Google+

Quirico: Kenya, Siria, Egitto. E poi la Spagna. L’Occidente dorme, l’islam radicale è in guerra

settembre 23, 2013 Redazione

Domenico Quirico ha scritto ieri in un’editoriale sulla Stampa (“La guerra che stiamo sottovalutando”) un commento molto duro sull’islam e sulla «prossima guerra che ci attende, si avvicina, già incombe». Traendo spunto dagli ultimi episodi di cronaca, il celebre inviato che è stato sequestrato per cinque mesi dai ribelli in Siria scrive che in questa guerra si contrappongono due fronti. «Da una parte l’Occidente, noi», dall’altra «l’Islam radicale determinato a vendicare i secoli dell’umiliazione, a ricostruire con i soldi dell’Arabia Saudita e del Qatar, grande invincibile, la terra del vero dio. Oggi ad essere colpita è Nairobi, e a colpire sono gli shebab. Domani sarà la Tunisia, la Siria, l’Egitto».

NON ESISTE L’ISLAM MODERATO. Questo conflitto non rimarrà isolato nel Medio oriente, lontano da noi. Ci entrerà in casa. «E poi toccherà, almeno nei loro sogni – scrive Quirico – a Al Andalus, la Spagna che, come mi hanno raccontato gli uomini di Al Qaeda di cui sono stato prigioniero, è “terra nostra e la riprenderemo”». Il giornalista è molto duro nel giudicare l’indolenza dell’Occidente «spaurito e volutamente distratto», che è ancora «saldamente deciso a seguire un mito di un Islam moderato, educato che esiste solo nei libri (e nelle bugie), disperatamente aggrappato al calendariuccio delle nostre nobili comodità».
A questo Occidente, «sfugge la semplicità brutale del problema. L’Islam fanatico che era un semplice guaio di polizia che ci costava soldi e rendeva complicata la vita, ma non era letale, sta per diventare un problema militare. Quando si è deboli e brutali, come lo è oggi l’Occidente, si è molto più odiati di quando si è forti e brutali ed è ciò che sta accadendo ora».

IL CALIFFATO. A Nairobi si vedono «i primi morti della guerra che verrà», e sono monito di quel che «sta per ripetersi in Siria: una rivoluzione troppo debole, gli islamisti che si preparano dopo la cacciata di Assad a imporre la loro legge, Il Califfato, una società olistica ripiegata su se stessa e sul passato, sembrava un sogno retorico, ma si materializza ogni giorno di più nei fatti. Il partito di dio e i suoi eserciti dimostrano di essere in grado di aprire nuovi fronti. In una guerra santa la morte diventa un combustibile, un mezzo per un fine in sé».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

4 Commenti

  1. mike scrive:

    è stato pagato per parlare così al fine di farci andare in siria, noi europei, a fianco degli americani. e poi dove ancora “servirebbe”. tanto diranno che assad in fondo è un tutt’uno col terrorismo (del resto poi già si dice da anni che siria ed iran finanziano il terrorismo internazionale di matrice musulmana). poi… leggo ora la fine… dice che i ribelli vinceranno in siria e faranno il califfato. finora si pensava che assad stesse vincendo la guerra, anzi che la vincerà sicuramente prima o poi, e per questo gli americani volevano intervenire dato che per loro era assad il cattivo. o non ho capito io i giornali e i telegiornali o quirico non sa raccontarle bene.

  2. mike scrive:

    quirico ci spieghi perché dovremmo andare in siria (dove prima dei ribelli i cristiani in fondo potevano stare al sicuro e dove ora assad sta vincendo) e non in nigeria (dove i terroristi di boko haram ogni tanto fanno una strage di cristiani, e anche va detto di musulmani che non la pensano come loro) o anche in Kenya. no che se l’occidente difende la libertà e in genere i diritti dell’uomo è lì che, casomai, dovremmo intervenire.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana