Google+

Qualcuno ricordi alla Boldrini che la lotta all’utero in affitto in Italia non è «una scelta di parte»

marzo 22, 2017 Pietro Piccinini

L’incredibile motivazione con cui la presidenza della Camera ha negato il patrocinio al convegno europeo a Montecitorio contro la maternità surrogata

boldrini-vendola-ansa

La precisione con cui Laura Boldrini, nel suo infaticabile sforzo di apparire come la paladina dei “diritti” di tutti, riesce ogni volta a passare dalla parte del torto è veramente ammirevole. Il suo ultimo successo in questo senso lo racconta oggi Repubblica dando notizia della importante «convention europea» che si terrà domani a Montecitorio «per rilanciare la battaglia delle donne contro la maternità surrogata».

Si tratta di una iniziativa ispirata da quella specie di internazionale laica e femminista contro l’utero in affitto di cui Tempi ha scritto in abbondanza. L’incontro a Montecitorio si intitola “Maternità al bivio: dalla libera scelta alla surrogata. Una sfida mondiale” e lo scopo delle promotrici è la messa al bando universale di una pratica che definiscono «mercificazione del corpo delle donne e dei bambini». Il parterre annunciato da Repubblica è di tutto rispetto: «Sarà invitata dalla deputata pd Fabrizia Giuliani e da Francesca Izzo e Cristina Comencini (di Snoq Libere) la vicepresidente del Parlamento francese, la socialista Laurence Dumont, che l’anno scorso ha ospitato a Parigi l’assise per l’abolizione della maternità surrogata. E poi l’attivista Sylviaine Agacinski, moglie dell’ex premier francese Lionel Jospin, presidente del CoRP (collettivo per il rispetto della persona), che ha in scaletta un intervento dal titolo “Une question de civilisation”(una questione di civiltà), la svedese Stephanie Thögersen, la scrittrice Susanna Tamaro, l’europarlamentare Silvia Costa, le deputate Mara Carfagna, Eleonora Cimbro, Milena Santerini, Elena Centemero, Maria Elena Spadoni, le ministre Anna Finocchiaro (Pd) e Beatrice Lorenzin (Ncd)».

Forse illudendosi che una partecipazione così vip e così bipartisan rendesse l’iniziativa abbastanza politicamente corretta da incontrare anche il consenso della Boldrini, le donne contro l’utero in affitto si sarebbero aspettate il patrocinio della Camera dei deputati. «Lo avevano chiesto ufficialmente, attraverso l’associazione Se non ora quando Libere», scrive Repubblica. «Ma la presidenza di Montecitorio ha spiegato che non era possibile». E attenzione al virgolettato riportato dal quotidiano come motivazione del no: «Perché su temi sensibili non si appoggiano iniziative dove c’è la scelta netta di una parte».

Ma come? Non è la stessa Boldrini che sogna un’Europa «erogatrice di diritti» capace di assegnare ai paesi membri «la tripla A sociale» come misura per «far cambiare opinione ai cittadini»? Non è la stessa Boldrini che un anno fa ammise di avere «molte riserve sulla maternità surrogata» (pur fra mille distinguo, visto che all’epoca c’era da difendere il neo “papà” Nichi Vendola, capo del partito che l’aveva candidata al parlamento)? L’utero in affitto non è un argomento su cui valga la pena di impegnare qualche istituzione per «far cambiare opinione ai cittadini»?

È bene ribadire: secondo il presidente della Camera un convegno contro la maternità surrogata sarebbe una «netta scelta di parte» su un «tema sensibile», e dunque la Camera non può concedergli il patrocinio. Ora, si dà il caso che la maternità surrogata in Italia sia soggetta a un divieto di legge ancora vigente, benché poco praticato perfino nei tribunali. E da quando in qua criticare una pratica vietata dalla legge italiana rappresenterebbe per le istituzioni repubblicane una inopportuna «scelta di parte»? Ricordarsi di porre la domanda al prossimo gala contro il femminicidio presenziato dalla Boldrini.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sapete che il 60% delle V7 III, al momento dell’acquisto, sono richieste con almeno un accessorio montato (con prenza per quelli di ispirazione Scrambler o Dark)? Di più: per la sola V7 esistono a catalogo 200 parti speciali – fra queste ci sono ben 8 selle – mentre, se consideriamo tutti i modelli Moto Guzzi, […]

L'articolo Prova Moto Guzzi V7 III Rough, Milano e Carbon proviene da RED Live.

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.