Google+

Mostra – Boecklin, Moreau e gli altri pittori visionari ospiti a Rovigo

febbraio 9, 2015 Mariapia Bruno

Favai New York - LinguerrimAngeli e demoni, conscio e inconscio, incubi e sogni: sono questi gli elementi dell’aurora del XX secolo protagonisti della mostra Il demone della modernità. Pittori visionari all’alba del secolo breve, che aprirà i battenti il prossimo 14 febbraio presso il Palazzo Roverella di Rovigo. Guidati dallo spirito e dall’emozione, artisti come Arnold Boecklin, Paul Klee, James Ensor, Max Klinger, Gustav Moreau, Cagnaccio di san Pietro, Bortolo Sacchi, Alberto Martini, si sono cimentati in rappresentazioni al confine tra il fantastico, il misterioso, il lussurioso. Immagazzinata per bene la tematica simbolista, questi pittori dallo spirito visionario e utopistico ci presentano una modernità inquieta e tempestosa, fitta di rimandi di morte, ma al contempo celebratrice di un vitalismo che, partendo dagli angoli più nascosti dell’essere, si muove verso nuove conquiste e nuovi miti.

 E’ cinta da un enorme serpente la seducente protagonista dell’opera Il Peccato Franz von Stuck, che con i suoi occhi scuri ci guarda con aria di sfida, lasciandosi avvolgere dallo scuro sfondo. Anche la Salomé (1917) di Hans Unger si mostra forte e risoluta mentre, con l’abito che le fascia il corpo sinuoso, regge il vassoio con la testa di Giovanni Battista. Uno sfondo fiabesco circonda la figura di Edipo, ritratto sul trono con le sue ali potenti nell’opera di Gustav Moreau intitolata Le Voyageur ou Oedipe, voyageur. Tra gli artisti italiani è Mario De Maria ad intimorirci con un bosco malvagio, dai cui alberi scorgiamo la figura di un demone rosso: l’opera si intitola Il mulino del Diavolo. E per scoprire tutte le altre opere c’è tempo fino al 14 giugno 2015.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

Alla versione orientata all’off road dell’ammiraglia Jeep si accompagna il debutto, per Renegade, del cambio a doppia frizione DCT in abbinamento al 1.6 Mjet da 120 cv. Svelati inediti pacchetti di personalizzazione Mopar e nuove serie limitate.

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana