Google+

Eutanasia, teoria del gender, aborto: il Demonio ha un progetto culturale, noi abbiamo la “gioia del Vangelo”

dicembre 8, 2013 Pippo Corigliano

L’orizzonte non sembra sereno. La lobby finanziaria mondiale non si limita alla speculazione ma impone un progetto culturale. A qualche anno dalla fine della guerra è cominciata una campagna di demolizione della morale popolare.

Nel ’67 i produttori cinematografici americani hanno abolito il codice Hays di autoregolazione che garantiva la moralità dei film di Hollywood, nel ’68 la contestazione giovanile ha portato la rivoluzione sessuale e il rifiuto dell’autorità sotto qualsiasi forma; il divorzio e l’aborto sono stati considerati “conquiste civili”, l’edonismo reaganiano ha caratterizzato gli anni Ottanta mentre dal ’90 in poi è cominciata l’esaltazione dell’omosessualità che ora dilaga con la teoria del “gender” che non riconosce la distinzione dei sessi e considera l’unione omosessuale un vero matrimonio. La tutela della vita scompare con l’eutanasia, applicata in Belgio anche ai bambini.

Non sono “mode”, c’è un’organizzazione capillare che porta avanti queste campagne secondo un progetto. I grandi burattinai sembrano al servizio del Demonio. Dietro le persecuzioni (che aumentano ovunque) dei cristiani s’intuisce una strategia che punta allo scontro di civiltà (utile a petrolieri e guerrafondai) e all’intimidazione della Chiesa. D’altro lato abbiamo papa Francesco che ci ha regalato l’esortazione Evangelii Gaudium (da studiare bene) che spiega il suo pensiero e la sua azione. «Sogno una scelta missionaria capace di trasformare ogni cosa», confida il Papa. La Provvidenza provvede.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

6 Commenti

  1. mike scrive:

    lo scopo è solo distruggere il cristianesimo. le direttrici sono 2:
    -denigrazione. su cose come le “colpe storiche” della chiesa e il non riconoscere i “diritti civili”.
    -collasso demografico. e mentre altre culture crescono in tal senso. per l’occidente c’è divertimento, aborto, divorzio, eutanasia, infanticidio o aborto post parto, pedofilia, nozze ed adozioni omosessuali. e la crisi, apice di oltre 20 anni di difficoltà a trovare lavoro. e costo della vita che sale comunque. tutte cose che portano la popolazione a non crescere se non proprio a collassare di numero. intanto si fa entrare gente islamica da noi. per loro c’è tutto.
    la cosa che contiene entrambe le direttrici è l’omosessualità. come crederanno di aver vinto scateneranno i musulmani contro omosessuali e cristiani. ma al contempo nei paesi musulmani i ribelli avranno destabilizzato l’islam così i musulmani europei non avranno un punto d’appoggio. anche perché i cosiddetti ribelli arabi in realtà devono solo far accettare tre cose all’islam: l’aborto senza vincoli (l’islam ufficiale lo nega e molti così fanno) e almeno la pratica omosessuale (il matrimonio gay resterà negato ma la pratica omosessuale tollerata, e così sarà alla fine in europa poiché l’islam così cambiato influenzerà i musulmani che staranno in europa e che intanto avranno fatto abbassare la cresta agli omosessuali europei, i quali però vedranno permessa almeno la pratica) e il concepire al vertice dell’universo una forza cosmica (tipo il tao o il brahaman, infatti a livello “teologico” è questo che si vuole fare). se così riusciranno a fare si avrà un ritorno al paganesimo, le cui pratiche se non tutte almeno in parte vengono fatte nelle culture non cristiane. e infine la condizione della donna sarà appunto come nel paganesimo, ossia sottomessa all’uomo e neanche considerata essere umano a pieno titolo così come i bambini di entrambi i sessi (vedi aborto, infanticidio, …). è quindi ovvio che oggi femministe, ed omosessuali, sono le due categorie umane più usate/prese in giro della storia.

  2. luca scrive:

    ti paereva? mancava solo questo, i gay sono un progetto del demonio… spero tanto passi la legge antiomofobia, questo sito chiude in 5 minuti

  3. Mario Rossi scrive:

    E il proselitismo, Corigliano? Bisogna farlo? E la selezione nell’apostolato? Papa Francesco non sembra molto d’accordo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana