Google+

Pakistan. Famiglia cristiana fugge per evitare la conversione all’islam delle figlie

settembre 11, 2014 Redazione

Lahore (Agenzia Fides) – Fuggire per evitare che due ragazze cristiane siano convertite all’islam: è questa la tragica soluzione adottata da Nadeem Maqbol (45 anni) e da sua moglie, Nabeela Nadeem, due coniugi cristiani di Lahore. La loro storia, inviata a Fides da cattolici impegnati nella Commissione “Giustizia e Pace” della Chiesa locale, è esemplare per il diffuso fenomeno di conversione di bambine e ragazze cristiane. I due hanno un figlio (Ngam, 14 anni) e due figlie Noor-e-Sahar (12 anni) e Nisha (8 anni).

Da 14 anni la famiglia di Nadeem Maqbol viveva nel distretto di Khanewal, a Lahore. Nabeela insegnava in una scuola superiore gestita dall’Esercito della Salvezza, mentre Nadeem gestiva un piccolo negozio. I tre figli studiavano con buoni risultati in una scuola pubblica. Nella scuola pubblica gli studi islamici sono obbligatori e le ragazze hanno dovuto imparare e recitare alcuni versetti del Corano in presenza di altri insegnanti e studenti. A dicembre 2013, un chierico islamico, padre di uno studente – informato sul fatto – ha affermato che queste ragazze erano diventate musulmane: dovevano dunque essere affidate alla cura di adulti musulmani. Nadeem ha recepito il messaggio e ha smesso di mandare le figlie a scuola. Dopo pochi giorni, il preside e altri insegnanti musulmani hanno intimato ai genitori di rimandarle a scuola, offrendo alla famiglia anche un aiuto finanziario per le tasse scolastiche.

Nadeem e Nabeela si sono trovati in una situazione critica. Il Sud del Punjab è infatti un’area caratterizzata da intolleranza religiosa ed estremismo. Spesso si sentono casi di ragazze cristiane rapite, convertite all’islam e mai restituite alle famiglie di origine. Da qui la dolorosa decisione di fuggire. Nabeela si è dimessa dalla sua scuola, dove aveva un lavoro sicuro e ben retribuito, e Nadeem ha chiuso il negozio. Si sono trasferiti a Yohanaabad. Fortunatamente Nabeela ha iniziato a lavorare in una scuola gestita dalla “Chiesa del Pakistan” (anglicana). Nadeem è alla ricerca di un lavoro in città. Ma è difficile provvedere al sostentamento della famiglia.

Secondo fonti di Fides, numerose famiglie cristiane, trovatesi nelle medesime condizioni, hanno scelto la fuga per salvare le proprie bambine. Molte famiglie delle minoranze religiose cristiane e indù in Sud Punjab vivono sotto minaccia e sotto ricatto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

7 Commenti

  1. beppe scrive:

    venite in italia, così su DONNA MODERNA potrete leggere che convertendosi all’islam si possono ” indossare abiti molto comodi che fanno sentire a proprio agio” ( proprio così) e inoltre è più facile divorziare e ” ci si può sposare più volte nel corso di un anno”. e una donna che si converta all’islam e magari si mette il velo, può scoprire una suocera ” più aperta di lei e che il velo non lo mette da tempo”. certo, piuttosto di una suocera che magari ti porta a lourdes, vuoi metttere il vantaggio!!!!!

  2. Valentina scrive:

    Secondo me sarebbe un bene se le religioni non esistessero affatto, visti i problemi, le divisioni, gli odi che creano. In certi Paesi la diversità religiosa sta creando situazioni veramente assurde, che al giorno d’oggi non dovrebbero esistere. Questa famiglia è fuggita per evitare la conversione forzata delle figlie a una religione da Medioevo. Giustissimo. Ma anche le figlie sono cristiane perché questa fede è stata imposta loro con il battesimo quando erano neonate inconsapevoli. Non hanno scelto loro di essere cristiane. Anche questo non va bene. La scelta di appartenere a una fede religiosa dovrebbe essere sempre personale e consapevole, non dovrebbe mai essere un’imposizione altrui. Questo vale per tutte le religioni, fede islamica e fede cristiana comprese.

    • giovanna scrive:

      Cara Valentina, questo commento l’hai inviato più volte, ti è stato risposto diffusamente più volte , ma hai ignorato del tutto il contraddittorio.
      Ti sembra un atteggiamento ragionevole e serio ?
      Se hai bisogno di ripetere ossessivamente queste quattro frasi ridicole e standard sulla religione, , sotto a qualsiasi articolo che riguardi il tema religioso, soprattutto dove si parla della tremenda persecuzione dei cristiani, ti suggerisco di farlo davanti allo specchio, che tanto è lo stesso e la smetti di importunare i lettori a ripetizione.

    • Orazio Pecci scrive:

      Cara Valentina, quanto le voglio bene. Se la religione “da Medioevo” è quella nel cui contesto una ragazza analfabeta figlia di un tintore veniva chiamata a fare da arbitra tra re, generali mercenari e città-stato, le sue filippiche venivano ascoltate e prese sul serio dalle moltitudini e i suoi richiami all’ordine venivano docilmente applicati dal Papa, allora BEN VENGA il Medioevo!

      p.s. dicesi Medioevo l’epoca storica in cui è stata abolita la schiavitù, sono nate le università e la scuola pubblica, sono stati inventati ospedali ed orfanotrofi, è stata riconosciuta la dignità della donna e degli handicappati e sono stati costruiti campanili, piazze, cattedrali e palazzi comunali che il mondo fa a gara per venire a vedere, più tutto l’armamentario di statue, dipinti e altre opere d’arte che li riempiono (il c.d. petrolio italiano, per intendersi…)

  3. Valentina scrive:

    Mi dispiace per questa famiglia costretta a fuggire a causa di una situazione assurda. Spero che altrove possa vivere più serenamente.

    • giovanna scrive:

      Certo, come no, ti dispiace così tanto che per te è occasione del solito soliloquio contro la religione per cui queste persone danno la vita e una testimonianza di amore che tu manco ti sogni lontanamente.
      In effetti il tuo modo depresso e deprimenti di intervenire puzza parecchio.
      Ricordi un po’ quel Paolo, poverino, che sotto qualsiasi articolo a tematica gay, postava sempre le quattro frasi sull’ideologia religiosa e la fatina dei denti e poi, fatto il suo dovere maniacale, spariva.
      Chissà che fine avrà fatto ?
      Sarete parenti ? :-)
      Anche se, è vero, ricordi molto di più l’aridità e il grigiore mortale di Filomena e di Gianni, ma almeno Filomena interagisce. Ma si sa, qui le personalità multiple abbondano.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

Ennesimo capitolo della Saga Monster, l’821 2018 si adegua all’Euro4 ed eredita le peculiarità stilistiche della sorella maggiore 1200. Più snello e slanciato torna all’essenzialità originale del primo Monster

L'articolo Ducati Monster 821 my 2018, come eravamo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download