Google+

Forse non avete capito la funzione pedagogica delle fotogallery del ministro Boschi

luglio 30, 2014 Redazione

boschi-sorriso-vendola-corriereIl Corriere della Sera, quotidiano milanese ammirato in tutto l’ambiente giornalistico per la capacità di propinare ai suoi lettori online una fotogallery del ministro Boschi al giorno (e già distintosi in passato per il record mondiale di fotogallery di Nicole Minetti), pubblica oggi nell’edizione in edicola un boxino contenete una notizia un po’ scombiccherata sotto il titolo “Affondo vendoliano. Boschi e i sorrisi, la difesa dalle donne pd”.

Eccola qua:

Il sasso era stato lanciato da esponenti dell’M5S. Ieri, poi, gli sberleffi sul «sorriso» (o «sorrisetto») di Maria Elena Boschi sono arrivati anche dai banchi dei Sel al Senato. E adesso le donne del Pd reagiscono. «È inaccettabile che Maria Elena, che si sta dimostrando bravissima in un ruolo in cui molti altri avrebbero fallito, venga attaccata per il suo aspetto», dice l’eurodeputata Pina Picierno. «Dispiace che questi attacchi arrivino non solo dal M5S, ma anche da chi ha ben altra storia. È la triste prova che in questo Paese, se sei donna, devi dimostrare le tue capacità mille volte in più rispetto a un uomo». Parla anche Anna Ascani, una delle più giovani deputate pd, che tra l’altro non è una renziana ortodossa. «Quando non si hanno argomenti, l’unico argomento è l’ignoranza. Da giovane donna impegnata in politica, credo che questo sia l’ennesimo sintomo della volontà di conservare, in questo caso gli stereotipi, e della resistenza a ogni tipo di cambiamento».

Per la verità il testo non è del tutto comprensibile, lo è abbastanza invece l’intento, che a quanto pare è quello di denigrare un poco Nichi Vendola e il suo partito per la inaccettabile caduta di stile “maschilista”.

La morale, se è lecito trarne una, sembra essere che le donne in politica non possono essere criticate per il loro aspetto fisico. Una deputata brianzola di bassa statura, per esempio, non dovrà mai essere apostrofata come “la nana di Arcore”. E comunque, per restare al caso specifico, il sorriso della Boschi non dovrà mai essere utilizzato come argomento politico.

Ci auguriamo, cari lettori, che adesso il concetto sia chiaro anche a voi. Ma visto che a quanto pare i 4 o 5 milioni di foto della Minetti in vacanza pubblicate dal corriere.it non sembrano esservi state di aiuto, ci raccomandiamo di affrettarvi a cliccare – sempre nel sito del Corrierequesta ennesima fotogallery del ministro Boschi che invece ci sembra chiarissima: «I tacchi, le gonne, i tailleur stretti, la camminata e i sorrisi (sempre) generosi: lo stile Boschi in una carrellata di foto recenti». Notare soprattutto «i sorrisi (sempre) generosi». Non è mica una critica.

boschi-foto-corriere

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. Alex scrive:

    tanta, tantissima roba

  2. Alex scrive:

    e si dimostra un vero campione dell’immagine, Renzi, a mettere questa soave puffetta in un ministero così chiave per lui come le Riforme Istituzionali… vuoi mettere se l’abbassamento del grado di democraticità te lo somministra un nano panciuto di 65 anni almeno? Con la Fata Turchina c’è molto più appeal! questo nonostante le moralate del corriere

  3. Jadexxx scrive:

    Curioso… si parla di Boschi per il look e non per quello che fa. Lei ci sguazza, le altre si imbufaliscono perché a loro non è riservata la stessa attenzione…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

Look pistaiolo e dotazione particolarmente ricca per l'ultima versione della supercar nipponica, che entra in listino a 118.900 euro. Le consegne inizieranno a novembre

La concept nipponica anticipa una SUV a tre porte dal design aggressivo, ispirata concettualmente alla prima generazione a passo corto della Toyota Rav4. A soluzioni avveniristiche in abitacolo si affianca un powertrain ibrido.

Al Mondial de l'Automobile debutta la nuova Suzuki Ignis 2017. È una specie di mini Suv che sfida a viso aperto la Fiat Panda 4x4. Arriverà all'inizio del prossimo anno

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana