Google+

Detrazioni fiscali per i figli alle paritarie. La sinistra ascolti Gramsci

marzo 2, 2015 Redazione

Domani al consiglio dei ministri si discute delle detrazioni per le famiglie. La lettera dei parlamentari e la citazione del padre della sinistra italiana

gramsciIn queste ore si parla insistentemente degli sgravi fiscali per i figli iscritti alle scuole paritarie. Domani se ne parlerà al Consiglio dei ministri, dove verrà affrontato il tema. Il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini ha infatti deciso di inserire nel decreto sulla Buona scuola anche un punto dedicato alle detrazioni in favore di quelle famiglie che iscrivono i propri figli in queste scuole pubbliche. Oggi sul Corriere della Sera è riportato il punto di vista di Gabriele Toccafondi, sottosegretario all’Istruzione (Ncd), certamente tra i maggiori sostenitori di questo cambiamento. «Il nostro vuole essere un aiuto alle famiglie in difficoltà: un po’ come già si fa per le rette dei nidi».
Di quali cifre si discute? Sui giornali si parla addirittura di quattromila euro, ma per Toccafondi «scrivere 4.000 euro è un esercizio di stile. Se e solo se il premier ci darà l’ok, la parola poi passerà al Mef che dovrà trovare le coperture (per il mancato gettito, ndr). Mettiamo che metta a disposizione un fondo da 10, 20 o 30 milioni. In base a quello verrà ritarato il massimale che alla fine potrebbe non discostarsi molto da quelli dei nidi» (che ha massimale è fissato a 650 euro, equivalenti a uno sconto fiscale di 120-150 euro).

LA LETTERA A RENZI. L’aspetto politicamente interessante della vicenda consiste nel fatto che una parte importante del Pd si è schierata a favore del provvedimento. Basta scorrere la lista dei firmatari della lettera, pubblicata il 28 febbraio da Avvenire, che un gruppo di parlamentari ha inviato al presidente del Consiglio, per ritrovarvi, accanto a quelli di Area popolare, molti nomi del Pd. Nella missiva si chiede di superare «lo storico gap della scuola in tema di pluralismo e libertà di educazione». Sebbene penalizzata, scrivono i firmatari, «la scuola paritaria accoglie ancora oltre un milione di alunni. Tale sistema costa allo stato solo 470 milioni di euro/anno, pari a circa 450 euro/anno/alunno per la scuola dell’infanzia e primaria, mentre lo stanziamento per le secondarie di I e di II grado è praticamente inesistente. Il resto è a carico delle famiglie e del volontariato delle comunità. Evidente il risparmio per la finanza pubblica, visto che il costo standard dello studente è stato calcolato dal Miur in circa 6.000 euro/anno, oltre ai costi dell’edilizia scolastica». Per questo si chiede che, dopo quindici anni dall’approvazione della Legge Berlinguer, finalmente di prendano provvedimenti per «favorire la parità scolastica»: «Un sistema fondato sulla detrazione fiscale, accompagnato dal buono scuola per gli incapienti, sulla base del costo standard, potrebbe essere un primo significativo passo verso una soluzione di tipo europeo».

LA LETTERA DI FORZA ITALIA. Anche alcuni parlamentari di Forza Italia, capitanati da Elena Centemero (responsabile scuola e università del partito berlusconiano), hanno scritto una lettera aperta a Renzi, condividendo le richieste dei colleghi della maggioranza. «Chiediamo – scrivono – che nel decreto per la “buona scuola” trovi piena realizzazione la “garanzia” del diritto alla libertà di scelta educativa della famiglia ampiamente riconosciuto dalle nostre Madri e dai nostri Padri Costituenti. Da troppi anni, infatti, esiste un gap tra il riconoscimento di questo diritto e la sua effettiva tutela». «Chi non sceglie la scuola pubblica statale – proseguono – non può essere costretto a pagare due volte, prima con le tasse e poi con la retta scolastica, mentre lo Stato incassa due volte, con l’imposta e con la mancata spesa per l’alunno. (…) La scelta degli strumenti più idonei per il raggiungimento di un’effettiva parità è vasta e la sua applicazione può essere graduale. Un sistema fondato – nel breve periodo – sulla detrazione fiscale, seguito – nel medio periodo – dal buono scuola, sulla base del costo standard, potrebbe essere un primo significativo passo verso una soluzione di tipo europeo».

LO DICEVA GIA’ GRAMSCI. In fondo, non lo sosteneva già a suo tempo Antonio Gramsci che è proprio della sinistra essere per la libertà educativa? «Noi socialisti – sciveva neIl grido del popolo – dobbiamo essere propugnatori della scuola libera, della scuola lasciata all’iniziativa privata e ai Comuni. La libertà nella scuola è possibile solo se la scuola è indipendente del controllo dello Stato. (…) Noi dobbiamo farci propugnatori della scuola libera e conquistarci la libertà di creare la nostra scuola. I cattolici faranno altrettanto dove sono in maggioranza; chi avrà più filo tesserà più tela».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

9 Commenti

  1. Filippo81 says:

    Io ho l’impressione che alle nostre elites, cioè a coloro che hanno il potere reale in mano, non interessi più di tanto la scuola pubblica (statale o paritaria che sia),basti vedere la gestione sciagurata degli ultimi Ministri (gelmini in primis) Tagli scriteriati, promesse vuote e basta.I pargoli di coloro che hanno robustissimi conti in banca non frequentano certo il semplice ‘Istituto a due passi da casa (statale o paritario che sia ) ma frequentano normalmente Scuole appunto , di “elite”, per cui non mi facciotroppe illusioni nei confronti dei provvedimenti varati da questo governo, a proposito.

  2. Emanuele says:

    …ragazzi, non lo avete capito? l’obiettivo è distruggere la famiglia. .. è necessario che si sradichi ogni senso critico dagli individui perché possano entrare meglio nel ciclo produci, consuma, crepa. purtroppo la famiglia è il luogo naturale dove si apprende il senso critico.

    la cosa assurda è che la sinistra, in crisi di identità, si lascia abbindolare da chiunque proponga qualcosa di nefasto purché riesca a metterci sopra l’etichetta “nuovi diritti”… invece di schierarsi affianco dei deboli (donne incubatrice per ricchi, prostitute, bambini, famiglie deboli, etc. ) preferisce lobby e potentati. ..

    • Filippo81 says:

      Sono d’accordo con te, Emanuele .La sinistra europea è ormai vicina ai Chicago boys e lontana anni luce da Gramsci.

  3. Geppo says:

    Le prediche di Gramsci vanno bene per la sinistra e i suoi gonzi… Personalmente non so che farmene.

    • Filippo81 says:

      Se la sinistra e suoi gonzi leggessero con attenzione Gramsci e facessero meno i domi lustrascarpe della troika, sarebbe una gran cosa.

      • Filippo81 says:

        Tra l’altro ,tutta questa improvvisa premura di Forza Italia per la scuola pubblica (paritaria in questo caso) mi meraviglia e non mi convince, i suoi Ministri (gelmini , ecc) hanno dato una mazzata devastante alla scuola pubblica (statale in quel caso ) con tremendi tagli fatti solo per fare cassa, non volendo toccare privilegi come le pensioni d’oro, ecc !

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download