Google+

«Centinaia di profughi sono ammassati sulle coste libiche, le milizie li obbligano ad andare alla morte in mare»

febbraio 17, 2015 Leone Grotti

Intervista a padre Mussie Zerai, sacerdote candidato al premio Nobel per la pace che aiuta i migranti: «L’avanzata dello Stato islamico peggiora la loro situazione»

mussie-zerai-facebook«Stanno raggruppando centinaia di profughi sulle coste libiche, pronti a mandarli allo sbaraglio». Le ultime notizie dalla Libia pervenute a padre Mussie Zerai (foto a fianco) non sono per niente rassicuranti. Il sacerdote cattolico eritreo, candidato al premio Nobel per la pace 2015, è la prima persona che i profughi chiamano per chiedere aiuto quando i bastimenti rischiano di affondare e durante il terribile viaggio che li porta dai paesi di origine fino alle coste italiane. Davanti all’avanzata dello Stato islamico in Libia e al rischio di una nuova guerra, padre Zerai è «preoccupato, perché i primi a fare le spese del peggioramento della situazione saranno i migranti», dichiara a tempi.it.

Cosa sta succedendo sulle coste di Tripoli?
Ho parlato anche ieri sera con alcuni profughi eritrei, che si trovano sulle coste di Tripoli. Mi hanno detto che ogni giorno arrivano tra le 60 e le 100 persone. Li ammassano verso le coste da tutta la Libia e poi li costringono a entrare dentro capannoni, dove vivono anche 600 persone. Ora gli hanno detto che partiranno, anche se non sanno il giorno preciso.

Quanti sono in tutto?
È difficile dare numeri perché i capannoni sono tanti e non comunicano tra di loro. Molti non sanno neanche dove si trovano perché vengono trasportati lì rinchiusi dentro ai camion. I profughi dai capannoni non possono neanche uscire e sono costretti a fare i loro bisogni lì dentro, dove vivono e dormono. Ci sono anche donne incinte. La loro situazione igienico-sanitaria è spaventosa.

L’avanzata dello Stato islamico peggiora ancora di più le cose?
Sì, se il conflitto peggiora, perché nessuno si preoccupa di queste persone e basta un colpo di mortaio che cada sui capannoni per fare una strage.

mare-nostrum-marina-lampedusa-migranti-barconi4Sembra che l’Isis abbia preso i porti da cui partono i migranti. Sono loro ora che li tengono prigionieri e li sfruttano?
I migranti non sanno distinguere gli uomini armati che li circondano. Non sanno se appartengono a una milizia oppure a un’altra, vedono solo uomini con le armi.

Il caos libico è alla base della strage della scorsa settimana (almeno 300 morti in mare, ndr)?
In parte sì, perché per le milizie che si dedicano a questo traffico si tratta di un affare da milioni di dollari. Il fatto che il paese sia fuori controllo permette loro di agire indisturbati. Questi criminali obbligano le persone a partire contro la loro volontà anche quando il mare non è tranquillo, su gommoni o barconi fatiscenti. Bisogna capire che sono mandati a morire anche se non vogliono. Ma c’è un’altra causa.

Quale?
La cancellazione del progetto Mare Nostrum. È chiaro che il nuovo progetto Triton non basta, perché ha il solo mandato di sorvegliare i confini e, in caso, di soccorrere i barconi a trenta miglia dalla costa. Ma i disastri avvengono molto prima. La comunità europea deve fare di tutto per salvarli e tornare a un progetto simile a Mare Nostrum perché stanno per partire in migliaia. Anche se neanche questo basta.

Di cosa c’è bisogno?
È necessario chiudere il rubinetto alla fonte. Da quali paesi stanno partendo queste persone? Bisogna risolvere nei paesi d’origine di queste persone i problemi che li spingono a partire. Altrimenti non ne usciremo mai più.

mare-nostrum-marina-lampedusa-migranti-barconi2Lei è d’accordo con un nuovo intervento internazionale in Libia?
Dipende. Se c’è una strategia precisa per rimettere in piedi un paese allo sfacelo, allora sì. Ma questo andava fatto nel 2011. Da allora ad oggi, i diversi terroristi si sono armati e organizzati. È difficile ricomporre tutto dopo che Al Qaeda, Isis e altri hanno messo le mani sul paese. La situazione libica si avvicina a quella somala ormai. Se l’Unione Europea è pronta a una lunga ed estenuante battaglia per rimettere in piedi questo Stato e sollevarlo dal caos, allora va bene. Ma non possono più pensare di liquidare le cose in tempi brevi.

Le ha fatto piacere ricevere la candidatura al premio Nobel?
Sì, ma solo se serve a richiamare l’attenzione della comunità internazionale su questo dramma. Non c’è pace senza giustizia, non c’è pace senza diritti. Questa gente scappa da persecuzioni e ingiustizie, cercando libertà e dignità. Se la candidatura serve a fare luce su questa situazione, ben venga.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. Filippo81 scrive:

    Gentile Padre Zerai, non possiamo più accogliere clandestini, di cui una buona parte islamisti !

  2. Ivan scrive:

    Che i migranti siano “obbligati” a prendere il mare è quanto mento discutibile. Etiopi, somali, sudanesi, ecc. si recano volontariamente verso le coste libiche proprio perchè sanno che lì c’è la possibilità di imbarcarsi. Quindi poche storie…
    I nostri governi di sinistra hanno creato questa situazione, incentivando in questi ultimi tre anni l’immigrazione clandestina al limite della complicità con i trafficanti (d’altronde “gli immigrati rendono più del traffico di droga”, no?).
    Siamo praticamente in guerra e permettiamo al nemico di infiltrarsi nel nostro territorio, perdipiù con l’appoggio della nostra Marina Militare!!
    Ora che risolva il problema Enrico Letta (babbo di Mare Nostrum), Gentiloni, Alfano e tutti i buonisti filo-islamici al seguito.

  3. antonio scrive:

    centinaia??? vi siete dimenticati QUALCOSA. si parla di 100 o 200 MILA possibili clandestini che verrebbero costretti a imbarcarsi.

    • Raider scrive:

      200.000? Solo le avanguardie, un anticipo, un modesto campione di quelli che li seguono, come non bastassero i milioni e milioni che ci sono stati imposti da governi e Ue negli ultimi trent’anni. Sanno perfettamente che, qui, trovano Renzi, Alfano, il sindaco di Lampedusa che, da come la gente di marina, sa in che direzione tira l’aria, il cardinale Montenegro e a benedirli c’è il papa che prega in direzione de La Mecca e si inchina all’imam: e fanno a gara a chi arriva prima.

      • antonio scrive:

        caro raider, adesso diranno che stiamo esagerando e seminando paura tra la gente. io considero lo Stato come un’entità sempre indifferente, e spesso ostile ai suoi ” cittadini” e la stragrande maggioranza dei politici dei venduti. non capisco cosa sperano di ottenere in cambio quando avranno rovinato molti dei loro elettori . sulla chiesa stendiamo un pietoso silenzio.

        • Raider scrive:

          Caro Antonio, effettivamente, mi riesce difficile, ecco, diciamo – tanto per non esagerare, vah – non darle del tutto ragione. Ma le cifre – limitamoci a queste proprio per non esagerare – sono quelle che sono: e per passare ai politici, tutto quello che si può dire – sempre per non esagerare – è che sono quello che sono, solo un po’ peggio.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con il nuovo Peugeot Belville, la Casa del Leone s’inserisce in uno dei mercati più floridi in assoluto: quello degli scooter piccoli a ruota alta. È disponibile in due cilindrate (125 e 200) con prezzi a partire da 2.950 euro

L'articolo Prova Peugeot Belville proviene da RED Live.

Che Kia sia un’azienda coreana Doc è assodato ma è altresì vero che il suo quartier generale europeo si trova ad appena 500 metri dall’entrata del Salone di Francoforte. E’ quindi normale che Kia viva la kermesse tedesca in modo speciale, come la fiera di casa, quella in cui sfruttare il fattore campo favorevole per […]

L'articolo Kia Proceed Concept: il futuro passa da qui proviene da RED Live.

Tucano Urbano gioca d’anticipo su EICMA e presenta ora la collezione autunno/inverno 2017/2018. Per chi viaggia in moto 365 giorni all’anno.

L'articolo Tucano Urbano collezione autunno/inverno 2017/2018 proviene da RED Live.

È la nuova proposta a firma Diamante-DMT per l’agonista che pratica XC o Marathon ma anche per il biker esigente, che da ogni uscita si aspetta il massimo in termini di prestazione proprie e della sua attrezzatura. La DMT DM1 è progettata e realizzata per essere affidabile e performante, caratteristiche ottenute anche grazie a una […]

L'articolo DM1, nuova scarpa offroad by DMT proviene da RED Live.

Anticipa una berlina compatta a zero emissioni al debutto entro il 2022. Alla trazione integrale a gestione elettronica abbina due motori a batteria e una potenza di 272 cv. Autonomia di 400 km.

L'articolo Mercedes EQ A: la compatta di domani proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana