Google+

Abbiate pazienza, ma tra tette e culi non capisco più niente

settembre 19, 2012 Franco Molon

Abbiate pazienza ma sono un po’ lento di comprendonio. Mi state dicendo che non possono guardare le tette di Kate per via della privacy, degli avvocati e delle querele ma che posso comprare un giornale dove c’è il culo biotto (che poi vorrebbe dire nudo) di Maometto per via della libertà di stampa e di espressione.

Meglio chiudere 40 ambasciate in giro per il mondo piuttosto che pagare i danni alla vecchia Elisabetta, che quando le toccano la famiglia si incarognisce. La logica non fa una grinza, è l’Occidente bellezza; sempre meglio il culo delle tette.

Se dite che è giusto così, va bene, lo accetto. Non lo capisco ma mi adeguo. Certo però che, se devo barricarmi in casa ad aspettare l’assalto di quei barbuti scalmanati che vogliono bruciarmi bandiera e mutande, mi sarebbe di un qualche sollievo, almeno, avere davanti agli occhi un paio di tette, anche se di una seconda scarsa.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Quando si sceglie di praticare uno sport che prevede di stare in equilibrio su due ruote, spesso a velocità sostenuta, prima o poi l’asfalto o lo sterrato lo si assaggia tutti… Se affinare la tecnica di guida può aiutare a prorogare questo momento, a renderne meno dolorose le conseguenze ci pensa un nuovo tessuto ideato da Scott.

Non provate nemmeno a telefonare in Yeti fra le 11.30 e le 13.00, perché non risponderà nessuno… Sono tutti fuori per una “pausa pranzo” che molti di noi possono solo sognare!

Una novità assoluta di quest’anno, in collaborazione con un famoso portale di acquisti online

Speciale Nuovo San Gerardo