Google+

«Denunciate i colleghi contrari alle nozze gay». La prima ad adeguarsi alle regole anti-omofobia di Obama è un’università cattolica

dicembre 12, 2014 Benedetta Frigerio

Un corso di aggiornamento per i dipendenti dell’ateneo gesuita di Milwaukee conferma i timori dei vescovi Usa: libertà di coscienza in pericolo

Il controverso ordine esecutivo elaborato dalla Commissione Pari opportunità di Obama per contrastare le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale sul posto di lavoro ha già ottenuto effetti che probabilmente superano perfino gli auspici del governo federale. Proprio mentre la Conferenza episcopale statunitense infatti con una nota pubblicata il 5 dicembre prendeva una posizione molto critica riguardo a misure che «sembrano proibire ai datori di lavoro anche la contrarietà religiosa e morale ai comportamenti omosessuali, cosa che rappresenta una grave minaccia alla libertà di coscienza», la Catholic News Agency ha scoperto che tra le prime istituzioni ad adeguarsi alle nuove norme c’è niente meno che la cattolica Marquette University, celebre ateneo gesuita di Milwaukee, Wisconsin.

NUOVI STANDARD. Ma andiamo con ordine. Il 3 dicembre scorso il Dipartimento del Lavoro Usa ha pubblicato l’ultimo dei decreti necessari per rendere effettivo l’ordine presidenziale annunciato già in estate che proibisce ai soggetti della contrattazione lavorativa federale di discriminare i dipendenti o i candidati tali sulla base «dell’orientamento sessuale» e «dell’identità di genere». I nuovi standard “anti-omofobia” si applicano ai college e alle università, ai media e ai partiti politici con più di 15 dipendenti. Il problema è che la regolamentazione di una materia scivolosa come il contrasto alle discriminazioni sul lavoro inevitabilmente finisce per spingersi ben oltre.

LIBERTÀ A RISCHIO. Lo dice chiaro e tondo al cronista della Cna Christine Nazer, membro della stessa Commissione Pari opportunità del governo: «Comportamenti o commenti negativi sulle relazioni tra persone dello stesso sesso possono essere interpretate dai giudici come molestie o come prove di un movente discriminatorio nei casi di licenziamento». Si comprende dunque la preoccupazione dei vescovi americani, che oltre a descrivere l’iniziativa obamiana come un minaccia alla libertà di espressione hanno ricordato anche che la Chiesa cattolica è la prima a insegnare il rispetto per qualsiasi persona e che il catechismo vieta la discriminazione di chiunque abbia pulsioni omosessuali solo per il fatto di averle, ma che da qui a vedersi costretti per decreto ad «approvare la condotta omosessuale» ce ne passa.

IL FUMETTO DI HANS. Peccato che nel frattempo l’Università di Marquette si sia già data da fare per aggiornare i suoi impiegati ai nuovi standard con un apposito corso. Stando a quanto ha ricostruito la Cna, il corso dell’ateneo cattolico comprendeva la presentazione di una storia a fumetti in cui è raccontata la vicenda di Hans. Hans è un disabile sulla sedia a rotelle che alla fine della storia decide – giustamente, secondo le tesi degli autori, specializzati in simili iniziative – di denunciare ai responsabili del personale dell’università le due colleghe Becky e Maria perché «hanno continuato a parlare della loro opposizione al matrimonio tra persone dello stesso sesso per tutta la settimana».

DISCUSSIONI OFFENSIVE. A un certo punto Becky esclama di non poter «credere che [Hans] stia cercando di calpestare la mia libertà di parola». Ma chi ha ragione? Secondo il manuale, «anche se Becky e Maria stavano solo esprimendo le proprie opinioni e non intendevano offendere nessuno, si stavano comunque mettendo in condizione di causare molestie. Il querelante non deve necessariamente essere coinvolto nella conversazione per sentirsi offeso. E anche l’orientamento sessuale di Hans è irrilevante; non deve essere gay per sentirsi offeso dalla discussione delle colleghe sul same-sex marriage». Il responsabile della comunicazione dell’università, Brian Dorrington, conferma che «il corso si attiene agli ultimi cambiamenti della legge».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

19 Commenti

  1. Tommasodaquino says:

    Si, è proprio vero gli stati uniti oramai hanno migliorato l’esperienza dell’unione sovietica

    ‘You Americans are so gullible. No, you won’t accept communism outright, but we’ll keep feeding you small doses of socialism until you’ll finally wake up and find you already have communism. We won’t have to fight you. We’ll so weaken your economy until you’ll fall like overripe fruit into our hands.”
    “We cannot expect the Americans to jump from capitalism to communism, but we can assist their elected leaders in giving Americans small doses of socialsm, until they suddenly awake to find they have communism.”

    (Kruschev)

  2. Piero says:

    Non fanno altro che attenersi a quello che è uscito dal Sinodo. Perchè meravigliarsi?

  3. Shiva101 says:

    @Tommasodaquino

    Cioè secondo Kruschev gli americani sarebbero ingenui perchè possono essere convinti a votare riforme comuniste e socialiste mirate al bene comune e ai diritti civili invece che quelle della destra estrema, omofoba e cliricale tipica ad esempio del governo Regan che ha portato alla divisione di classe, alla deregulation, alla divisione sempre piu ampia tra ricchi e poveri ecc..

    be allora auguro agli americani di essere sempre piu ingenui…

    Le unioni gay sono un diritto fondamentale per due persone che vogliono vivere insieme, e non sono nè malati nè pervertiti, pertanto fatevene una ragione

    Siete su un binario morto.

    • Tommasodaquino says:

      l’ideologia non le fa vedere il vero senso della citazione. Kruschev sosteneva che non ci sarebbe stato bisogno di invadere gli USA per renderli comunisti ci sarebbero diventati di loro spontanea volontà. Quello che lei definisce “diritti” io personalmente la chiamo “privazione della libertà di parola”, che come lei ben saprà nei regimi comunisti le libertà non c’erano, quindi potremmo parlare piuttosto di “assenza di diritti” tra cui quelli fondamentali. Gli usa sono già avviati su quella strada a quanto si può vedere e kruschev ebbe ragione.
      p.s. riguardo ai binari morti, non se ne preoccupi il comunismo ha già perso diverse volte nella storia, toccherà anche a voi.

  4. EquesFidus says:

    Chiamiamo le cose col loro nome: sono dei traditori. E poi basta con questo buonismo, questo politicamente corretto, questa ormai è una dittatura coadiuvata dai soliti leoni da tastiera e troll come Shiva101, coi suoi “binari morti.

  5. Shiva101 says:

    Il socialismo non ha mai perso perchè ogni volta è stato impedito che arrivasse al potere, dirsi comunisti e poi comportarsi da dittatori non significa che il comunismo abbia perso.

    Le liberta sotto la chiesa non ci sono mai state, avete preseguito massacrando nella storia ogni oppositore,
    e non ci sono neanche ora visto che obbligate perfino i neonati a diventare cattolici e impedite ogni confronto pubblico monopolizzando la RAI , monopolizzando l’ora di religione chiamata IRC
    confinando all’una di notte una misera ora televisa dell’unica alternativa religiosa,
    rubando le tasse e tanto altro…

    Quello che lei personalmente considera è un problema strettamente suo.

    Anche i neonazisti di StormFront hanno lo stesso suo concetto di “privazione della libertà di parola” e per il quale molti di loro sono stati indagati e alcuni stanno GIUSTAMENTE marcendo in galera.

    Con la legge Scalfarotto anche lei, qualora condividesse ancora teorie razziste e discriminatorie contro i gay, mi auguro possa essere indagato e finire GIUSTAMENTE in galera.

    Nessuno la obbliga a farsi stare simpatici i gay o le persone di colore l’importante è che rimangano idee confinate in casa sua e nel suo cervello.

    Ad ogni modo le ricordo, sapendo che è perfettamente inutile, che la relatà o meglio la VERITA che la scienza ci indica, dice che:

    – il sesso NON è finalizzato alla sola procreazione
    – i gay che si amano NON sono pervertiti
    – l’omossessualità NON è una malattia
    – una coppia gay puo adottare e lo sviluppo del bambino NON è alterato in nessun modo
    – il matrimonio NON prevede la provrezione in NESSUN caso.

    So che in quanto cattolici non siete razionali,
    pertanto non terrete conto della realta dei fatti e ancora oggi lottate contro la scienza ripetendo gli infiniti e drammatici errori del passato.

    Ora se lei aderisce ad una setta che vive in un altra realtà e venera i suoi leader allora ha più di un problema psicologico e la invito a farsi curare la testa insieme a Eques.

    Non perdete la speranza di trovare un buon medico che vi faccia uscire dal tunnel della setta religiosa che vi ha circuito.

    Siete su un binario morto.

    • EquesFidus says:

      Guarda, sicuramente sto molto meglio di un tale che viene su un sito solo per ricevere delle attenzioni (come buona parte dei troll del resto), provocando plausibilmente per riempire il vuoto della sua vita (prima ne avevo dei dubbi, poi con quel “non aspetto altro che avere un minimo di visibilità per denunciarvi in pubblico” nell’altro post ne ho avuto la certezza). Lo dico senza acredine, esci fuori di casa, liberati da questo odio venefico e, soprattutto, cerca un contatto umano, realmente umano, non dietro lo schermo di un computer; ormai, mi è chiaro che sei una persona frustrata, che devi sfogare le sue insicurezze e le sue carenze affettive dirigendo invettive contro un capro espiatorio (i cattolici), altrimenti si sente troppo solo ed incapace di affrontare la vita. Signori, suggerisco di pregare parecchio per Shiva101, ché ne ha molto di bisogno.

    • ivano says:

      shiva101 mi dai il numero del tuo spacciatore?

  6. Shiva101 says:

    nel post precedente

    – il matrimonio NON prevede la procreazione in NESSUN caso.

    • Martino says:

      Ah Tommà, ma che je lo spieghi a fa’?

      Il binario morto è questa notizia che fa il paio con quella dell’aborto che è una selezione positiva dell’umanità.

      A Kruschev sfuggiva che all’uomo, quando spegne la propria scintilla divina, fa convergere Comunismo e Nazionalsocialismo in un unico polpettone avvelenato che mangia con grande piacere finchè resta in vita.

      Caro Shiva, il matrimonio è un privilegio riservato all’uomo e alla donna che intendono dare la vita, tutto il resto è una buffonata etero/omo/a-teologa.

    • Toni says:

      @ Shiva 101 …. il pollitologo

      Tralscio le best ailita e considerazioni sulla politica americana e sulla possibilità in essa di soluzioni e derive socialiste (dimostrate ampiamente e verificabili se tu avessi l’abitudine di prendere quelle cose fatti di carta, con tanti fogli con inchiostro, e copertina , più o meno rigida, che si chiama “l i b r i” );
      Tralasci la best rialità “Il socialismo non ha mai perso perchè ogni volta è stato impedito che arrivasse al potere, dirsi comunisti e poi comportarsi da dittatori non significa che il comunismo abbia perso.” … perchè cosa si può aspettare da te niente di serio.
      Tralascio la best ialità “– il matrimonio NON prevede la procreazione in NESSUN caso.” (a te indicata dalla “scienza” che ti ha telefonato nella giornata di ieri) che è cosa da imbe cille certificato sostenere.

      Voglio curare con te le questioni del binario che sono alla tua portata : ti sei comprato un cappellino da macchinista di treno? Se è no la risposta , perchè non fai la letterina a Banbbo Natale
      Giochi ancora intorno al tavolo a fare ciuf ciuf.?

    • beppe says:

      certo shiva, il matrimonio NON PREVEDE LA PROCREAZIONE, IN NESSUN CASO. per fortuna ci sono stati alcuni miliardi di distratti. fatti curare.

    • Angelo says:

      Shiva, guardati il video. Poi, studia cosa volevano oltre alla pace quelli del Donbass. E poi vedi chi è finito sul binario morto.
      Spero che tu sappia l’inglese.

      https://www.youtube.com/watch?v=2AAR6nUV7VI

    • Carlo2 says:

      @Shiva: Quello omosessuale, no di certo.

      Aforisma tratto dalle mie “Memorie del binario morto”.

  7. Alan says:

    Shiva è oramai al delirio più demenziale: da buon troll qual’è schiuma di rabbia, e bava alla bocca, esalta la feroce violenza del Comunismo, intento/a ad esternare e ad imporre le proprie farneticazioni almeno sul web, lontano dai luoghi di dialogo della società civile, là dove non può ovviamente metter bocca data l’insana alienazione oltreché la dabbenaggine storica delle sue cretinate.

    • Leo Aletti says:

      La verità rende liberi, seguire la menzogna è diabolico, vuol dire seguire l’assasino . il diavolo. Non mi sono mai arrabbiato con gli abortisti anche se seguono il diavolo.

  8. Cisco says:

    Non poteva che essere una istituzione che si chiama “Marquette” a dar voce al Minculpop omosessualista. Ormai siamo allo psicoreato orwelliano.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi