ai 240.000 dollari. Piu’ che quelli di Planned Parenthood. Ovviamente lei ha taciuto anche questo. L’onesta’ intellettuale non e’ davvero il suo forte, eh?

    • Renato Scotti says:

      Stando ai contenuti del sito della Planned Parenthood (che significa “Paternina/Maternita’ pianificata”, se le parole hanno un significato) mi sembra sia legittimo rivedere al rialzo (e di molto) quel 3%…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download