Google+

Virginia Raggi e «il suo omologo» che sta in Vaticano

settembre 14, 2016 Redazione

virginia-raggi-roma-ansa

Avete presente il famoso bidone rifilato la settimana scorsa da Virginia Raggi alla Cei, che fece addirittura parlare i giornali di inizio un po’ teso delle relazioni tra la nuova giunta pentastellata della capitale e la Chiesa? Ecco, il Messaggero di Roma propone oggi un retroscena, a firma di Simone Canettieri, davvero allucinante.

L’APPUNTAMENTO SALTATO. I fatti noti risalgono a venerdì scorso. La prima cittadina M5S, ricorda il Messaggero, aveva un appuntamento «nella Sala Nervi del Vaticano per partecipare al Festival di Azione Cattolica “A noi la parola”. Ad attenderla ci sarebbe stato il segretario generale della Cei, Nunzio Galantino». Quello che è meno noto, e che Canettieri ritiene di aver ricostruito nel suo articolo, è la reale motivazione scelta dalla «segreteria politica della grillina» per liberare la Raggi dall’impegno (la versione ufficiale parlava di «motivi personali»).

UN VESCOVO, UN ASSESSORE. «In soldoni», scrive il Messaggero, lo staff del Campidoglio avrebbe fatto sapere a una diplomazia della Cei «prima attonita poi imbufalita» che «la sindaca Raggi sarà presente solo se ci sarà il suo omologo, quindi il Papa, altrimenti no. Se ci sarà un vescovo, noi manderemo un assessore». E dunque, essendo in effetti monsignor Galantino “solo” un vescovo, alla fine all’evento con lui «si è presentata l’assessore alla scuola Laura Baldassarre».

SCIVOLONE. Uno «scivolone», continua Canettieri, che oltre a suonare veramente comico, ha rischiato di provocare una mezza crisi diplomatica. Tanto è vero che in Campidoglio, sempre secondo il Messaggero, l’amministrazione pentastellata avrebbe fatto «scattare subito la caccia al responsabile, nel mirino il capo della segreteria politica di “Virginia” Andrea Mazzillo».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download