Google+

Bolzonaro: «Tremonti non è un contabile, il governo umilia le famiglie»

luglio 16, 2011 Leone Grotti

Roberto Bolzonaro, vicepresidente del Forum delle associazioni familiari, critica a Tempi.it la manovra approvata dal Senato e in discussione alla Camera, per i tagli previsti ai danni delle famiglie: «Le nostre proposte sono carta straccia. Le famiglie si sentono derise. Questa manovra poteva farla un ragioniere, ma Tremonti è un ministro, deve avere delle priorità, guardare al bene comune»

«Le famiglie si sentono sole, abbandonate, derise e umiliate. Questa manovra poteva farla un contabile, un ragioniere, uno che sa fare solo i conti. Ma Tremonti è un ministro, è un politico, deve avere delle priorità, guardare al bene comune, non può fare solo i calcoli». La delusione nei confronti di un governo «incapace» che Roberto Bolzonaro, vicepresidente del Forum delle associazioni familiari, esprime a Tempi.it è grande. La manovra approvata ieri dal Senato, e in discussione oggi alla Camera dove avrà il via libera intorno alle 19, prevede 24 miliardi di tagli al pacchetto di 483 agevolazioni e detrazioni fiscali di cui usufruiscono soprattutto le famiglie.

Questi tagli erano concordati?
No. La situazione è traumatica. Sappiamo che l’Italia è in difficoltà e che bisogna fare dei sacrifici ma un taglio lineare, stando a quanto dice la legge e i giornali, ai 483 provvedimenti di bonus e agevolazioni fiscali significa calare la mannaia a occhi chiusi. Chi becco, becco. Solo chi si trova in difficoltà usa le detrazioni, quindi questa è una manovra che colpisce chi ha di meno, agisce sulle fasce più deboli della popolazione.

Oggi tutti i giornali riportano che verranno colpite anche le famiglie con figli.

Chi non ha figli è già a posto, perché andare a colpire solo le famiglie numerose che hanno bisogno oppure quelle con redditi medi e bassi? Questa manovra è sbagliata nel principio, perché crea disuguaglianza tra i cittadini, ed è fatta in modo molto sciocco.

In che senso?

Una manovra così poteva pensarla un contabile, un ragioniere, uno che sa fare solo i conti. Ma Tremonti è un ministro, è un politico, deve avere delle priorità, guardare al bene comune, non può solo calcolare. Io mi aspetto che il governo sappia quello che fa. Se il governo taglia le agevolazioni alle famiglie con figli a carico si dimostra incapace e tutto questo è inaccettabile.

Non era possibile concordare insieme i tagli da realizzare?

Certo. Noi del forum delle associazioni familiari abbiamo chiesto con prepotenza di fare i tagli in un certo modo, ci siamo seduti a un tavolo con il ministro e abbiamo avanzato delle proposte concrete, indicando precisamente dove risparmiare senza colpire le famiglie. E adesso abbiamo capito dove sono finite quelle proposte: nel cestino della carta straccia. Ma allora perché ci chiamano a fare i tavoli per discutere? Le famiglie si sentono sole, abbandonate, derise e umiliate.

Come riportato dal Sole 24 Ore, il governo potrà scegliere in parte quali agevolazioni tagliare, potrà operare un discernimento.

Spero che tornino indietro, perché possono operare ancora delle scelte. Bisogna salvare il salvabile: si può ancora evitare che vengano tagliati gli assegni familiari e le agevolazioni per i nuclei con figli a carico. Se non lo faranno, saranno doppiamente sciocchi.

Perché?

Perché è dimostrato che se tagli fondi alle famiglie, i consumi ne risentono e calano. E tutti sanno, tutti lo dicono, che in un periodo di crisi bisogna adoperarsi in ogni modo perché i consumi vengano invece incrementati.

Perché, secondo lei, se tutti lo sanno nessuno mette in campo una politica a favore della famiglia mentre vengono fatti tagli pesanti alle agevolazioni?

Se mi richiama mercoledì pomeriggio glielo dico. Mercoledì mattina incontreremo Tremonti. Adesso non posso rispondere a questa domanda, perché non lo so neanch’io. Ma è esattamente quello che voglio chiedere al ministro e pretenderò una risposta.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.