Google+

Croazia, referendum matrimonio «è stato una professione della nostra identità cristiana»

dicembre 5, 2013 Sergio Mora

Di H. Sergio Mora, tratto da Zenit.org – Con lo scrutinio dei voti al 99,84%, i risultati mostrano chiaramente che in Croazia il 65,79% dei votanti hanno approvato l’inclusione nella Costituzione della definizione di matrimonio come “unione di un uomo e di una donna”, mentre il numero dei contrari si è fermato al 33,59%. Al referendum hanno partecipato 942.665 cittadini croati, equivalenti al 37,84% dell’elettorato. Il numero di partecipanti non è vincolante per il risultato della consultazione referendaria, pertanto in Croazia è così preclusa la possibilità di istituzione delle “nozze gay”.

Intervistato da ZENIT, monsignor Jure Bogdan, rettore del Pontificio Collegio Croato di San Geronimo a Roma, ha detto che “questo referendum lo abbiamo vissuto come un esame non solo sulla nostra identità cristiana ma anche sulla nostra identità naturale”. Il sacerdote ha poi precisato che “non solo per noi cristiani ma anche per altre religioni e minoranze religiose, in particolare per gli ebrei, gli ortodossi e i musulmani, è stato importante. Al punto che, prima del referendum, è stato diffuso un comunicato congiunto sul tema”.

Monsignor Bogdan ha aggiunto che “mercoledì, secondo quanto riferisce un’agenzia stampa, la Conferenza Episcopale Croata presenterà un comunicato della sua commissione Giustizia e Pace con proposte sul diritto di famiglia”. Bogdan ha riconosciuto che esiste il timore che l’attuale governo voglia cambiare la legge sulla famiglia, per porre in atto un escamotage ai risultati del referendum, e i modelli indicati dai vescovi serviranno affinché le richieste del popolo croato non siano vanificate.

Il rettore del Pontificio Collegio Croato ha assicurato che “si è trattato di una difesa della nostra identità” e ha aggiunto che è stata anche “una speciale opportunità di dialogo interreligioso, per quanto non la prima, poiché già in altre occasioni ci siamo incontrati con i rappresentanti di altri culti, con la commissione Giustizia e Pace ma anche con l’episcopato croato”. “È una bella pagina della nostra storia – ha proseguito il rettore – e una professione della nostra fede”. Monsignor Bogdan ha poi raccontato di aver ricevuto molte telefonate “in cui mi hanno espresso felicitazioni per la risposta della Croazia su un tema così importante come il matrimonio”.

Il referendum è stato convocato con una raccolta di firme del movimento “In nome della famiglia”, che ha raggiunto le 750mila sottoscrizioni: per legge ne erano sufficienti la metà, ossia l’equivalente del 10% dell’elettorato, tuttavia il risultato ha raddoppiato questa clausola. Inoltre è il primo referendum che consulta un paese dell’Unione Europea sulla natura del matrimonio e la riposta è stata: “l’unione tra un uomo e una donna”. A differenza di altri paesi dell’UE, dove i governi hanno ridefinito il matrimonio senza alcuna consultazione referendaria. La definizione di quello che è una famiglia, è stata appoggiata dal favore popolare in 20 distretti elettorali su 22. Le due zone dove il risultato è stato diverso da quello nazionale sono state l’Istria e il Primorje-Gorski Kotar.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

She’s back. Dopo quasi vent’anni d’assenza, la BMW Serie 8 è di nuovo tra noi. La coupé di Monaco, destinata a collocarsi al vertice della gamma del costruttore tedesco, arriverà nelle concessionarie nel 2018, ma le linee sono già state svelate in occasione del Concorso d’eleganza di Villa d’Este. Chiamata a sfidare rivali blasonate quali […]

L'articolo BMW Serie 8: classe cattiva proviene da RED Live.

Un accessorio può fare la differenza? Snob Milano, giovane realtà della provincia di Varese, ne è convinta. E difatti rimpolpa il suo catalogo, già ricco di occhiali da sole e da vista, con le due nuove maschere da moto Café Bubble e Café Flat, ricercate nel design e nei contenuti tecnici.  I punti in comune  Amate […]

L'articolo Snob Milano Café Bubble e Café Flat proviene da RED Live.

Il Wörthersee Meeting, vale a dire il più grande raduno tuning dedicato alle vetture del Gruppo VW, è da sempre una ghiotta occasione per i dipendenti della Casa tedesca per mostrare al mondo delle concept che, spesso, anticipano i modelli destinati a entrare in produzione. Così è avvenuto per la Golf GTI Clubsport. E così […]

L'articolo VW Golf GTI First Decade: la prima volta dell’ibrido proviene da RED Live.

La SUV nipponica si rinnova puntando su di una linea aggressiva e un telaio dalla superiore rigidità torsionale. Confermata la gamma motori che ai benzina 2.0 e 2.5 vede affiancarsi un 2.2 td. Debutta il sistema G-Vectoring Control.

L'articolo Mazda CX-5: a me gli occhi proviene da RED Live.

Compatta, anzi compattissima, e a zero emissioni. La e.Go Life rappresenta ad oggi il progetto più concreto di city car elettrica “indipendente”, vale a dire nata fuori dalla sfera di controllo dei grandi costruttori. Una vettura che fa dell’economia il proprio fiore all’occhiello, dato che in Germania è già ordinabile con prezzi a partire da […]

L'articolo e.Go Life: indipendenza elettrica proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana