Google+

La democrazia diretta di Grillo è una dittatura

febbraio 27, 2014 Redazione

«Di quale democrazia diretta stiamo parlando?» si chiede oggi su Libero Filippo Facci. Come non dargli ragione sulla vicenda dei senatori del Movimento Cinque Stelle espulsi da Beppe Grillo. Facci fa bene, soprattutto, nell’evidenziare che non c’è partito più antidemocratico del M5S, che invece si picca di essere il più trasparente, il più vicino ai cittadini, il più lontano da derive leaderistiche. Balle.

«Lo sanno tutti da sempre: c’è solo Grillo e soprattutto quella “Casaleggio associati” che gestisce le votazioni online con modalità che non convincono neppure gli stessi grillini: del resto, anche se le consultazioni online fossero state regolari e valide (ma non ci crede nessuno, ripetiamo) stiamo parlando di 29 mila persone rispetto ai 7,4 milioni di voti presi, un elettore su 250, eccola qui la democrazia diretta col suo potere taumaturgico».

Quella di Grillo e Casaleggio è «una dittatura in cui a comandare non sono neppure i capogruppo alla Camera e al Senato bensì i due “responsabili del team di comunicazione” nominati da Casaleggio per armonizzare le posizioni dei parlamentari, uno stratagemma dei due imperatori, in pratica, per comandare i parlamentari senza essere in parlamento».

Ora i senatori liquidati e altri onorevoli ci raccontano le magagne che starebbero dietro alla gestione del blog di Grillo, della democrazia grillina, del fatto che nessuno di loro decide alcunché, perché – scrive Facci – «Grillo e Casaleggio sono i mangiafuoco di cui loro restano le marionette». Bè, ben svegliati cittadini pentastellati, ve ne accorgete solo ora?

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. claudio scrive:

    Cari eletti M5s non è mai troppo tardi… ben vengano i ripensamenti.
    Cari elettori, invece non rifarete lo stesso errore un’altra volta, vero? Errare umanum est, perseverare diabolicum…

  2. mike scrive:

    non mi sono mai piaciuti. se si dividono meglio. chi se ne va ha senso civico. un anno fa abbiamo rischiato grosso, fortuna che si sono fermati al 25%. la cosa migliore sarebbe se oltre a dividersi scomparissero dalla scena politica. per non tornare mai più. speriamo, la speranza è l’ultima a morire.

  3. titti scrive:

    Magari gli altri partiti sapessero liberarsi della zavorra come fa il m5s, di quelli che stanno lì solo per intascare soldi senza battersi per nulla. E’ diabolico perseverare con questo sistema politico e le speranze dovrebbero essere rivolte a che finalmente si riesca a renderlo più vicino agli interessi dei cittadino.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

Creata in collaborazione con le lettrici del magazine, la city car di casa Seat debutta sulla passerella del FashFest di Londra. Arriverà all'inizio 2017 nelle versioni a tre o cinque porte con tre motorizzazioni.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana