Google+

Cattolici aggrediscono Femen? Contrappunto a una baraonda mediatica

novembre 20, 2012 Francesco Amicone

Francia. La stampa italiana ignora la grande manifestazione di sabato contro i matrimoni e le adozioni gay, ma si sofferma sui tafferugli domenicali tra le femministe e i nazionalisti. Ecco cosa e successo

Francia. Due manifestazioni differenti. A Parigi e in altre città. La più imponente, quella di sabato, dalla stampa italiana è stata ignorata, tutt’al più accomunata con quella domenicale organizzata da un’associazione cattolica nazionalista, che aveva deciso di manifestare di domenica proprio per distinguersi dai manifestanti del giorno prima. Lo scopo delle due manifestazioni era identico. Una pacifica protesta contro l’introduzione dei matrimoni e delle adozioni gay, volute dal governo di sinistra di Francois Hollande.

LA MANIFESTAZIONE DI SABATO. «Manif pour tou», lo slogan della manifestazione che ha portato in piazza centinaia di migliaia di francesi e a cui hanno dato anche il loro appoggio – a titolo personale– alcuni vescovi francesi. Famiglie, studenti, pensionati. Una “manifestazione aperta a tutti” , senza colori politici, organizzata da Frigide Barjot, parodista cattolica, Laurence Tcheng, scrittore socialista, e Xavier Bongibault, fondatore di Plus gay sans marriage (collettivo gay-conservatore), e a cui ha aderito anche Alliance Vita ou du Collectif pour l’enfant. Il successo ha portato gli organizzatori a ipotizzare altre grandi manifestazioni per novembre.

IL PRESIDIO DI ISTITUT CIVITAS. Ventiquattro ore dopo, a Parigi, davanti al ministero della Famiglia si raccoglie una seconda manifestazione, quella di istitut Civitas, organizzazione cattolica-nazionalista, vicina ai lefebvriani e che ha scelto di non confondersi con i manifestanti del giorno precedente. È qui che fanno irruzione le Femen. Il gruppo di femministe ucraine, seguite dal solito drappello di fotografi, hanno infatti deciso di irrompere nel presidio. Da quel momento sono iniziate le percosse e gli insulti. Secondo le “femministe”, sarebbero state oggetto della violenza dei manifestanti. Secondo i manifestanti, sarebbero stati loro l’oggetto della violenza delle femministe.

BESTEMMIE “UMORISTICHE”. Secondo i manifestanti, la pacifica contro-manifestazione, così come definita dai giornali italiani, è consistita in un’irruzione illegale in un presidio legittimo, nella consuetudinale esposizione delle mammelle per fotografi desiderosi di promuovere contenuti femministi e nell’esposizione di slogan “umoristici” – così definiti dalle leader di Femen – quali “fuck god” e “fuck religion”. Come se non bastasse, sono stati messi sotto accusa anche gli uomini del servizio d’ordine del corteo, rei di aver usato le maniere forti nel tentativo di disarmare le donne che usavano gli estintori contro i manifestanti.

LA DENUNCIA. Se, da una parte, la femminista Caroline Fourest, che aveva accompagnato le Femen sul luogo, dichiara di avere subito maltrattamenti da parte di una dozzina di manifestanti infuriati, dall’altra, l’organizzazione cattolica nazionalista ha comunicato che, dei quattro fermati dalla Polizia francese per le violenze, nessuno aveva un rapporto con  l’associazione. Inoltre, l’associazione cattolica provvederà a denunciare presso le autorità il comportamento violento delle attiviste ucraine.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

9 Commenti

  1. aruka scrive:

    ma queste femen non hanno dei papà che le prendano a sberle? Così, giusto per insegnar loro un po’ di educazione…

    • Celso scrive:

      Infatti è esattamente quello che hanno fatto i bravi paparini dell’associazione clerico-fascista Civitas. Quanta nostalgia del manganello!

  2. Marco scrive:

    Personalmente sono molto preoccupato per l’informazione in Italia. A parte che non è stata data nessuna notizia sulle manifestazioni del fine settimana che si sono svolte nella più grande tranqillità (senza assalti alle banche, McDonalds, sedi istituzionali, o scontri con polizia), ma soprattutto perchè la gran parte dei media italiani (anche giornali una volta autorevoli) sono riusciti a trasformare gli aggressori in vittime. E questo è molto grave. Tant’è che i commenti agli articoli nei siti di questi giornali segnalavano questo problema.

    • gmtubini scrive:

      A questo proposito ecco l’intervento su “Liberoquotidiano.it” del commentatore gabriele.puppis:
      “Gentile Redazione, nelle ultime 24 ore ho visto questo articolo apparire, senza firma e in forme più o meno identiche, su quasi tutti i giornali d’Italia. Mi sono quindi permesso di fare una semplice ricerca su google cercando una parte caratterizzante del testo come “inscenare una protesta pacifica e ironica”. Bene il risultato è 180 corrispondenze in meno di 24 ore, direi un record (neanche la scoperta del bosone di Higgs aveva prodotto tanti risultati in così breve tempo). Vi chiederei quindi se potete cortesemente informarci sulla fonte primaria di questo articolo, per capire ad esempio chi ne è l’autore e come certe notizie si diffondono fra i media. Grazie.”

  3. Paolo Delfini scrive:

    Le femen non sono delle attiviste disinteressate, bensi’ prendono cospicui finanziamenti da certi ambienti ben identificati,per creare problemi a certe realta’ scomode, come il movimento francese Civitas.

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il progetto della prima vettura Apple senza conducente potrebbe cambiare radicalmente. A Cupertino non verrà sviluppata un’auto vera e propria, bensì un software per la guida autonoma da dedicare ai modelli di più costruttori.

Scorrevolezza e grip non sono due caratteristiche antitetiche. Il segreto sta nel battistrada, che deve combinare in modo perfetto mescole e disegno del tasselli.

La rinnovata SUV Ford verrà declinata in versione sportiva. A un assetto più rigido e sospensioni derivate da Focus ST si accompagneranno finiture interne e un look specifici. L’allestimento ST sarà disponibile per tutti i motori in gamma.

Dalla metà degli Anni ’60 ad oggi ha visto la luce un manipolo di vetture estreme, cattive, brutali e tremendamente performanti. Sogni, o incubi, a quattro ruote, ecco le auto più difficili da guidare al mondo.

Derivata dalla supercar 570S Coupé, non è omologata né per l’utilizzo stradale né per le competizioni. Destinata ai track day, adotta il noto V8 3.8 biturbo portato a 600 cv. L’aerodinamica s'ispira alla race car impegnata nel Campionato FIA GT4.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana