Google+

Carte rubate «in favore del Papa». Ma ci prendono per scemi?

giugno 1, 2012 Ubaldo Casotto

Chi di noi crederebbe alla buona fede di delatori senza volto? O, piuttosto, non si sentirebbe offeso nella sua intelligenza e trattato come un deficiente?

«Ho sottratto la corrispondenza riservata e segreta del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano con il premier Mario Monti e l’ho consegnata a un giornalista in modo che ne facesse articoli o libri. L’ho fatto perché portando a conoscenza del grande pubblico i segreti dello Stato sono certo di aiutare il presidente Napolitano nel suo sforzo di rinnovamento della politica italiana».

In casa di un dipendente della Casa Bianca con accesso agli uffici di Barack Obama sono stati trovati quattro scatoloni con documenti riservati della presidenza. Una fonte anonima si è fatta viva con un giornalista del Washington Post spiegando che dietro la fuga dei report secretati c’è «una rete di funzionari governativi, anche di alto livello. Siamo in tanti e vogliamo aiutare Obama a fare pulizia». Quanto al dipendente arrestato – spiega l’anonimo – «lui non c’entra. Lui non ha sottratto le carte del presidente, ma è stato coinvolto per far arrivare dei documenti a Obama».

Chi di noi crederebbe alla buona fede di questi delatori senza volto? O, piuttosto, non si sentirebbe offeso nella sua intelligenza e trattato come un deficiente?

Eppure è questo il tono delle versioni dei fatti che ci stanno propinando i grandi giornali italiani dopo l’arresto di Paolo Gabriele, il maggiordomo di Benedetto XVI accusato, per ora, di furto aggravato, dopo che nel suo appartamento sono stati trovati documenti riservati.

Ora, se è difficile credere che il mite Paolo Gabriele – così lo descrive chi lo conosce – sia l’unica mente e l’unico braccio responsabile della fuga della corrispondenza privata del papa, è altrettanto difficile convincersi – come ci vogliono far credere – che tre cardinali senza più ambizioni di carriera, scelti personalmente dal papa e che al papa direttamente rispondono, abbiano orchestrato un piano per incastrare il maggiordomo pontificio. L’avrebbero fatto per dare in pasto alla stampa un capro espiatorio, in modo da chiudere il caso e bloccare la campagna mediatica sui corvi vaticani. Veramente ci prendono per scemi: noi, i tre cardinali e – absit iniuria verbis – il papa stesso.

Dice l’anonimo confidente di Repubblica di lunedì 28 maggio che chi passa documenti all’esterno «agisce in favore del papa», salvo poco più avanti spiegare che in Vaticano è in corso una guerra e che «i documenti fuoriusciti sono lo strumento con cui si sta combattendo questa guerra. L’obiettivo primario era quello di colpire il papa». Colpirlo o aiutarlo?

La persona che parla – nota il cronista – «è tormentata. Vuole parlare, ma allo stesso tempo ha paura e ha forti dubbi. Niente nomi da pubblicare, ne andrebbe della sua sicurezza». Questa stessa tremebonda persona chiude il suo colloquio con un’ostentazione di coraggio: «Quello che faccio è fatto in nome di Dio, io non ho paura». Ha paura o non ha paura? Teme per sé, e allora nasconde il suo nome, o non ha timori, e allora perché la volontà di far emergere il marcio non diventa volontà anche di far conoscere i paladini del bene?

Nessuno vuole negare che ci sia un conflitto anche dentro il Vaticano, ma l’evidenza mostra che la vera guerra è contro la Chiesa e mira a indebolire non la figura di questo papa ma il papato tout court. E in ogni guerra, le quinte colonne non sono mai mancate.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana