Google+

Il regime comunista è preoccupato perché i giovani cinesi sono dei gran materialisti (ma dai?)

settembre 5, 2013 Redazione

Le autorità del regime comunista di Pechino sono molto preoccupate perché i giovani cinesi sono diventati ormai irrimediabilmente materialisti. Non è uno scherzo né un refuso. Avete letto proprio quello che abbiamo scritto: i papaveri comunisti cinesi, dopo avere allevato il popolo a pane (poco) e materialismo (tanto) per qualche decennio, si trovano ora a constatare delusi che la gente è diventata, appunto, materialista.

L’OSSESSIONE DEL LUSSO. Come racconta oggi Guido Santevecchi sul Corriere della Sera, spopola in Cina una serie di film (per ora sono due, il terzo è in produzione) intitolata Piccoli tempi, tratta dagli omonimi romanzi dello scrittore trentenne Guo Jingming e costruita intorno alla «storia di quattro ragazze di un college di Shanghai che si muovono tra romanticismo e aspirazioni professionali. Con l’ossessione della moda, delle feste e di una vita nel lusso al fianco di un uomo affascinante». Insomma, sintetizza Santevecchi, una specie di incrocio «tra Il diavolo veste Prada e Sex and the City (ma non si vede sesso, solo affetto casto)», con battute tipo questa: «La sola idea di viaggiare in economy mi uccide».

«UNA VOLTA AVEVAMO L’IDEOLOGIA». Spiega il Corriere: «La fauna messa insieme da Guo Jingming è composta da cantanti pop, attori e attricette che fanno fortuna senza grande talento e stimolano la fantasia dei teenagers ormai a tutte le latitudini». «Un inno al consumismo e all’abbondanza materialista», continua l’articolo, che «ha scaldato la critica cinematografica di Pechino. Aprendo un dibattito sulla gioventù della Repubblica popolare e sui suoi valori. (…) Il critico del Beijing Evening News ha scritto che si tratta di un insieme di “crasso materialismo e cattivo gusto”. (…) Si è mosso anche il Quotidiano del Popolo, voce del partito, con una serie di interventi non a senso unico: “Ormai in Cina tutto è misurato con il denaro, trent’anni fa avevamo l’ideologia, oggi i ragazzi crescono con il materialismo e il consumismo”».

PURE IL SESSISMO. «Siccome la Cina ha 450 milioni di giovani sotto i 25 anni – aggiunge Santevecchi sul Corriere – il governo deve riflettere sul trionfo di Piccoli tempi, che poi significa che i ragazzi pensano al loro tempo, limitato, e non al Grande Futuro della Nazione». E non è finita. In Piccoli tempi neanche le storie d’amore sono più come quelle di una volta: «Le quattro protagoniste, alla fine dei conti, cercano solo di rendersi utili ai loro uomini (un tennista, un imprenditore, uno scrittore, un palestrato) con capacità e competenza. I maschi raccontati da Guo Jingming desiderano le ragazze perché sono narcisisti e patriarcali».

LA VANA MORALIZZAZIONE. Ironia della sorte, questo Sex and the City made in China «trionfa sugli schermi proprio mentre il governo centrale è impegnato in una campagna ideologica di moralizzazione», conclude il Corriere. «Il presidente Xi Jinping ha appena rilanciato i Quattro principi cardinali dell’ortodossia comunista: bisogna attenersi alla “purificazione intellettuale”, seguendo la dittatura democratica del popolo; la via socialista; la guida del partito secondo il marxismo-leninismo; il pensiero di Mao Zedong. Chissà che cosa penserebbe Mao, chiuso nella sua teca di cristallo nel mausoleo sulla Tienanmen, se sapesse che a Shanghai stanno girando Piccoli tempi 3».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. MF scrive:

    “[…] la dittatura democratica…. […]”

    Da far invidia agli ossimori di manzoniana memoria!!!!!

    • Giulio Dante Guerra scrive:

      La definizione di “democrazia totalitaria” non è di qualche “sporco reazionario”, ma di un illustre politologo israeliano del secolo scorso, Jakob Talmon. Un esempio di “regime democratico”, imposto con la forza delle armi nel febbraio 1799 ad un popolo, quello lucchese, che, pochi giorni prima, si era espresso liberamente, con un voto a suffragio universale, in senso diametralmente opposto a quello delle ideologie importate in Italia dalle armate rivoluzionarie francesi, lo puoi trovare nel cap. 8 del libro “Digitus Dei est hic”, acquistabile dal sito dell’ISIIN:
      http://www.identitanazionale.it/liis_in0n.php

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana