Google+

Colloqui su Skype per i detenuti, a Trieste è partita la sperimentazione

giugno 27, 2012 Chiara Sirianni

Un detenuto ha avuto un video-colloquio con i docenti del figlio per informarsi sul suo rendimento scolastico. Un esperimento riuscito che potrebbe aprire molte possibilità.

Si smette di essere padri o madri, perché si è dietro alle sbarre? Dato che il carcere limita la libertà dell’individuo, come si può non spezzare il filo invisibile che lega i genitori ai figli? In che modo si possono tutelare le famiglie dei reclusi, che non hanno colpa? È per rispondere a queste domande che la casa circondariale di Trieste ha avviato un progetto sperimentale: il detenuto T.M. ha avuto il suo primo video-colloquio tramite Skype con il corpo insegnanti della classe frequentata dal figlio minore, residente in un comune nella provincia di Udine, al fine di conoscerne l’andamento scolastico. Grazie ai volontari dell’associazione Onlus Auxilia sono state attrezzate due postazioni informatiche ad hoc. «Anche un padre detenuto ha il dovere di esercitare la genitorialità. E noi, come amministrazione, dobbiamo favorire questo dovere» spiega il direttore del carcere, Enrico Sbriglia.

Fondamentale è stata la collaborazione del mondo della scuola, in particolare della dirigenza scolastica e dei docenti direttamente interessati, «che hanno fornito il loro contributo con grande tempestività. Si tratta della prima sperimentazione del genere in Italia, e probabilmente in Europa». C’è stato un percorso di preparazione affinché  T.M avesse  la possibilità di far sentire al figlio la sua presenza affettiva nonostante i numerosi anni di esperienza detentiva. Si tratta di un protocollo assolutamente inedito, e l’uomo stamattina ha illustrato la sua esperienza alla stampa: «Ho parlato con i docenti di mio figlio in un momento importante della sua vita di studente. È stata una grande emozione e soprattutto un’esperienza che non pensavo di poter sperimentare da detenuto».

Il progetto rientra in un’ottica più generale di tutela dei familiari dei detenuti: «Bisogna riportare lo spazio di oggettiva sofferenza della pena all’interno di un perimetro che tenda a non superare lo stato giuridico del condannato» prosegue il direttore del carcere. In altre parole, occorre scongiurare che gli effetti dolorosi derivanti non coinvolgano più dell’inevitabile anche altre persone, che nulla hanno fatto di penalmente rilevante, ma che vengono inevitabilmente coinvolte. In questo senso, potrebbe trattarsi di un precedente interessante: basta con le attese snervanti, i lunghi viaggi per raggiungere la casa circondariale (spesso lontana dalla città di origine), le perquisizioni e i metal detector nelle sale degli incontri. Sarebbe necessario solo un computer e la presenza di un agente. L’utilizzo di Internet dal carcere potrebbe non riguardare solo i parenti. Sbriglia pensa anche ai consulti medici e ai detenuti stranieri, magari privi di documenti. «Potrebbero comunicare con le rispettive ambasciate per fornire le proprie generalità. Più in generale, le nuove tecnologie renderebbero più immediata la comunicazione tra i detenuti e la pubblica amministrazione».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana