Google+

Intervista – L’insonnia creativa di Simona Caramelli

dicembre 12, 2014 Mariapia Bruno

Fino al 30 dicembre la Fondazione Mudima di Milano ospita la mostra Simona Caramelli. Until Next Morning. Le opere esposte, tutte inedite, ripercorrono la ricerca dell’artista negli ultimi due anni, che racconta a Tempi la propria esperienza.

Simona Caramelli_Untitled_2014_acrilico su carta_cm 140x190_0“Until Next Morning” è il titolo della mostra, e anche una condizione della tua persona che soffre d’insonnia. La notte comunque porta sempre consigli, quali sono stati i suoi suggerimenti migliori?

Ho sofferto per un periodo di un insonnia importante, ad un certo momento mi sono stufata di tutto questo tempo notturno in cui le ‘visioni’ mi tormentavano o deliziavano senza prendere forma. Ecco, ho deciso di dare loro una forma. Questo stato notturno un po’ alterato, dove si è svegli ma allo stesso tempo un po’ straniati e staccati da se stessi, ha favorito la creazione della serie ‘I’. E poi, il silenzio che si sente di notte mi ha molto influenzato. Il titolo scelto per la mostra “UNTIL NEXT MORNING”, suggerisce una certa sospensione e un senso di aspettativa continua che c’è nel mio lavoro.

Nelle tue opere predominano il bianco e nero e la matericità. Come mai la scelta di lasciare da parte il colore e di preferire toni essenziali?

Dipingendo e lavorando di notte, in uno “stato alterato” dall’insonnia , non mi sono mai posta la domanda di quali colori usare, poiché li ho usati spontaneamente. Secondo me i colori ci sono, il giallo ad esempio, verde e poi il blu, ma probabilmente non sono così appariscenti da saltare agli occhi. Comunque i toni essenziali mi piacciono.

Simona Caramelli_Untitled_2014_acrilico e pastello su carta_cm 190x140_0Quanto incide lo spazio che ti circonda nella resa delle opere? E’ più forte l’interiorità o l’esterno?

Per adesso l’interiorità…

Come la tua passata carriera di attrice ha influito sul tuo percorso artistico?

Non saprei dire se ha influito, certamente ma non l’ho mai analizzato in un modo razionale. Sono due espressioni artistiche che si avvalgono di mezzi diversi. Questo percorso è assai più complesso, almeno per me.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana