Google+

Caro mondo, adesso veditela tu. Firmato Donald Trump, l’isolazionista

novembre 17, 2016 Rodolfo Casadei

Per mantenere le promesse il presidente dovrà concentrarsi sui problemi interni. L’America dopo un secolo rinuncerà al ruolo di poliziotto globale? Ecco chi ci guadagnerebbe. E chi no

Vice president-elect Mike Pence, second from  left, Senate Majority Leader Mitch McConnell, of Kentucky, President-elect Donald Trump, giving a thumbs up, and Milania Trump walk to a meeting on Capitol Hill, Thursday, Nov. 10, 2016 in Washington. (AP Photo/Alex Brandon)

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola da oggi, giovedì 17 novembre (vai alla pagina degli abbonamenti).

Se vuole mantenere le promesse di posti di lavoro, salari più dignitosi ed equità sociale fatte alle vittime americane della globalizzazione (operai e classe media) che col loro voto lo hanno portato alla Casa Bianca, Donald Trump dovrà introdurre misure di protezionismo commerciale. Il protezionismo implica, a livello geopolitico, l’isolazionismo. Per potere tornare ad essere grande nei termini sottintesi dallo slogan della campagna elettorale del candidato repubblicano, l’America deve rinunciare ad essere la «nazione indispensabile» (Madeleine Albright) e «l’ultima, la migliore speranza della terra» (Dick Cheney) per occuparsi umilmente dei suoi problemi interni. Non sono parole d’ordine inedite per un presidente americano.

Senza andare tanto in là nel tempo, G. W. Bush e Barack Obama vinsero le presidenziali rispettivamente del 2000 e del 2008 promettendo agli elettori di ridimensionare l’interventismo e le campagne militari dei loro predecessori. Si sa come è andata poi: sotto Bush jr. gli Stati Uniti hanno combattuto due guerre sanguinose e interminabili in Afghanistan e Iraq; Obama ha ritirato le truppe di terra dall’Iraq e parzialmente dall’Afghanistan e ha cercato di esternalizzare la gestione delle crisi agli alleati, ma infine ha inviato l’aviazione, i droni killer e i corpi speciali lungo un arco geografico che va dalla Libia al Pakistan.

Per trovare presidenti che hanno praticato l’isolazionismo e il protezionismo con successo bisogna tornare agli anni Venti del secolo scorso, ai repubblicani Harding e Coolidge successori del democratico Harold Wilson che aveva deciso l’entrata dell’America nella Prima Guerra mondiale e fondato la Società delle Nazioni senza però riuscire a convincere il Congresso ad approvare l’adesione degli Stati Uniti alla medesima. Harding e Coolidge presiedettero a un’età dell’oro (in termini di redditi e occupazione) alimentata da isolazionismo, protezionismo, proibizionismo (del consumo di alcolici), limitazione dell’immigrazione che però andò a schiantarsi contro la grande crisi, messa in moto dal crollo della Borsa di New York nel 1929, e la successiva depressione. Dopo di allora, mai nessun presidente è riuscito a praticare coerenti politiche isolazioniste, meno che mai dopo la Seconda Guerra mondiale e l’ascesa degli Stati Uniti al ruolo di paese egemone (per 44 anni in condominio con l’Urss, poi in solitaria) sulla scena internazionale.

Per dare corpo al neo-isolazionismo che ha in mente, prima ancora che con i suoi avversari democratici Trump dovrà probabilmente scontrarsi con il Congresso a maggioranza repubblicana e forse non solo con quello. Istruttiva la vicenda delle posizioni contraddittorie del ticket presidenziale repubblicano nei riguardi della crisi siriana. Nel dibattito tv dei candidati vicepresidenti, Mike Pence (repubblicano) si è espresso come avrebbe potuto fare un portavoce di Hillary Clinton: ha proposto l’istituzione di una no-fly zone in Siria sorvegliata dall’aviazione americana, risposte di forza alle provocazioni russe e attacchi punitivi con approvazione Onu contro obiettivi militari del regime di Assad se i bombardamenti dei governativi sui quartieri di Aleppo in mano ai ribelli dovessero continuare. Cinque giorni dopo Trump lo ha smentito su tutta la linea. La linea di Trump grosso modo è: prima occupiamoci dell’Isis, solo sconfitta l’Isis ci occuperemo di trovare un successore ad Assad, possibilmente d’accordo coi russi.

Oltre al mainstream del partito repubblicano, a sabotare le aspirazioni neo-isolazioniste di Trump provvederanno la burocrazia della sua stessa amministrazione, la comunità dell’intelligence e gli apparati militari. Ci sarà sicuramente molta differenza fra quello che il nuovo presidente dice di voler fare, quello che vuole veramente fare, quello che potrà fare e quello che riuscirà a fare. Doverosamente premesso ciò, si intuisce che il disimpegno americano dal ruolo guida nel mondo come lo immagina Trump dovrebbe muoversi lungo due direttrici: la responsabilizzazione in termini finanziari e politici dei vecchi alleati, la mano tesa verso vecchi nemici per la definizione di accordi di stabilizzazione di aree di crisi.

L’arte di fare affari
Dovendo fare una lista degli Stati e quasi-Stati che trarranno vantaggio dall’ascesa alla presidenza del miliardario americano e di quelli che invece avranno difficoltà, metteremmo nel primo elenco la Russia, Israele, il governo di Damasco, la fazione libica di Bengasi, l’Egitto, i curdi e la Turchia; nel secondo elenco, decisamente più lungo, il Messico, la Cina ma anche i paesi dell’area che chiedono all’America di essere protetti dalla Cina e dalla Corea del Nord (e cioè Corea del Sud, Giappone e Australia), l’Iran ma anche l’Arabia Saudita, Cuba, i paesi baltici e scandinavi, l’Ucraina, i paesi della Nato con una spesa militare troppo modesta. Con tutti comunque procederà nello stesso modo, attingendo verosimilmente a quella che è la “bibbia” del trumpismo: il suo libro The Art of the Deal, cioè “l’arte di concludere un affare”. Trump è intenzionato a stringere nuovi accordi e a riscrivere accordi esistenti che secondo lui e gli elettori che lo hanno votato non rispondono agli interessi del cittadino americano, ma delle élite contro cui lui si è battuto.

In testa alla lista dei paesi con cui il nuovo presidente vorrebbe concludere quello che il Financial Times definisce un “grand bargain” c’è la Russia di Putin. Col presidente russo Trump sembra essere d’accordo sul fatto che la distensione, la sicurezza, la pace e quindi la cooperazione economica e gli scambi commerciali che ne conseguirebbero hanno bisogno della definizione delle rispettive sfere d’influenza degli Stati Uniti e della Russia, e poi della garanzia reciproca che saranno rispettate. Nuove Yalta in Europa orientale e in Medio Oriente permetterebbero di liberare risorse per le politiche interne americane, risparmiando sulle spese militari e sulle sovvenzioni di bilancio ai paesi attraverso i quali si combatte la nuova Guerra fredda per interposta persona: Ucraina, ribelli siriani, eccetera. I paesi europei dovrebbero essere lieti di questa prospettiva, che implicherebbe la cancellazione delle sanzioni reciproche con la Russia e minori esborsi verso i paesi del Partenariato orientale. Ma solo in parte, perché Trump ha ripetuto decine di volte che l’America manterrà i patti solo coi paesi europei membri della Nato che contribuiscono con una spesa militare pari ad almeno il 2 per cento del proprio Pil (impegno ribadito più volte in sede di summit Nato). Attualmente adempiono al criterio solo Regno Unito, Polonia, Grecia ed Estonia.

Il cruccio dell’Arabia Saudita
Il riavvicinamento con la Russia implica un riavvicinamento con gli alleati di Mosca, ma non con tutti. Il primo capo di Stato arabo che ha fatto i complimenti a Trump per la sua elezione è stato l’egiziano Abd Al-Fattah al-Sisi. Da molto tempo l’Egitto post-Morsi si barcamena fra Arabia Saudita e Russia, paesi da sempre avversari sul piano delle alleanze geopolitiche: Riyadh ha pompato miliardi di dollari nell’economia egiziana, esausta per le agitazioni politiche del periodo 2011-2013 e per la fuga dei turisti a causa dei ripetuti attacchi terroristici, in funzione anti-Fratelli Musulmani, comune nemico del generale al-Sisi e della famiglia reale Saud.

L’uomo forte del Cairo ha incassato e ha resistito ai tentativi sauditi di trascinare militarmente l’Egitto nei mattatoi siriano e yemenita, nel mentre che sul fronte libico giocava un ruolo autonomo, appoggiando il generale Haftar di Bengasi contro le milizie islamiste e contro il governo di Tripoli. Quando gli Stati Uniti e l’Europa hanno spostato le loro fiches su Tripoli, Haftar ha invocato il sostegno russo, che è prontamente arrivato e che ha contribuito a stringere ancora di più i rapporti dell’Egitto con la Russia, mentre quelli del Cairo con l’Arabia Saudita si sono logorati nella stessa misura. Ora Washington potrebbe tornare a sostenere Haftar, in passato uomo della Cia, ritrovandosi allineata coi suoi sponsor egiziani e russi.

Non è questo l’unico cruccio dell’Arabia Saudita: Riyadh si accingeva a imporre all’Opec di tagliare la produzione di petrolio per far risalire il prezzo del greggio, ma dovrà pensarci due volte ora che è salito al potere un presidente che si è dato per obiettivo l’indipendenza energetica americana, da ottenere anche aumentando la produzione locale di shale oil oggi in crisi a causa del prezzo del barile troppo basso. Donald Trump taglierà le tasse sullo shale oil per riavviare la produzione, con gran danno dei paesi Opec.

Il vero scontro sarà con la Cina
Anche l’Iran ha poco da ridere, e non solo perché il prezzo del petrolio non salirà quanto sperava: Trump ha dichiarato che rivedrà l’accordo concluso da Barack Obama con Teheran sul nucleare, perché con esso gli Stati Uniti hanno concesso troppo e ottenuto troppo poco. Israele sentitamente ringrazia.

Sul piano degli accordi da rinegoziare, più preoccupati dell’Iran sono il Messico e la Cina. Non è un caso che il peso abbia perduto il 13 per cento del suo valore all’indomani del voto americano: il problema non sono tanto le minacce folkloristiche circa la costruzione di una muraglia di 3 mila chilometri lungo il confine fra i due stati per impedire gli attraversamenti di migranti clandestini o le minacce altrettanto irrealistiche di espellere 11 milioni di residenti stranieri latinoamericani irregolari; il problema è che Trump vuole denunciare il Nafta, il trattato di libera circolazione delle merci fra Stati Uniti, Messico e Canada, e lo farà quasi certamente, così come farà saltare il Partenariato Trans-Pacifico, il Trattato di libero scambio fra America e paesi dell’Asia e dell’Oceania fortemente voluto da Obama.

Ma il vero scontro di titani lo vedremo con la Cina: Trump ha definito l’ammissione di Pechino al Wto «il più grande furto di posti di lavoro della storia», e minaccia di istituire dazi a raffica sulle merci cinesi (in barba alle regole del Wto) se la Cina non accetterà di rinegoziare gli accordi commerciali. Riuscirà l’imprevisto vincitore delle presidenziali americane a piegare la volontà del più grande paese comunista del mondo? Dal punto di vista economico-finanziario, i due contendenti sanno già che carte giocare: a vantaggio degli Stati Uniti c’è il fatto che le esportazioni cinesi in America sono il triplo per valore di quelle americane in Cina (497,8 miliardi di dollari contro 161,6); a vantaggio di Pechino c’è il fatto che detiene 1.185 miliardi di dollari del debito pubblico statunitense (che ammonta in tutto a 19 mila miliardi).

Foto: Ansa/Ap

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana