Google+

Maria è rimasta con me anche quando ho abbandonato la fede

ottobre 20, 2013 Pippo Corigliano

La devozione di papa Francesco per la Madonna ha caratterizzato i primi mesi del suo pontificato. Maria è la garanzia che si è sulla buona strada: così dicono i santi e i teologi, e così mi dice l’esperienza personale. Quando avevo smesso ogni pratica religiosa il ricordo della Madonna non mi aveva mai lasciato. Ricordo che in un momento di pericolo mi venne spontaneo recitare un’Ave Maria e mi è rimasta la sensazione che Maria mi avesse salvato anche da pericoli di cui non mi ero accorto.

Da ragazzo prendevo amabilmente in giro mia zia che recitava il Rosario con mia cugina e, nel bel mezzo della preghiera, chiedeva: «Ninì, hai chiuso i polli?». Ninì rispondeva di sì e si riprendeva: «Santa Maria, Madre di Dio…». Quale fu la gioia di mia zia quando, compiuti i diciotto anni, le chiesi di aspettarmi la sera per dire il Rosario, sotto il cielo blu della notte calabrese mentre si apriva di fronte l’Orsa Maggiore.

Da allora la Madonna non mi ha abbandonato e il giorno in cui arrivo alla sera senza aver recitato il Rosario mi sembra un giorno storto. Se è davvero tardi mi limito a dire alcune Ave Maria e mi propongo di recitarlo bene il giorno dopo. Il Rosario mi piace se non altro perché la Madonna ha dimostrato tante volte di gradirlo ed è un modo di stare con Lei, mia madre, come un bambino sempre più piccolo man mano che passano gli anni. «Se non diventate come bambini non entrerete nel regno dei Cieli» (Mt, 18,3), ha detto Gesù e il conforto dei bambini è la loro mamma.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana