Google+

Cattolici aggrediscono Femen? Contrappunto a una baraonda mediatica

novembre 20, 2012 Francesco Amicone

Francia. La stampa italiana ignora la grande manifestazione di sabato contro i matrimoni e le adozioni gay, ma si sofferma sui tafferugli domenicali tra le femministe e i nazionalisti. Ecco cosa e successo

Francia. Due manifestazioni differenti. A Parigi e in altre città. La più imponente, quella di sabato, dalla stampa italiana è stata ignorata, tutt’al più accomunata con quella domenicale organizzata da un’associazione cattolica nazionalista, che aveva deciso di manifestare di domenica proprio per distinguersi dai manifestanti del giorno prima. Lo scopo delle due manifestazioni era identico. Una pacifica protesta contro l’introduzione dei matrimoni e delle adozioni gay, volute dal governo di sinistra di Francois Hollande.

LA MANIFESTAZIONE DI SABATO. «Manif pour tou», lo slogan della manifestazione che ha portato in piazza centinaia di migliaia di francesi e a cui hanno dato anche il loro appoggio – a titolo personale– alcuni vescovi francesi. Famiglie, studenti, pensionati. Una “manifestazione aperta a tutti” , senza colori politici, organizzata da Frigide Barjot, parodista cattolica, Laurence Tcheng, scrittore socialista, e Xavier Bongibault, fondatore di Plus gay sans marriage (collettivo gay-conservatore), e a cui ha aderito anche Alliance Vita ou du Collectif pour l’enfant. Il successo ha portato gli organizzatori a ipotizzare altre grandi manifestazioni per novembre.

IL PRESIDIO DI ISTITUT CIVITAS. Ventiquattro ore dopo, a Parigi, davanti al ministero della Famiglia si raccoglie una seconda manifestazione, quella di istitut Civitas, organizzazione cattolica-nazionalista, vicina ai lefebvriani e che ha scelto di non confondersi con i manifestanti del giorno precedente. È qui che fanno irruzione le Femen. Il gruppo di femministe ucraine, seguite dal solito drappello di fotografi, hanno infatti deciso di irrompere nel presidio. Da quel momento sono iniziate le percosse e gli insulti. Secondo le “femministe”, sarebbero state oggetto della violenza dei manifestanti. Secondo i manifestanti, sarebbero stati loro l’oggetto della violenza delle femministe.

BESTEMMIE “UMORISTICHE”. Secondo i manifestanti, la pacifica contro-manifestazione, così come definita dai giornali italiani, è consistita in un’irruzione illegale in un presidio legittimo, nella consuetudinale esposizione delle mammelle per fotografi desiderosi di promuovere contenuti femministi e nell’esposizione di slogan “umoristici” – così definiti dalle leader di Femen – quali “fuck god” e “fuck religion”. Come se non bastasse, sono stati messi sotto accusa anche gli uomini del servizio d’ordine del corteo, rei di aver usato le maniere forti nel tentativo di disarmare le donne che usavano gli estintori contro i manifestanti.

LA DENUNCIA. Se, da una parte, la femminista Caroline Fourest, che aveva accompagnato le Femen sul luogo, dichiara di avere subito maltrattamenti da parte di una dozzina di manifestanti infuriati, dall’altra, l’organizzazione cattolica nazionalista ha comunicato che, dei quattro fermati dalla Polizia francese per le violenze, nessuno aveva un rapporto con  l’associazione. Inoltre, l’associazione cattolica provvederà a denunciare presso le autorità il comportamento violento delle attiviste ucraine.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

9 Commenti

  1. aruka says:

    ma queste femen non hanno dei papà che le prendano a sberle? Così, giusto per insegnar loro un po’ di educazione…

    • Celso says:

      Infatti è esattamente quello che hanno fatto i bravi paparini dell’associazione clerico-fascista Civitas. Quanta nostalgia del manganello!

  2. Marco says:

    Personalmente sono molto preoccupato per l’informazione in Italia. A parte che non è stata data nessuna notizia sulle manifestazioni del fine settimana che si sono svolte nella più grande tranqillità (senza assalti alle banche, McDonalds, sedi istituzionali, o scontri con polizia), ma soprattutto perchè la gran parte dei media italiani (anche giornali una volta autorevoli) sono riusciti a trasformare gli aggressori in vittime. E questo è molto grave. Tant’è che i commenti agli articoli nei siti di questi giornali segnalavano questo problema.

    • gmtubini says:

      A questo proposito ecco l’intervento su “Liberoquotidiano.it” del commentatore gabriele.puppis:
      “Gentile Redazione, nelle ultime 24 ore ho visto questo articolo apparire, senza firma e in forme più o meno identiche, su quasi tutti i giornali d’Italia. Mi sono quindi permesso di fare una semplice ricerca su google cercando una parte caratterizzante del testo come “inscenare una protesta pacifica e ironica”. Bene il risultato è 180 corrispondenze in meno di 24 ore, direi un record (neanche la scoperta del bosone di Higgs aveva prodotto tanti risultati in così breve tempo). Vi chiederei quindi se potete cortesemente informarci sulla fonte primaria di questo articolo, per capire ad esempio chi ne è l’autore e come certe notizie si diffondono fra i media. Grazie.”

  3. Paolo Delfini says:

    Le femen non sono delle attiviste disinteressate, bensi’ prendono cospicui finanziamenti da certi ambienti ben identificati,per creare problemi a certe realta’ scomode, come il movimento francese Civitas.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

Gestito da appassionati motociclisti, lo Spidi Store milanese di via Telemaco Signorini 12, mette a disposizione le ultime novità del marchio oltre a un servizio di tute su misura e di installazione di interfoni su caschi. Per festeggiare il suo primo anno di vita il negozio ha organizzato, in occasione di EICMA 2017, una serata all’insegna […]

L'articolo Spidi Store Milano spegne la prima candelina proviene da RED Live.

Tesla la tocca piano… presentando a sorpresa, in occasione dell’unveiling dell’atteso camion a batteria, l’erede dell’ormai storica Tesla Roadster. Una vettura che la Casa americana, con grande morigeratezza, non esita a definire “l’auto più veloce del Pianeta”. Una supercar elettrica che, ancora una volta, spiazza la concorrenza promettendo di ridefinire il concetto di performance a zero […]

L'articolo Tesla Roadster: zitti tutti proviene da RED Live.

Dopo la nuova generazione di Trafic SpaceClass, presentata lo scorso ottobre, Renault torna sull’argomento “business” con il lancio della nuova gamma Executive, studiata per rendere sempre più confortevole e ricca di tecnologia la vita a bordo di chi si sposta per lavoro. La Casa della Losanga dota quindi di contenuti premium tre vetture della sua scuderia, […]

L'articolo Gamma Executive, l’allestimento premium di Renault proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download