Google+

Caro amico, è perché appartengo a Gesù che mi permetto di “rompere le scatole”

luglio 1, 2016 Aldo Trento

padre-aldo-trento-eucarestia-comunione-malati-clinica

Pubblichiamo la rubrica di padre Aldo Trento contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Padre, ho letto il suo “Come faccio a chiedervi un euro per i miei figli se il vostro cuore non batte più?” e mi rivolgo a lei non soltanto per sollevare obiezioni, ma per avere una direzione spirituale.

La frase con cui lei ha aperto il suo messaggio è l’esatta fotografia di quello che un cristiano cattolico è costretto a subire da un po’ di anni a questa parte. Una soppressione invadente della coscienza altrui! O il mio cuore batte come il tuo o non batte o merita di non battere. Questo invito alla carità soverchiante rischia di soffocare anche chi non ha mai avuto problemi di condivisione: anche un assetato rischia di affogare se gli si dà da bere più di quanto può ingurgitare. La carità oggi ha un unico volto, quello di uno straniero.

Quanti bambini italiani ha tra i suoi “figli”? Guardiamo l’informazione: se vuoi parlare di povertà ecco la foto trita e ritrita di un bimbo africano malnutrito, assalito da un nugolo di mosche. Ma in Italia non ci sono bambini malnutriti? Non ci sono persone povere che sono costrette a rovistare tra i cassonetti dei rifiuti? La nausea sta salendo dallo stomaco di tanti cristiani. “Aprite le porte delle vostre parrocchie!”. Forse che aprendo le porte i morti nel Mediterraneo non ci sarebbero stati?

La priorità non sta nell’impedire che si mettano nella condizione di perire in mare? Siamo talmente pressati da una miriade di inviti alla solidarietà, che se ne manchi uno ti senti in colpa, anche se ne hai accolti novantanove! Liberate le nostre coscienze per favore, e non venite a dire che il nostro cuore non batte più!

I soggetti delle sue cure li ha sempre sotto gli occhi, noi abbiamo il mondo intero senza riuscire a vederne nessuno! Come pellegrino, interi popoli da accogliere, come povero e affamato, anche se ben vestito e ben nutrito, immense folle. Alcuni santi hanno meritato, per il loro amore verso il Signore, l’appellativo di “folle di Dio”, oggi invece vedo la follia verso il povero che nulla ha che vedere con l’amore di Dio. La prego padre, mi convinca del mio errore, perché le assicuro che non è un bel vivere il mio! Ma nel Signore è la mia forza!

Lettera firmata

* * *

Mi ha fatto piacere la sua reazione “furibonda”. Una domanda rivolta mediante Tempi ai mille amici di un tempo. Però mi rallegro che anche lei legga il settimanale e si sia sentito provocato.

A parte la modalità e alcune espressioni sui poveri che mi feriscono, desidero dirle che, come sacerdote e figlio di don Giussani, l’amore ai poveri, nel senso più ampio possibile che si possa intendere con questa parola, nasce dal mio amore appassionato a Gesù. È Gesù il cuore della fede, è Gesù l’Avvenimento che si chiama cristianesimo. Affermava don Giussani il 4 giugno 1975 in un Congresso a cui era stato invitato: «L’essenza del fatto cristiano non è l’annuncio ai poveri, agli operai o dei doveri di giustizia sociale. Ma l’annuncio che Dio si è fatto uomo, dando a tutti gli uomini la possibilità di essere uomini!».

L’esempio di mia madre
La Chiesa ha vergogna di Gesù, e questo spiega quanto lei afferma. Abbiamo ridotto la Chiesa a una Ong. Mi risuona nella mente quanto disse Paolo VI molti anni fa: «Dove sta il popolo di Dio, del quale tanto si è parlato e si parla? Dove sta questa “entità etnica sui generis”, che si distingue e si qualifica per il suo carattere religioso messianico, sacerdotale e profetico che confluisce totalmente verso Cristo, come suo centro focale e che fa derivare tutto da Cristo?».

È partendo da questa mia drammatica appartenenza a Gesù che mi permetto di “rompere le scatole” agli amici, ma anche a lei. È la mia passione per Gesù, per la Chiesa, che diventa passione per i poveri. La casa del Signore è solo il popolo dei battezzati o è l’intero universo? Papa Francesco l’ha definito un “ospedale da campo”. Per cui l’insensibilità verso i poveri e il fastidio che provoca la continua richiesta di aiuto è il frutto di un cuore che non batte più per Gesù. I poveri ci infastidiscono perché suscitano domande che rompono il nostro modo borghese di vivere.

Non dimentichi mai che tutti i santi, proprio perché folli di Dio, erano folli dei poveri. “Agere sequitur esse”, ci insegnavano in seminario. La mia mamma riceveva da tanti santuari il vaglia postale. Nella sua povertà mandava a tutti un’offerta, e lo faceva con gioia. Lei, che apparteneva alla grande schiera dei poveri, era una donna innamorata di Gesù e della Madonna.

paldo.trento@gmail.com

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

COSA: LA LEGGENDA DI BASSANO, 500 km sulle Dolomiti  DOVE E QUANDO: Bassano del Grappa, Vicenza, 22-25 giugno “La Leggenda di Bassano” è una vetrina viaggiante di pezzi unici, una gara di regolarità riservata esclusivamente a vetture Sport-Barchetta costruite fino al 1960. Tra queste anche la Ferrari 250 Testa Rossa del 1958, che affronterà le più belle strade […]

L'articolo RED Weekend 22-25 giugno, idee per muoversi proviene da RED Live.

Sul mercato dal 2010 e aggiornata nel 2014, la Lexus CT200h iniziava a soffrire di uno sdoppiamento della personalità. A una meccanica moderna si accompagnava infatti una linea ardita sì, ma ormai un po’ datata. Una contrapposizione ora sanata dalla divisione di lusso Toyota che sottopone la propria berlina ibrida a un restyling sia estetico […]

L'articolo Lexus CT200h MY18: il cuore non si tocca proviene da RED Live.

Vernice opaca Verde Alpi, vetri posteriori oscurati e un’indole sportiveggiante: la Fiat 500X, una delle SUV compatte più apprezzate sul mercato, debutta nell’inedito allestimento S-Design, disponibile sia per la configurazione “cittadina” City Look sia per quella più fuoristradistica Off-Road Look. Prezzi da 19.950 euro. Vernice satinata a 1.300 euro La Fiat 500X, che condivide la […]

L'articolo Fiat 500X S-Design: urban look proviene da RED Live.

Il Festival della velocità si avvicina e, come ogni anno, la McLaren celebra il rito di Goodwood con una novità. Quest’anno tocca alla 570S Spider, vettura che va ad ampliare la gamma delle Sport Series in attesa dell’entrata a listino della nuova 720S, massima esponente della famiglia Super Series. Trasmissione a doppia frizione Non manca […]

L'articolo McLaren 570S Spider: io non ingrasso proviene da RED Live.

AMR, come Aston Martin Racing. La divisione sportiva della Casa inglese presenta una versione estrema della supercar Vantage, disponibile in configurazione sia coupé sia roadster e con entrambi i propulsori in gamma, vale a dire il V8 4.7 e il V12 6.0. Punto di congiunzione tra la strada e la pista, la Vantage AMR mutua […]

L'articolo Aston Martin Vantage AMR: la pista nelle vene proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana