Google+

Don Andrea si ribella e pubblica le fatture: «E ora vediamo chi osa dire che la Chiesa non paga l’Imu»

dicembre 21, 2012 Leone Grotti

Il sacerdote che tiene tre parrocchie a Serra Riccò, stufo delle voci false sulla Chiesa che non paga l’Imu, pubblica i documenti: «Oggi dare addosso alla Chiesa è diventato uno sport nazionale. Volevo che tutti sapessero la verità».

«Oggi dare addosso alla Chiesa è diventato uno sport nazionale e quando ho visto che anche alcuni miei parrocchiani facevano in giro battute sulla Chiesa che non paga l’Imu, ho deciso di agire». A sentire la sua voce al telefono, don Andrea Cosma sembra la persona più mite del mondo. Giovane sacerdote, ordinato nel 2005, dal 2010 è responsabile di tre parrocchie (Santi Cornelio e Cipriano, Santa Maria Assunta, Nostra Signora della mercede) nella diocesi di Genova a Serra Riccò, circa 4.500 anime in tutto. È mite, si diceva, ma quando c’è da dire la verità non si fa pregare. Per questo ha deciso di affiggere all’entrata delle sue chiese quanto ha pagato di Imu nel 2012 e perché lo potessero vedere tutti, lo ha postato pure su Facebook. «Ho reso pubblico il resoconto di quanto ho pagato per le mie tre parrocchie, affiggendo il modulo F-24 e persino la fattura della banca», racconta a tempi.it.

ECCOME SE LA CHIESA PAGA L’IMU. Le parrocchie di don Andrea sono in possesso di diversi immobili soggetti a Imu: terreni, appartamenti, magazzini. Don Andrea ha sempre pagato l’imposta su tutto ma è da un po’ che «ho sentito qualcuno criticare la Chiesa perché sarebbe esente dal pagamento dell’Imu. Non penso sia cattiveria, forse è solo cattiva informazione, ma il messaggio che è passato è che non paga niente. Invece io volevo che tutti sapessero la verità: solo sugli edifici di culto non viene corrisposta l’Imu o quelli dove si svolgono attività no profit, proprio come i sindacati ad esempio non lo pagano sulle loro sedi».

«DIAMO MOLTO, RACCOGLIAMO POCO». Ecco perché don Andrea ha affisso e pubblicato tutti i documenti, mostrando come per il 2012 «abbiamo pagato in totale oltre 5 mila euro. Questa è la verità e tutti devono saperla. Io ho visto girare soprattutto su Internet e Facebook cose false, ho provato a spiegare che non era vero che la Chiesa non pagava ma non sono stato creduto. Ora ho pubblicato i documenti, le fatture e nessuno può dirmi: “è una tua opinione”». Anche perché qualcuno cominciava ad esagerare: «Alcuni pensavano che io in casa mia non pagassi neanche le bollette. Io invece pago proprio come tutti. Anzi: a Maria Assunta di Serra, ad esempio, ci sono 300 abitanti. Noi spendiamo oltre 2.600 euro di Imu e la domenica a Messa raccogliamo se va bene 35 euro. Quindi diamo molto di più di quello che raccogliamo».

«TUTTI SIAMO CHIESA». Don Andrea è tranquillo, non vuole accusare nessuno, anche se alla fine riconosce che «di questi tempi, forse, è cresciuto un po’ di anticlericalismo per cui si dà addosso alla Chiesa. Queste cose non mi offendono però noto che tra i fedeli manca il senso della Chiesa. Mi spiego: tutti siamo Chiesa, tutti ne facciamo parte e possiamo partecipare. Le persone che sparlano sull’Imu sono le stesse che usano i locali delle parrocchie e poi parlano come se questi discorsi non li riguardassero, come se la Chiesa fosse solo il prete o il vescovo o il Vaticano. E invece tutti i fedeli sono la Chiesa». Il clima è anche alimentato dai giornali: «Sui quotidiani ormai esce sempre un’immagine negativa. Tutti a dire che la Chiesa non paga, anche se è falso, e invece nessuno parla del fatto che noi per Natale ad esempio facciamo la raccolta dei giocattoli che poi doniamo alla comunità di Sant’Egidio. È sempre così: il bene non fa notizia».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Juan says:

    Purtroppo la vera informazione è stata sostituita dall’opinione del primo di turno…fatto benissimo il sacerdote a pubblicare i dati

  2. Su Connottu says:

    Io non avrei pubblicato un bel nulla, ancor meno su Facebook.

  3. Osvaldo says:

    E degli aiuti di stato ricevuti negli anni 2006-2011 vogliamo parlare? lo ha stabilito l’ UE che questi aiuti di Stato, non avendo fatto pagare alla Chiesa l’ ICI, sono irregolari.
    Quindi?

    • gianni says:

      Ma quale UE? La stessa che non voleva Cirillo e Metodio sulla moneta dei 2 euro? Diciamo che a Brussel non credo sappiano bene cosa fa un oratorio, il GREST, ecc.
      Al prossimo attacco…

  4. Enrico says:

    Ha ragione il don, dovremmo darci tutti una svegliata e portare la nostra parte di fardello, a viso aperto.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.