Google+

State programmando un viaggetto a Napoli all’insegna del gusto? Allora prima dovete passare di qui

novembre 24, 2013 Tommaso Farina

Vedi Napoli e poi muori. Ma non di fame. Se si tratta di tirare in ballo una gastronomia che ha avuto fortuna nel mondo, sicuramente parliamo di quella napoletana. Bastino due nomi: pizza, pasta. In tutto il mondo sanno cosa sono. E in tutto il mondo è possibile mangiarle. Così, su tutto il globo oggi il nome di Napoli in qualche modo riecheggia.

E questo, Maurizio Cortese, partenopeo goloso, una vita nel terziario, lo sa bene. Ma è tutto bello come sembra? Maurizio, cresciuto fin da bambino nelle cucine del mitico ristorante Don Alfonso 1890 di Sant’Agata sui due Golfi (Napoli), è realista: «L’assoluta mancanza di strutture adeguate, un disinteresse atavico delle istituzioni verso quella che potrebbe essere la prima fonte di reddito cittadina, hanno fatto sì che i turisti la vivessero più come meta di passaggio, per le isole, per la costiera, per gli scavi di Ercolano e Pompei, anziché dedicarle tutta l’attenzione che meriterebbe». A pensarci bene, è verissimo. Ma voi vi chiederete: come mai l’opinione di Cortese ci interessa? Semplice: Maurizio non è uno di quei napulitani “chiagni e fotti”, che si lamentano soltanto. Ha rimproverato alla sua città una mancanza, ma in queste settimane si è dato da fare, provando a rattopparla. In sintesi, ha creato Cortese Way: un progetto di consulenza gastronomica per viaggiatori e curiosi.

Come funziona? Se avete voglia di impiattare un viaggetto napulitano all’insegna del gusto, mandate un piccione viaggiatore a Maurizio: saprà indirizzarvi nei luoghi più riassuntivi delle meraviglie golose campane. Volete la sublimazione della pizza? Pronti: Maurizio vi accompagnerà nei santuari del forno e dell’arte bianca. Cucina campana popolare o di lusso? Ecco una serie di ristoranti consigliati, tutti per voi. E per il bere? Nessun problema: le visite ai vigneti e alle cantine sono un’opzione praticabilissima. Se non foste interessati soltanto all’aspetto mangereccio, potrete comunque matrimoniarlo alla visita dei più bei siti archeologici e paesaggistici del comprensorio partenopeo.

E c’è di più. Gli incontentabili potranno iscriversi a una scuola di cucina. La moglie di Maurizio, la bellissima Cristina Lontananza, secondo alcuni fa uno degli ultimi veri, grandi, buoni ragù alla napoletana. Sarà lei a darvi le lezioni, assieme ad Angelina Ceriello, amorevole matriarca dell’Osteria E’ Curti, di Sant’Anastasia (Napoli).

La carne al fuoco è tanta, in tutti i sensi. Se interessati, vi converrà dunque dare una sbirciata al sito web, www.corteseway.it, scrivendo magari direttamente a Maurizio, all’indirizzo email info@corteseway.it. Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto…

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il progetto della prima vettura Apple senza conducente potrebbe cambiare radicalmente. A Cupertino non verrà sviluppata un’auto vera e propria, bensì un software per la guida autonoma da dedicare ai modelli di più costruttori.

Scorrevolezza e grip non sono due caratteristiche antitetiche. Il segreto sta nel battistrada, che deve combinare in modo perfetto mescole e disegno del tasselli.

La rinnovata SUV Ford verrà declinata in versione sportiva. A un assetto più rigido e sospensioni derivate da Focus ST si accompagneranno finiture interne e un look specifici. L’allestimento ST sarà disponibile per tutti i motori in gamma.

Dalla metà degli Anni ’60 ad oggi ha visto la luce un manipolo di vetture estreme, cattive, brutali e tremendamente performanti. Sogni, o incubi, a quattro ruote, ecco le auto più difficili da guidare al mondo.

Derivata dalla supercar 570S Coupé, non è omologata né per l’utilizzo stradale né per le competizioni. Destinata ai track day, adotta il noto V8 3.8 biturbo portato a 600 cv. L’aerodinamica s'ispira alla race car impegnata nel Campionato FIA GT4.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana