Google+

Fumetto – Dylan Dog nello spazio per riaffermare se stesso

ottobre 14, 2014 Amedeo Badini

Il 26 settembre 2014 non era solo il terzo anniversario della morte del grande Sergio Bonelli, e neppure il ventottesimo compleanno della testata a fumetti Dylan Dog. Al Blue Note di Milano si è anche tenuta un’importantissima conferenza in cui la famosa casa editrice ha presentato le sue novità, mostrando anche in maniera precisa come intende cavalcare con forza il nuovo secolo, sotto il segno dell’innovazione. L’aspetto di marketing e di comunicazione ha preso più spazio già da un po’ di tempo (si veda il bel sito internet oppure un logo chiaro e preciso) mentre su facebook perfino Tex fa capolino. Una parte di queste novità è esemplificata dall’ingresso di Roberto Recchioni, che avevamo presentato qui con i suoi Orfani. Ed è proprio lui ad aver portato un forte rinnovamento a Dylan Dog, l’indagatore dell’Incubo, reo da troppi anni di vivacchiare con storie non alla sua altenza. Il suo creatore, Tiziano Sclavi, lì presente, ha fatto questo importante passaggio di consegne.

Ed è con il numero 337, eccezionalmente tutto a colori, che comincia la nuova fase “dylaniata”. Spazio profondo” è una storia che colpisce fin dalla copertina: Angelo Stano, il più che veterano disegnatore e copertinista del nostro, realizza una bellissima immagine seminale in cui lo spazio e la luce si fondono in un omaggio a “2001: Odissea nello spazio”. Ed è proprio la fantascienza ad essere protagonista. Recchioni nell’introduzione ci ricorda giustamente come la miglior epica spaziale abbia sempre saputo ben miscelare orrore e inquetudine, angoscia e mistero: Philip K. Dick e Asimov sono gli esempi letterari, e “Alien” e “Solaris” sono quelli cinematografici. In quest’ottica dobbiamo leggere questa storia, ambientata nell’anno 2427 in una sperduta astronave in preda a migliaia di spettri.

L’idea geniale dell’albo è che, a debellare il vascello, sia incaricata una squadra di Dylan Dog ricreata in laboratorio: uno è quello originale, con la sua memoria reimpiantata, mentre gli altri quattro rappresentano alcuni aspetti del suo carattere (la sensibilità, la superbia, l’irruenza improbabile). Comincia così un viaggio nel ventre buio dell’astronave, in cui incubi del passato torneranno in maniera nefasta, per condurre poi ad un inquieto finale aperto, nella miglior tradizione del personaggio. I disegni di Nicola Mari sono bellissimi, perfetti nel dare sguardi disperati ai personaggi, mentre i colori di Lorenzo De Felici non risultano mai artefatti, e aumentano la profondità nello spazio. Recchioni ai testi realizza una storia incisiva e memorabile, forse un po’ compressa nelle sue 95 tavole, ma sicuramente capace di aprire nuove possibilità narrative.

Mr. Glass, lettore ed utente su fb, ha brillantemente intuito come l’albo abbia una doppia lettura, una gigantesca metaofra metafumettistica in cui la nave alla deriva è la testata dylaniata, da troppo tempo senza una vera guida, e i vari cloni di Dylan sono le versioni del personaggio annacquate e semplificate. L’indagatore dell’incubo è molto più complesso e sfaccettato e, nelle intenzioni di Sclavi, costretto troppe volte a scontrarsi con l’orrore puro, quello quotidiano che tutti noi inconsciamente affrontiamo (si veda almeno lo straziante e bellissimo “Memorie dall’invisibile“), recuperando paradossalmente un concerto dal tenero Pogo di Walt Kelly.

Si tratta di un albo di rinascita, in cui si ritorna alle origini con un ideale starting point, senza ovviamente cancellare il passato. Il nuovo lettore apprezzerà questo albo in cui Dylan in qualche maniera viene ripresentato, mentre l’appassionato ritroverà parecchie nuove emozioni. Questa classica modernità si unisce alle novità bonelliane: dalle cover variant di futura presentazione solo a Lucca al motion-comic di Orfani in collaborazione con RAI COM e pronto anche per il mercato estero, dal nuovo Dylan con parecchie novità narrative declinate con uno stile serial – televisivo ad un insistere su nuovi personaggi, come Adam Wild.  Alla, importantissima, scelta editorial – strategica di gestire in proprio la propria presenza in libreria e di sbarcare in fumetteria, mentre una vera e propria divisione interna si occuperà di gestire il merchandising e l’aspetto multimediale dello sterminato patrimonio immaginifico di Bonelli. Sempre, ovviamente, nel segno dell’avventura.

Dylan Dog 337 “Spazio Profondo”, 98 pagine a colori, 3.2€ in tutte le edicole, sceneggiatura di Roberto Recchioni, Disegni di Nicola Mari, colori di Lorenzo De Felici, Sergio Bonelli Editore

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana