Google+

Chiesta la canonizzazione di Shahbaz Bhatti

febbraio 25, 2016 Redazione

Ucciso il 2 marzo dai fondamentalisti islamici, il suo atto di coraggio non è stato dimenticato. La Conferenza episcopale pachistana ha chiesto di aprire la causa

shahbaz bhatti-e-shahid mobeen

«Dopo la morte di Shahbaz Bhatti la condizione delle minoranze religiose in Pakistan è nettamente peggiorata. Sia per il maggior numero di attacchi ai loro danni, sia per la mancanza di rappresentanza a livello federale». Così il prof. Shahid Mobeen, docente di pensiero e religione islamici presso la Pontificia Università Lateranense e amico del ministro pachistano ucciso, descrive l’attuale situazione delle minoranze religiose a cinque anni dall’assassinio di Bhatti.

Shahbaz Bhatti è stato il primo e l’unico ministro federale per le minoranze religiose. Dopo la sua morte, avvenuta il 2 marzo 2011 per mano di fondamentalisti, il ministero è stato declassato a semplice dipartimento del Ministero per gli Affari religiosi. «In questo modo né i cristiani, né gli altri non musulmani hanno alcuna rappresentanza politica. L’unico ministro federale cristiano è quello per la Navigazione, che non ha possibilità di intervenire sulla condizione delle minoranze religiose».

Un tema, quello della difesa dei diritti dei non musulmani, cui Bhatti aveva dedicato la sua vita e per il quale aveva accettato nel 2008 la carica di ministro federale. «Ha acconsentito unicamente perché desiderava che le minoranze potessero contribuire alla crescita del paese. Purtroppo in Pakistan l’esercizio di cittadinanza dei non musulmani è impedito perfino a livello legislativo. E Shahbaz, che amava profondamente la sua terra, ha lottato affinché anche loro potessero partecipare allo sviluppo della società».

La principale battaglia del ministro cattolico è stata contro l’abuso della cosiddetta legge antiblasfemia, la norma corrispondente ad alcuni articoli del codice penale pachistano che puniscono con l’ergastolo chi profana il Corano e con la pena di morte chi insulta il profeta Maometto. «Quando il caso di Asia Bibi, per la cui liberazione Shahbaz si era molto speso, esplose a livello internazionale, l’allora presidente Zardari lo nominò presidente della commissione per la revisione della legge. Avrebbe dovuto mettere a punto provvedimenti che limitassero un uso improprio della norma. Ma purtroppo i suoi assassini, forse talebani, non glielo hanno permesso».

Resta il coraggio di un uomo che è riuscito a portare all’attenzione del mondo la condizione delle minoranze religiose del Pakistan. Alcuni mesi prima di essere ucciso, nel novembre 2010, aveva incontrato Papa Benedetto XVI. «La sera prima era molto emozionato e durante l’incontro si è commosso, ascoltando il Papa emerito esprimere grande preoccupazione per i cristiani pachistani».

Oggi, a cinque anni dalla sua morte, i cristiani e la Chiesa del Pakistan chiedono a gran voce l’inizio della causa di canonizzazione. Una richiesta firmata all’unanimità dalla Conferenza episcopale pachistana e giunta a Roma subito dopo l’assassinio. «La Santa Sede ha autorizzato l’apertura di un’indagine che deve essere condotta dal vescovo della diocesi nella quale è accaduto il martirio, ovvero quella di Islamabad-Rawalpindi. Purtroppo però la diocesi è sede vacante da oltre due anni».

Il vescovo in carica nel 2011, monsignor Rufin Anthony, è andato in pensione nel 2013. Dall’indagine compiuta è comunque emerso un documento a firma del padre spirituale di Shahbaz Bhatti, monsignor Anthony Lobo, vescovo emerito di Islamabad-Rawalpindi. «Il presule mi ha consegnato personalmente una sua lettera in cui afferma che un paio di anni prima della sua morte Shahbaz era divenuto un laico consacrato». Una notizia sulla quale il ministro aveva mantenuto il riserbo, così come sulla scelta di rinunciare ad una famiglia per portare avanti la sua causa.

«Una decisione che aveva preso perché era consapevole che poteva essere ucciso. Nonostante ciò era una persona estremamente solare e positiva. Lo rattristavano soltanto le persecuzioni e le discriminazioni ai danni delle minoranze religiose. Ma anche in quei momenti non perdeva mai la lucidità e cercava un modo di affrontare le ingiustizie».

Tratto da Acs


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana