Google+

I nostri angeli custodi hanno occhi e grinfie di falco per custodirci

agosto 2, 2014 Annalisa Teggi

unnamed«Nel nome di Maria finii, e quivi/ caddi, e rimase la mia carne sola./ Io dirò vero, e tu ‘l ridì tra i vivi:/ l’angel di Dio mi prese» (Purgatorio, canto V)

«Ho seguito il tuo consiglio, sono stato al Santuario. Grazie». Dopo questo sms a un amico, la voce di Giuseppe Turri si è inoltrata nel silenzio, ma in quel silenzio ricco di suggestioni che s’incontra in montagna. È il silenzio loquace e intenso che ha le forme, le immagini e i saliscendi della realtà, con cui Giuseppe amava da sempre dialogare: architetto intraprendente, fotografo per passione e sportivo, gli si sentiva spesso dire: «Che spettacolo!». Ha continuato a inoltrarsi, a guardare e a dialogare con lo spettacolo del creato anche quando per il resto del mondo, famiglia e amici, è risultato irraggiungibile e poi scomparso. Quell’ultimo sms Giuseppe l’ha mandato martedì 15 luglio dal Santuario mariano di Pietralba a Bolzano, dove si era recato per avere un po’ di ristoro dall’intensa attività lavorativa, e poi di lui non si è saputo più niente per vari giorni. Finché il suo cadavere è stato ritrovato, tramutando l’ansia dei familiari nel dolore di una perdita. Un incidente fatale, in cui per un’ultima volta e lontano dagli occhi di tutti il giovane 39enne è stato a tu per tu con la voce di Maria e con lo spettacolo dei monti.

Potrebbe essere la storia perfetta da raccontare a Chi l’ha visto?, indugiando sui dettagli misteriosi della scomparsa, sulle ipotesi di un incidente a cui nessuno ha assistito, su altre patetiche leve emotive. Già, e chi l’ha visto in quei giorni in cui il suo corpo spento è rimasto solo tra le montagne? La sua mamma ha dato una risposta che lascia attoniti: «Se il suo angelo custode non l’ha protetto dall’incidente, significa che Giuseppe era pronto e ha compiuto la sua vita». Ecco chi l’ha visto. E il suo angelo non lo ha perso di vista anche quando lo ha lasciato andare. Perché lo ha lasciato, per poi riacchiapparlo subito.

Chi di noi ha letto e amato Il cavallo rosso di Eugenio Corti si ricorda senz’altro la scena finale in cui Alma è vittima di un incidente e di come l’autore racconta gli istanti della sua morte, anch’essa avvenuta in solitudine: «Ebbe solo una lontana, lontanissima percezione di freddo, e fu la sua ultima percezione quaggiù. Sulla sua anima, come due falchi, piombarono ad ali chiuse i due angeli: il suo e quello di Michele, pronti all’ultima difesa contro eventuali insidie all’ingresso nel mondo degli spiriti. Ma non ci furono insidie». A quelli che sghignazzano quando si parla di angeli, vorrei mostrare gli occhi penetranti e serissimi che vidi puntare da Eugenio Corti verso noi studenti che sorridevamo, quando lui ci parlava della presenza dell’angelo custode al suo fianco quando fece la ritirata di Russia. No, per lui non era un miraggio.

Chi l’ha visto? – si chiede l’indagine umana. Chi ci guarda? Anzi: chi ci fa la guardia? – è la speranza di chi sa che l’occhio umano, per quanto premuroso, non basta. Ho parlato con la cognata di Giuseppe, la quale mi diceva che in questi giorni di lutto sono stati accompagnati e sostenuti da queste parole del Libro della Sapienza: «Divenuto caro a Dio, fu amato da Lui e poiché viveva fra peccatori, fu trasferito. Fu rapito». Occorrono occhi e grinfie di falchi, a custodirci e ad afferrarci.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

5 Commenti

  1. Silvana scrive:

    Vi ringrazio di aver parlato degli Angeli Custodi… non ne parla mai nessuno e ormai i “cattolici adulti” li credono solo una favola carina per i bambini… invece gli Angeli Custodi esistono ed eccome!!!! Consiglio a tutti di pregarlo più spesso durante la giornata e di chiedergli aiuto… anche per le cose più banali… rimanete in ascolto e non sarete delusi!!!

    • Valentina scrive:

      Questa storia dimostra ampiamente l’esistenza degli angeli custodi e l’utilità di pregarli e di chiedere il loro aiuto. Ci sarà un motivo se i “cattolici adulti” li considerano “un favola carina per i bambini”. Naturalmente gli adulti “non cattolici” sanno benissimo che gli angeli custodi non esistono e questa tragedia lo conferma. Sarebbe meglio aprire gli occhi e guardare in faccia la realtà: smetterla di credere nelle “favole carine per bambini” e soprattutto smetterla di inculcarle nelle loro menti.

      • Orazio Pecci scrive:

        Le fiabe,cara Valentina, sono cose serie. Anche gli psicologi se ne sono dovuti render conto. Hanno passato anni a svilirle e sconsigliarle. Oggi invece hanno fatto dietrofront e ammettono che sono un grande strumento per sviluppare la cosiddetta “intelligenza emotiva” dei bambini. Insomma, lei sta combattendo una battaglia un po’ retró, e se da piccina gliene avessero raccontate, forse oggi sarebbe più serena.

        • Valentina scrive:

          Per sua informazione io sono più serena di lei. Ho avuto tutto ciò che desideravo, non mi manca nulla e sono felicissima e più che soddisfatta della mia vita. Tutto questo sarà anche merito delle fiabe che mi raccontavano da bambina (e alle quali, comunque, non credevo), ma sono più propensa a credere che sia frutto del mio impegno personale. Comunque, io non sto “combattendo” nessuna “battaglia”, ho altro da fare. Molto più semplicemente ho fatto un’osservazione sull’argomento proposto. Tutto qui. Un’altra volta, ci pensi un po’ prima di fare considerazioni arbitrarie e infondate su persone che nemmeno conosce. Chieda magari l’aiuto del suo angioletto custode: chissà, forse esiste davvero e le darà il consiglio giusto. Per esempio, quello di essere un po’ meno precipitoso nel parlare degli altri e di cose che non sa.

  2. Debora scrive:

    È bellissimo il testo. Mi ha fatto piangere tanto.
    Mi manca da morire Turri e lo voglio avere di nuovo tra noi, per dirgli quanto è stupido per l’atto che ha fatto. Non lo perdonerò mai per questo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana