Google+

Cristiada. Mille persone alla prima italiana con Tempi. «Un film da far vedere nelle scuole»

ottobre 16, 2014 Redazione

Pienone inatteso alla serata organizzata dalla Dominus Production e promossa da Tempi. Le parole di apprezzamento dell’assessore alla Cultura di Milano Filippo Del Corno e di Alessandra Kustermann

cristiada-film-tempi

C’era un pienone di gente imprevisto ieri sera alla “prima” italiana di Cristiada organizzata da Dominus Production e promossa da Tempi al multisala Uci di Milano Bicocca. Tra le prenotazioni raccolte nei giorni precedenti e gli spettatori aggiuntisi senza preavviso, si sono accalcate quasi mille persone, tante da costringere il cinema non solo a spostare all’ultimo minuto la proiezione nella sala di massima capienza, ma anche a predisporne in fretta un’altra per consentire a tutti (sebbene con qualche inevitabile disagio) di assistere all’evento.

tempi-cristiadaLA STORIA SCONOSCIUTA. Prima della proiezione, patrocinata dalla Regione Lombardia (presente in sala l’assessore alla Cultura Cristina Cappellini) e dal Comune di Milano, sono intervenuti, oltre al direttore di Tempi Luigi Amicone, l’assessore alla Cultura della città Filippo Del Corno, la dottoressa Alessandra Kustermann, primario del pronto soccorso ostetrico ginecologico della clinica Mangiagalli di Milano, e lo storico Arturo Iannacone, autore del saggio Cristiada. L’epopea dei Cristeros in Messico (Lindau). Ad accomunare gli interventi di Del Corno e della dottoressa Kustermann la significativa ammissione che prima dell’invito alla serata di ieri nessuno dei due aveva mai sentito parlare della persecuzione dei cattolici in Messico e della guerra dei Cristeros.

«DA FAR VEDERE ALLE SCUOLE». Del Corno, che ha voluto a propria volta patrocinare l’evento con l’assessorato di cui è titolare, ha sottolineato l’importanza del “patrimonio cognitivo” come arma di difesa dell’umanità rispetto agli orrori di cui è disseminata la storia e in particolare alla loro ripetizione. L’assessore ha fatto in proposito esplicito riferimento alle violenze in atto contro i cristiani in Medio Oriente. Anche la dottoressa Kustermann ha avvicinato la storia del Messico all’attualità dell’Iraq e della Siria, sottolineando – pur da un punto di vista lontano e spesso opposto rispetto a quello di Tempi – l’importanza di difendere incondizionatamente tutte le libertà, compresa la libertà religiosa, ed esprimendo l’auspicio che le opere come Cristiada siano «mostrate nelle scuole dei nostri figli».

Leggi anche la nostra recensione del film e le interviste esclusive al protagonista Andy Garcia e al produttore Pablo José Barroso.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

11 Commenti

  1. Leo Aletti scrive:

    Samuele non ti ho visto. Come fa vedere il film, si capisce nella vicenda messicana del secolo scorso, cosa vuol dire amare CRSTO RE.

  2. Samuele scrive:

    Io non sono credente, ma sono felice se voi siete felici.

    • Leo Aletti scrive:

      Anch’io vorrei che tu sia felice, per questo l’altra sera ti ho cercato. Con amicizia Samuele.

      • samuele scrive:

        Come avresti fatto a riconoscermi? Non porto in testa cappuccio nero, non indosso il grembiule e non tengo in mano un compasso massonico! Con simpatia.

        • Leo Aletti scrive:

          Non è l’abito che fa il monaco, caro Samuele, vestiti come vuoi. Vedrai che ci incotreremo personalmente.

  3. Sasso Luigi scrive:

    Viva el Cristo rey.

  4. Toni scrive:

    “Cristiada è un film per conoscere, stupirsi, discutere, confutare.” questa è la recensione di un critico sulla della Stampa. E’ una delle più positive, altre parlano di propaganda spudoratamente cattolica, di film arruffato ecc. Positiva, volendo, ma avverte la necessità di “confutare” . Esigenza questa se film è anticattolico, anche spudoratamente (da “Il nome della rosa” ad “Agorà” o “La papessa” ) non si avverte.

  5. Gianni Celati scrive:

    Arturo Ianacone è un politico? Era Mario Arturo Iannaccone.

  6. Gianni Celati scrive:

    Arturo Ianacone è un politico. Era Mario Arturo Iannaccone.

  7. angelo scrive:

    L’ assessore che non vuole la “ripetizione degli orrori” perchè non fa qualcosa per impedire che a Milano anarchici e femministe dei centri sociali “occupati”, aggrediscano i gruppi pro-life (con slogan del tipo “I CAV si chiudono col fuoco con gli obiettori dentro”) o le Sentinelle in Piedi?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana