Google+

Per una carbonara goduriosa usate il guanciale. E l’uovo non sia strapazzato ma cremoso

maggio 10, 2013 Tommaso Farina

La pasta alla carbonara, che bontà di piatto! Un piatto che può essere sublime, ma che con uno “zic” si può rovinare desolatamente, tramutandolo in qualcosa di impalatabile, per dirla alla Giuliano Ferrara. C’è persino discordanza su quali siano le origini di questo piatto. Sicuramente non è nata a Roma, cioè nella città che l’ha poi adottata. Alcuni dicono che fu ideata dai carbonari, dagli scavatori di carbone dell’Appennino laziale. Per altri, i natali furono ancora più curiosi: i campi militari americani, nel corso dell’ultima guerra o subito dopo. Per costoro, la carbonara nacque col bacon affumicato degli yankee in visita, e si sbilanciano addirittura sulla località dove i soldati la cucinarono la prima volta: Riccione. La verità non la sapremo mai. Tutti i piatti diventati popolari hanno storie più o meno veritiere, legate alla loro nascita. Sospendo il giudizio: racconto queste ipotesi come puro argomento di conversazione disimpegnato, senza negarle né prenderle per buone. E mi mangio la carbonara come si fa oggi.

UN PAIO DI AVVERTENZE. Ho un paio d’imperativi categorici. Anzitutto, il guanciale. Per la carbonara ci vuole il guanciale. Certo, non sarebbe obbligatorio, come lo è invece nell’amatriciana. Il Buonassisi sostiene che nella carbonara sarebbe ammissibile anche dell’ottima pancetta, visto il potere “temperante” dell’uovo. Certo, con una super pancetta stagionata, di produttore bravo, una carbonara può sempre essere superlativa. Ma secondo me, col guanciale è tutt’altra cosa. Con la guancia, la gota del maiale sapientemente pepata e stagionata, magari sui monti della Laga, il risultato è godurioso al massimo.

L’altro imperativo: la consistenza dell’uovo. Dev’essere cremoso. Non crudo, ma cremoso, scorrevole, “patinoso”. Una carbonara che arrivi in tavola con striscioline di ovetto simil strapazzato è un attentato. Un attentato al buon gusto e alla tradizione. Molti, per mantenere l’uovo liquido, barano. Mettono la panna. Altra usanza secondo me da condannare, scorciatoia che finisce per snaturare il piatto. Provate piuttosto a usare soltanto tuorli. O quantomeno, albumi in netta minoranza rispetto ai tuorli. Vedrete se, operando con accortezza, non riuscirete nel vostro intento.

Il formato della pasta? A piacer vostro. Ideali, secondo me, rigatoni o mezze maniche. O, al limite, spaghetti. Riserverei i bucatini per l’amatriciana, e le penne per il sugo all’arrabbiata.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download