Google+

A Montelupo Fiorentino il rapporto millenario tra Oriente e Occidente

giugno 13, 2012 Mariapia Bruno

In bilico tra due mondi, snodo e raccordo tra culture lontane, il mare Mediterraneo è al centro del progetto Il Mare tra le Genti. Rotte di cultura, arte e ceramica tra Islam e Toscana che, dal prossimo 22 giugno, prenderà il via nella città toscana di Montelupo Fiorentino, la città della ceramica per eccellenza. Attraverso una serie di convegni, mostre e cantieri d’arte si indagherà il rapporto millenario tra Oriente e Occidente per i prossimi due anni. Prima tappa il Palazzo Podestarile che, sempre dal 22 giugno, ospiterà la mostra Verso Oriente e ritorno. L’arte orientalista e gli scambi di modelli decorativi nel bacino del Mediterraneo, visibile fino al 14 ottobre 2012.

A scandire le sale espositive di questa prima retrospettiva, una serie di opere di pittura, scultura, grafica e ceramica dei protagonisti del cosiddetto Orientalismo italiano, ossia di quegli artisti che, dalla metà dell’Ottocento fino agli anni Venti del Novecento, si sono lasciati affascinare dalla cultura Islamica e ne hanno riportato le suggestioni nelle proprie opere. Spiccano tra questi Cesare Biseo – che ha pure vissuto ad Alessandria d’Egitto – con l’opera Una giovane marocchina (1881), ritratto in pose occidentali di una donna in costumi e colori tipici marocchini, e Umberto Dall’Orto con il suo Bazar di tappeti al Cairo (1882).

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

1 Commenti

  1. Gavin Wenning scrive:

    Hi Karen
    Now We have been using the tool for your few of days. It is often a great way to keep track of the folks I adhere to and who is unfollowing me. Thanks to the tip
    Thomas recently posted..Let pacman come across your lost disk space

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

FIAT Freemont: dall’anonimato a stelle e strisce al successo europeo. Abbandona il marchio Dodge e il nome Journey, si rifà il trucco e diventa protagonista nelle vendite tra i crossover, un successo inatteso? Forse no.

La seconda generazione della supercar tedesca abbandona l’originario V8 4.2 per affidarsi esclusivamente al V10 5.2 Lamborghini negli step da 540 e 610 cv. Più leggera di 50 kg rispetto al passato, verrà affiancata da una variante elettrica da 462 cv.

La crossover di media cilindrata più venduta in Italia si rinnova nel look, ora più aggressivo e avventuroso. In sella sorprendono la facilità di guida e la fluidità del bicilindrico, ancora più docile che in passato. L’ABS è di serie. Costa 8.590 euro

Derivata dalla nota 650S, la versione LongTail della supercar inglese scatta da 0 a 100 km/h in 2,9 secondi e raggiunge i 330 km/h. Pesa quasi 200 kg meno del modello standard.

Personalizzata dall’atelier Garage Italia Customs, nato da un’idea del giovane Elkann, la crossover italiana abbina un’originale livrea spigata a materiali pregiati a profusione quali radica, denim, cashmere e Alcantara. Un salotto su ruote.

Speciale Nuovo San Gerardo