Google+

Polemica in Cina sul ristorante «vietato a giapponesi, filippini, vietnamiti e cani»

febbraio 28, 2013 Leone Grotti

La storia si ripete ma a parti invertite. «Questo negozio non serve giapponesi, filippini, vietnamiti e cani». Il cartello è stato esposto all’entrata di un ristorante di Pechino, che vieta l’ingresso, oltre ai cani, ai cittadini di quei paesi che si trovano in disputa con la Cina per il possesso di alcune isole nel Mar cinese. La Cina, infatti, contende al Giappone le isole Senkaku/Diaoyu, alle Filippine lo Scarborough Shoal e al Vietnam le isole Paracel e Spratly.

«NON SONO PENTITO». Accusato di razzismo, il proprietario ha deciso di togliere il cartello «perché mi ha creato un sacco di problemi» ma «non sono affatto pentito» afferma al South China Morning Post, «però ho ricevuto troppe telefonate». Il signor Wang, gestore della ristorazione, si è detto anche stupito di avere attirato così tanta attenzione: «Forse la gente non ha capito il significato del cartello, dice solo che io non servo clienti di questi paesi».

VIETATO AI CANI E AI CINESI. La storia si ripete, si diceva, perché ricorda lo storico astio con i giapponesi invasori e il periodo in cui la Cina è stata colonizzata da inglesi e francesi, i cui negozi vietavano l’entrata «ai cani e ai cinesi». Nel 1932 Shanghai contava circa 3 milioni di abitanti ed era divisa in tre: la Concessione internazionale, che univa quella inglese e americana, la Concessione francese e i sobborghi cinesi separati tra loro dalle Concessioni nelle quali vivevano 25 mila giapponesi, 9500 inglesi, 3 mila americani e 3 mila tra francesi e tedeschi.

BRUCE LEE. È diventato famoso il cartello che, secondo alcune voci popolari ma senza riscontri storici, era stato posto all’entrata del parco di Shanghai: «I cani e i cinesi non possono entrare». Questo cartello, usato moltissimo dalla propaganda comunista, è stato addirittura inserito in uno dei film più famosi di Bruce Lee, “Dalla Cina con furore”.

PARTI INVERTITE. Gli scontri con i paesi del Sudest asiatico che contendono, quasi sempre a ragione, territori alla Cina stanno diventando sempre più pesanti dal punto di vista militare e delle dichiarazioni. Se Giappone e Cina fanno a turno a pattugliare le isole con la Marina e l’Aviazione, le Filippine hanno deciso di ricorrere all’Onu per dirimere i problemi con il paese comunista. Ecco perché vietnamiti, giapponesi e filippini si sono infuriati vedendo la foto del cartello esposto, la classica goccia che fa traboccare il vaso. Ieri la scritta c’era ancora ma oggi è stata rimossa anche se il gestore Wang ha affermato di «non avere ricevuto nessuna richiesta dagli ufficiali» del Partito comunista. Lo stesso razzismo infamante che gli uomini di Mao combattevano, infatti, ora viene riproposto e (in silenzio) approvato per fomentare il nazionalismo tra i cinesi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana