Google+

Perché i cristiani siriani sperano in Putin

ottobre 20, 2015 Redazione

jean-clément-jeanbart-aleppo

«Accogliamo almeno 50 mila rifugiati dalla Siria». È questa la richiesta fatta da 84 vescovi della Chiesa anglicana a David Cameron. La lettera è stata spedita al premier inglese un mese fa, quando questi aveva promesso di accogliere 20 mila rifugiati. Davanti alla mancata risposta di Cameron, i vescovi hanno reso pubblica sabato la loro lettera in protesta, sollevando un polverone. La Bbc ha chiesto al vescovo greco-cattolico di Aleppo Jean-Clément Jeanbart di commentare la proposta. Ecco la sua risposta:

«Capisco che i vescovi inglesi possano aver scritto questa lettera mossi dalla loro carità e dal loro amore, ma se guardano al nostro paese capiranno che noi soffriamo quando il nostro popolo lascia il paese. Quello che io chiedo anche all’Inghilterra è di fare del suo meglio per fermare i fondamentalisti e di smettere di finanziarli. Cercate una soluzione politica, piuttosto, un compromesso. Questo bisogna chiedere a Cameron. Il nostro popolo vivrebbe male nel vostro paese, anche se capisco le buone intenzioni dei vescovi».

Interrogato poi sull’intervento russo deciso da Vladimir Putin, ha dichiarato:

«Quando mi hanno chiesto che cosa pensassero i cristiani dell’intervento russo di Putin, io ho interrogato molti dei miei sacerdoti e dei miei fedeli laici. Loro mi hanno detto di essere felici e di avere speranza che la Russia possa porre fine alla guerra. Sentono che questo massacro potrebbe finire presto, grazie a lui. Cameron dice che Assad non può avere posto in Siria, una volta finita la guerra, e io credo che in un lontano futuro magari qualcun altro potrà essere eletto. Ma temo che adesso, senza Assad, tutto crollerà e dappertutto nel paese succederà qualcosa di terribile. Se la guerra non finirà, la cristianità sarà ridotta a minoranze insignificanti».


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. recarlos79 says:

    gli americani si incazzarono di brutto per i missili a cuba, perché la russia dovrebbe farsi circondare dalle basi angloamericane senza neppure reagire?

    • Menelik says:

      Infatti. La posizione ferma di Putin mi sembra molto logica e coerente.
      Non è la Russia che cerca la guerra.
      E’ l’America che sta dislocando batterie di missili a ridosso dai confini russi.
      Perché li mette proprio lì?
      Cosa ci vogliono fare?
      Chiaramente i missili stanno lì puntati sui Russi.
      Dunque è una minaccia volta direttamente ai Russi e a nessun altro.
      Perché, poi, si sono intestarditi di eliminare Assad creando un altro vuoto, che INEVITABILMENTE sarebbe occupato da un governo jihadista, e non da una democrazia occidentale.
      Abbiamo una certezza: con gli Americani come unici Occidentali a dirigere il gioco, il Cristianesimo sparirà completamente dal Medioriente, ed anche i gruppi etnici curdi e yazidi.
      Su questo non c’è il minimo dubbio.
      Bisogna capire una cosa: non sono più gli Americani dell’assetto post bellico del 45.
      Con la fine della guerra fredda tante cose sono cambiate, ed anche la NATO non ha più lo stesso significato e ragion d’essere che aveva una volta.
      Con l’America spariranno Cristiani, Curdi e Yazidi da tutto il Medioriente.
      L’unica cosa che non sparirà con gli Americani, è il jihadismo.
      A loro va bene, purchè non varchi l’Atlantico.
      Che il jihadismo resti confinato nel Vecchio Continente, a loro va bene.
      Che l’Europa non possa commerciare con la Russia, a loro va bene.
      E l’optimum sarebbe che noi comperassimo il loro gas di scisto, così sarebbero anche in grado di modulare la nostra economia, e frenarla al bisogno.

  2. Leo says:

    La Russia ha molto semplicemente bloccato il piano USraeliano di distruzione della Siria, anche se è ancora presto per cantare vittoria e, come diceva Pepe Escobar, il “nuovo ordine mondiale” è iniziato il 28 settembre, quando il Presidente russo Vladimir Putin e il Presidente degli USA Barack Obama hanno intrattenuto un faccia a faccia di 90 minuti all’ONU a New York.
    Il primo messaggio di Putin a Washington, e alla combo NATO/Pentagono in particolare: le vostre divertenti idee di posizionare armi tattiche nucleari e di estendere la difesa missilistica all’Europa dell’est, o addirittura alla zona dell’Asia Pacifica, sono solo un miraggio. I nostri missili sono in grado di fare davvero dei grossi danni.;;;

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.